Vai al contenuto

Ferefere

Members
  • Numero contenuti

    1220
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Comunità

17 Neutra

Su Ferefere

  • Rango
    Allenatore

Visite recenti

245 visite nel profilo
  1. CIRCOLO CANOTTIERI ANIENE ... Per costruirlo sono stati consumati “ben 14 mila metri quadrati di terreno vincolato e di proprietà del Comune a fronte di una concessione ridicola, solo 39.301 euro l’anno. Il che fa la miseria di 3.275 euro al mese versati al Campidoglio, per la durata pazzesca di 42 anni. Al punto da chiedersi: nel 2051, anno in cui il Campidoglio potrà incamerare l’impianto, “a quanto ammonteranno i guadagni privati dell’Acquaniene per quel po’ di struttura costruita su solo pubblico?”. Il tutto, peraltro “grazie a un mutuo venticinquennale di 18,2 milioni concesso dal Credito Sportivo e garantito da una fidejussione del Comune, cioè pubblica, di 6 milioni e mezzo”. In mezzo secolo il Comune incasserà d’affitto solo 1 milione e 650 mila euro.
  2. Tranquilli che mercoledi la Panzironi riporterà finalmente la legalità e la giustizia in tutta questa brutta storia. Malfidati!
  3. Binda su Twitter In tanti mi chiedete di Giorgetti, io rifletto sul tanto atteso intervento risolutore a gamba tesa e penso che difficilmente il Governo si metterà contro il Coni, con il quale sta organizzando le Olimpiadi... Quindi non vedo via d’uscita Direi che a sto punto ci si può tranquillamente mettere l'anima in pace
  4. Intanto la FIGC che vuole ricorrere al TAR per il caso Entella che senso ha? Vale a dire, la sentenza del CONI obbliga la federazione a riammetterli in B? Perché se non li obbliga basta che la risarciscano, tanto uno più o uno meno che cambia? Fossero soldi loro...
  5. Vero; però più che mutazione genetica io penso che in certi ruoli ti ci mettono solo se sanno che sei controllabile, la gente libera la evitano come la peste.
  6. Penso che tra Tavecchio e Lotito alla fine le cose si sono incrinate cmq sempre nell'intervista fatta da Zazzaroni aggiunge.. Sta 22 ore al giorno sul pezzo, ha testa, conosce tutti, cerca di coagulare consensi intorno a sè. Vuole sempre diventare presidente o vice, ma ogni volta non lo nominano nonostante si dia da fare come un matto». Infine, l’ex numero uno ha svelato che durante il suo mandato, il patron della Lazio sarebbe voluto diventare vicepresidente vicario. La cosa, però, avrebbe dato fastidio a troppe persone importanti, ed alla fine non se ne fece più nulla. Ora per quello che ci riguarda la questione è tutta qua, se nel frattempo è riuscito a portare queste "persone importanti" dalla sua parte, oppure no. Se dovesse davvero intervenire il governo, allora vorrebbe dire che non ci è riuscito, diversamente ha vinto lui.
  7. Nonostante sia un personaggio impresentabile, ha detto cose sacrosante "Il presente è un calcio dormiente. E' irregolare - punta il dito Tavecchio. - Un calcio che il 31 maggio indicò alle società che avevano disputato i playoff le modalità per i ripescaggi, versamenti, gli 800mila euro, graduatorie e altro, e il 13 agosto, ovvero due mesi e mezzo dopo, spiegò che aveva scherzato, che non se ne faceva niente, calpestando tutte le norme... Assurdo. Se le apre i miei cassetti in via Allegri - svela l'ex numero uno della Figc - trova il progetto che avevo in mente per rendere sostenibili i campionati e l'attività della Nazionale: 18 squadre in A, 20 in B e due gironi da 18 o 20 in C. Ventiquattro o ventotto squadre in meno e, inoltre, importante, anzi determinante, l'accesso alle proprietà e i bilanci controllati da un organo terzo esterno alla Federazione, una sorta di Banca d'Italia. Altro che organo endofederale".Quando gli si chiede cosa succederà il 22 ottobre, data delle elezioni federali, Tavecchio risponde: "Io spero che quelli che possiedono il 73% abbiano capito che è tempo di esprimere un presidente credibile. Se il 22 ottobre non ci sarà un nuovo presidente, il Governo dovrà intervenire per nominare un commissario del commissario. Una figura 'sovrafederale' in grado di cambiare il calcio nel giro di 2 anni. Subito le riforme".
  8. La FIGC, infatti, sarebbe pronta a impugnare il pronunciamento del Collegio di Garanzia ritenendo la decisione del massimo organo di giustizia sportiva del Coni monca su alcuni aspetti rilevanti. Nella sentenza della Prima Sezione presieduta dal professor Mario Sanino che premia il sodalizio ligure, non viene fatta menzione né della revoca dell’affiliazione intervenuta nei confronti del fallito Cesena né dell’udienza davanti al Tribunale Federale Nazionale del 12 settembre, a cui ha preso parte anche lo stesso club ligure, ma che è successiva al deposito della decisione integrale poi appellata dall’Entella stessa. Tra l’altro, anche l’immediato deposito delle motivazioni depone per la concreta possibilità di un nuovo ricorso degli avvocati della Federcalcio, Luigi Medugno e Letizia Mazzarelli.
  9. Gia che c'era gli poteva chiedere quante possibilità ci sono che arrestano Lotito sugli spalti durante il derby...
  10. Ok grazie. Non te rompo più coi giudici in canottiera
  11. Speriamo invece che lo rinchiudano e buttino via la chiave
  12. Ma è vero che il tar per revocare un decreto monocratico deve entrare nel merito e per entrare nel merito la decisione deve essere collegiale. Per cui ieri si è fatto qualcosa di illegale/annullabile? @bartolelli
×

Informazione Importante

Usando questo sito acconsenti ai nostri Termini D'uso. Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.