Jump to content

Cacafocu

Members
  • Content Count

    12,148
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    17

Cacafocu last won the day on January 27

Cacafocu had the most liked content!

Community Reputation

503 Excellent

About Cacafocu

Contact Methods

  • Website URL
    http://

Profile Information

  • Location
    da giu lu troccu de li porchi

Recent Profile Visitors

2,238 profile views
  1. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Cazzo....io scherzavoooooo!!!! Pure lo stesso nome... https://www.repubblica.it/politica/2020/04/10/news/il_pd_un_contributo_di_solidarieta_da_chi_ha_un_reddito_superiore_a_80mila_euro_-253640966/?ref=RHPPTP-BH-I253644671-C12-P1-S1.12-T1
  2. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Anche fosse...l'Olanda, o il Lussemburgo, o l'Irlanda, veri e propri paradisi fiscali...cosa sono?I soldi arrivano in Italia, passano in mani mafiose e poi riescono, puliti, per tornare nei conti correnti dei paesi di cui sopra...
  3. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Il parlamento olandese ha appena votato due risoluzioni che intimano i suoi negoziatori a bruxelles di non accettare in alcun modo gli eurobonds ma solo il mes e solo con condizionalità..... Dopo dice che i populismi vanno combattuti.... FAMO DA SOLI....BTP IRREDIMIBILI come ho scritto dellà
  4. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Coronavirus, Die Welt: «Mafia in Italia aspetta soldi da Ue». Di Maio: «Vergognoso, Berlino si dissoci» Duro attacco del quotidiano tedesco contro gli eurobond proposti da Giuseppe Conte. Il ministro degli Esteri Di Maio: «Frasi inaccettabili» shadow «I Paesi dell’Unione europea dovrebbero certamente aiutarsi a vicenda nella crisi per il coronavirus. Ma senza alcun limite? E senza alcun controllo? In Italia, la mafia sta solo aspettando una nuova pioggia di soldi da Bruxelles». È questo uno dei passaggi dell’articolo che Die Welt dedica alla crisi coronavirus e alle ricadute della vicenda in ambito Ue. Il titolo scelto dall’edizione online. Secondo il quotidiano tedesco l’eventuale varo dei coronabond potrebbe provocare «una gigantesca perdita di miliardi per i contribuenti tedeschi». Non è scontato poi l’effetto auspicato per economie di Paesi come l’Italia: «Politici e economisti sono divisi». In Italia, afferma Die Welt, «la mafia è un fenomeno di portata nazionale e sta solo aspettando una nuova pioggia di soldi da Bruxelles». Le risorse europee destinate a Roma, si legge, dovrebbero essere spese «solo per la sanità» e «naturalmente gli italiani dovrebbero essere controllati da Bruxelles e dimostrare l’uso appropriato del denaro. I principi essenziali dell’Unione Europea devono continuare ad essere applicati anche nella crisi del coronavirus». Di Maio: «Affermazioni vergognose» «Un’affermazione vergognosa e inaccettabile. Spero che il governo tedesco ne prenda le distanze. L’Italia piange oggi le vittime del Coronavirus, ma ha pianto e piange le vittime della mafia. Non è per fare polemica ma non accetto che in questo momento si facciano considerazioni del genere». Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, intervistato a Uno Mattina, in merito ad un articolo del quotidiano Die Welt, secondo il quale la mafia starebbe aspettando gli aiuti europei. Morra: «Germania ha ‘ndrangheta a casa sua e accusa chi piange vittime» «Chi non vuole recepire la legislazione antimafia italiana sull’aggressione ai capitali mafiosi, chi ha «pecunia non olet» come suo Vangelo, chi ha tantissimi «locali» di ‘ndrangheta a casa sua, rovescia su chi piange migliaia di vittime contro la mafia accuse infami», aggiunge su Twitter il senatore calabrese del M5S, Nicola Morra, a proposito dell’articolo.
  5. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Con tutto questo consenso allora posso appioppare a tutti voi una bella tassetta...la chiamerò, sforzo di fantasia, "Covid Tax"!
  6. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    L'editoriale di Der Spiegel tradotto (da loro) in italiano. A conferma che la Merkel è una nazista, al pari della cricca che guida la Germania. EditorialeIl rifiuto tedesco degli Eurobond è non solidale, gretto e vigliacco di Steffen Klusmann, Redattore capo DER SPIEGEL L'Europa è più di una mera alleanza di egocentrici. Non esistono alternative agli Eurobond in una crisi come questa. 07.04.2020, 16:14 Uhr Il premier Conte ALBERTO LINGRIA / REUTERS Gli Eurobond- affermò la cancelliera Angela Merkel otto anni fa all’apice della crisi dell’Euro- "non ci saranno finché sarò in vita". E così anche la scorsa settimana al vertice dei capi di Stato e di governo dell'UE tenutosi in videoconferenza, i paesi dell'Europa meridionale sono stati messi a tacere bruscamente, quando hanno avanzato nuovamente la richiesta degli Eurobond per proteggere le loro economie dall'impatto della pandemia. Il ministro dell'Economia Peter Altmaier l'ha definita, in modo sprezzante, un "dibattito fantasma". O il governo tedesco davvero non si rende conto di quello che sta rifiutando con tanta noncuranza, oppure si ostina a non capire, spinta dalla paura che il partito populista Alternative für Deutschland (AfD) possa strumentalizzare gli aiuti ai vicini europei per la propria propaganda. Dopo tutto è stato l’esasperante dibattito sul sostegno alla Grecia che ha portato alla fondazione dell'AfD nel 2013. Invece di dire onestamente ai tedeschi che non esistono alternative agli Eurobond in una crisi come questa, il governo Merkel insinua che ci sia qualcosa di marcio in questi bond. Ovvero, che in fin dei conti sarebbero i laboriosi contribuenti tedeschi a dover pagare, in quanto gli italiani non sarebbero mai stati capaci di gestire il denaro. Questa narrazione è stata usata talmente spesso dalla Cancelliera, che adesso ogni concessione a spagnoli e italiani potrebbe soltanto sembrare una sconfitta. Non avrebbe mai dovuto permettere che si arrivasse a questo, non fosse che per un sentimento di vicinanza e solidarietà. L’enorme violenza della pandemia ha comportato una vera e propria tragedia umana e medica in Italia e in Spagna- anche perché ultimamente ambedue gli Stati avevano attuato una forte politica di austerity, come voluto da Bruxelles- e sicuramente non perché vivessero al di là delle loro possibilità. Non esistono alternative agli Eurobond in una crisi come questa. L'Europa sta affrontando una crisi esistenziale. Apparire come il guardiano della virtù finanziaria in una situazione del genere è gretto e meschino. Forse conviene ricordare per un momento chi è stato a cofinanziare la ricostruzione della Germania nel Dopoguerra. Gli eurobond sono obbligazioni comuni emesse da tutti i paesi dell'Euro e non un’elargizione. Hanno il vantaggio di essere considerati un investimento sicuro, in quanto gli stati con una buona reputazione come la Germania risultano responsabili anche per i debitori meno solidi, come l'Italia. Questo rende i prestiti un po' più costosi per la Germania, ma notevolmente più economici per l'Italia. Berlino se lo può permettere, mentre Roma, se fosse lasciata sola, presto non sarebbe più in grado di prendere in prestito denaro sul mercato finanziario, dato che i tassi di interesse sarebbero troppo alti. Se l'Italia, la Spagna e la Francia dovessero applicare programmi di aiuto e garanzie cospicui come quelli tedeschi, per le loro economie stagnanti e per evitare il fallimento di massa delle imprese, non ci vorrebbero miliardi, bensì trilioni di Euro. E se gli europei non danno immediatamente il segnale che stanno lavorando insieme per contrastare questa crisi, sarà una vera festa per i populisti, i nemici dell'UE e gli hedge fund di Londra o New York. Come già nel caso della Grecia, punteranno sul fallimento di uno Stato europeo e questa volta vinceranno la scommessa. Gli stati come Italia o Spagna sono troppo grandi da poter essere salvati con gli strumenti esistenti come il Fondo europeo di salvataggio MES, i cui 410 miliardi di Euro non basteranno a lungo neanche alla sola Italia. Inoltre, gli aiuti del MES sono legati a condizioni, che non avrebbero senso nel caso di uno shock esogeno, come quello del Corona. VERLAGSANGEBOT Clever streiten will gelernt sein Sie wollen Pöblern und Populisten Paroli bieten? Dann greifen Sie zu den Tipps von Bestsellerautor Hasnain Kazim. Auch als E-Book verfügbar! Jetzt kaufen L’enorme violenza della pandemia ha comportato una vera e propria tragedia umana e medica in Italia e in Spagna. I tedeschi vorrebbero piuttosto ammorbidire queste condizioni e rivolgersi alla Banca centrale europea, che potrebbe acquistare quello che nessun altro vuole. Già otto anni fa, la banca centrale era già stata usata dai politici come ultimo baluardo, perché i governi erano troppo vigliacchi per risolvere i problemi da soli. De facto però, tutte queste proposte avrebbero lo stesso effetto: una gigantesca collettivizzazione dei rischi - solo che non si chiamano Eurobond. Sarebbe quindi più onesto ed efficace accogliere l’ultima proposta francese, che oramai sembra trovare anche il consenso degli scettici degli Eurobond: i corona bond. Si tratta di titoli di Stato europei limitati nel tempo e legati a uno scopo ben preciso: far fronte alla pandemia. Darebbero un chiaro segnale ai mercati finanziari, ma anche ai cittadini europei. Sarebbe la prova che non ci abbandoniamo l'un l'altro in tempi di maggiore bisogno, e che l'Europa è più di una mera alleanza di egocentrici, più di un mercato unico ben lubrificato ma dal cuore freddo con una moneta (ancora) comune. E infine le corona bond sarebbero anche un investimento a prova di bomba che finalmente tornerebbe a fruttare interessi. Ma non per gli hedge fund.
  7. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    La giacenza media di un conto corrente non misura la ricchezza. Posso tenere 3/4 mila euro sul conto per campare e avere investimenti finanziari per milioni. Con questo metodo, anzi, favorisci i furbi che magari lasciano 500 euro sul conto e si fanno una bella polizza vita a vita intera inattaccabile (o Quasi) dal fisco. Oppure un bel mandato fiduciario e chiudiamo la questione. Per restare a quello che si può fare in Italia. Se poi uno è proprio ricco ha già praticamente tutto all'estero... Per me, come ha scritto @Dado, la patrimoniale aveva senso anni fa (e l'ho pure scritto qui)...oggi sarebbe un suicidio. p.s.: comunque una patrimoniale sulle attività finanziarie c'è già da 8 anni. Governo Monti: 0,2% annuo sui risparmi, prelievo secco, sulla giacenza finale al 31.12. Oltre ovviamente a tassazione della rendita, del capital gain, etc.....
  8. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Guarda, se vedi la tabella del mise che ho postato sopra di armi ne trovi parecchie... Potremmo paragonarci, parlando di calcio, ad un vecchio bomberone in là con gli anni, pieno di acciacchi, con poca voglia di allenarsi, spesso intento a farsi i cazzi suoi, quasi sempre in campo controvoglia ma capace ancora di fare la differenza.....uno che con la sola presenza ti porta via due difensori....
  9. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    In europa non vedono l'ora di vederci appioppare una bella patrimoniale. Prelevare il risparmio privato per ridurre il nostro debito pubblico è il loro sogno. Da sempre. Ce se farebbero li rasponi a due mani.
  10. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Se salta l'UE, e l'articolo che ha postato @INIGNUTTIBBILE lo spiega bene, ci sarebbero paradossalmente più problemi per i tedeschi che per noi. Il Pil totale della Germania è fatto per il 70% di esportazioni. Se salta l'UE ognuno torna alla sua moneta e quindi loro si ritroverebbero a stampare marchi. Che si apprezzerebbero tantissimo contro tutte le altre monete europee, ovviamente perchè hanno il debito pubblico tra i più bassi in assoluto. Un marco forte, anche contro dollaro, smezzerebbe le loro esportazioni e li metterebbe in crisi. Dovrebbero riconvertire velocemente la loro economia, puntando forte sui consumi interni, cioè facendo spesa pubblica. Ma i crucchi sono fissati con il pareggio di bilancio, e penso che rimarrebbero almeno per un pò belli imballati sulle loro stupide posizioni. Noi staremmo peggio, su questo non c'è dubbio. Ma tutti i paesi del nord europa entrerebbero in una crisi senza precedenti.....non gli conviene farci saltare....gli conviene tenerci per le palle il più possibile....ecco noi dovremmo avere qualche governante capace di strizzare le loro, di palle, molto più forte...Una minaccia? SI, dobbiamo minacciarli....e giocare duro.
  11. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Se non ricordo male più alto degli ultimi due giorni giusto? Di poco ma più alto. A memoria, però dovrei controllare: intorno ai 100.000 € per ogni adulto come ricchezza immobiliare, 120/150 mila € come ricchezza mobiliare. Il tutto al netto dei debiti. Ovviamente sono medie...dentro ci sta Ferrero e chi non ha nulla. E ci sono molte differenze tra nord e sud, differenze in alcuni casi clamorose. Però ripeto vado a memoria...
  12. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    tamponi giornalieri?
  13. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Certo, noi non siamo la Grecia....non ci dimentichiamo che siamo ancora una potenza industriale, che siamo ancora nel G7, che abbiamo il più grande risparmio privato del mondo e siamo il quarto paese al mondo per riserve aurifere. Siamo come una famiglia che ha molto debito verso le banche e altri privati ma al tempo stesso un paio di ville al mare, un negozio commerciale, e due ottimi stipendi. Come se avessimo diversi finanziamenti e mutui da pagare tutti i mesi, che però onoriamo regolarmente. Qualche volta andiamo un pò in affanno ma alla fine ce la facciamo sempre. E un debitore come questo ti assicuro che le banche (in questo caso Germania e soci) se lo tengono stretto....
  14. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Le fornisco io le motivazioni...sono proprio curioso di vedere le sue...
  15. Cacafocu

    Ebola un altro affare?

    Ma direi proprio di no. Se buttamo là opinioni in libertà facciamo pure, se vogliamo fare informazione bisogna portare i dati. L'italia è in europa il primo paese esportatore e importatore verso la Germania. Noi importiamo dai crucchi beni per 50 mld di euro all'anno... Vedere tabelle che allego... Se saltiamo noi salta l'UE e ci portiamo all'inferno parecchi paesi.... https://www.mise.gov.it/images/stories/commercio_internazionale/osservatorio_commercio_internazionale/statistiche_import_export/completo.pdf
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.