Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'longarini'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Ternana
    • Solo la Ternana!
    • Statistiche & Match Report
    • GIORNALI, RADIO & TV
    • Amarcord
  • Tifo
    • Curva Nord
    • Curva Est
    • Vicini di Curva
  • Sport
    • Sport 24h
    • Sport a Terni
    • FantaCalcio
    • Partite del forum
  • Generale
    • Discussioni in libertà
    • Compro, Vendo & Scambio

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


citta

Found 37 results

  1. Faccio un promemoria per gli sbadati. E poi, magari, se qualcuno davvero interessato voglia prenderlo come un riassunto di quetsi anni a Terni se, come si dice, ha intenzione di creare una società che sia autosufficiente. Bella intenzione e giusta anche, ma che seguano dei fatti, purtroppo il tempo sta per scadere, la gente non ce la fà più a stare attaccata come un tempo al calcio e, a Terni, a questa squadra disgraziata, ma affascinante. I contenuti espressi da Simone Longarini in conferenza stampa, hanno dei presupposti molto spesso giusti (vedi la difficoltà a fare calcio qui, etc. etc.) Soprattutto per ricordare che il tempo è davvero scaduto qui a Terni, e la stanchezza e la disillusione nata circa 12 anni fa e che prosegue ancora oggi, frutto di "autogestioni" fatte per interessi personali dei vari personaggetti che si sono succeduti alla guida delle spoglie della Ternana Calcio, oggi si tramuta in isterismo e incazzature. Tanto per ricordare che noi tifosi siamo il frutto anche e purtroppo di tutto questo....chi parla e giudica lo facesse parlando direttamente con le persone, non scrivendo qui che è tutto inutile, facesse AZIONI CONCRETE nel proprio piccolo, invece di sparlare dei tifosi che hanno subito questi 12 anni, si sciacquasse la bocca. L'ha capito persino Simone Longarini questo. Passo in rassegna, QUESTI SONO FATTI E NON PAROLE: - Campionato di Serie B 2003-2004: venduto dopo aver girato secondi alla fine del girone d'andata (e vincevamo a Bergamo davanti all'imbattuta Atalanta se non avessimo venduto lì il pareggio) GESTIONE AGARINI FIORETTI POI BANCHE LONGARINI: E' quello dove hanno minime se non nessuna colpa. - Campionato di Serie B 2004-2005: Zampagna riscattato alle buste dal messina per una scarpa e una ciavatta, Frick e Jimenez (insieme ad altri) fuori rosa e in panchina nel primo derby perso 0-2 in casa (il primo della storia perso in casa in campionato sul campo dalla Ternana con quelle merde). Al ritorno 4-0 subito a Perugia. - Campionato Serie B 2005-2006: Il CAPOLAVORO. Con Corradetti e i Montemari, presidente Ferramosca. Retrocessione dopo essere arrivati 20simi con partite vendute tipo quella in casa col già retrocesso Catanzaro di quel mafioso di Giordano, 2-2 col Brescia in casa, sconfitta a Cremona con i Montemari che ridacchiavano a fine partita nonostante la retrocessione. Pseudo allenatori in panchina come Mimmo Caso. - Campionato Serie C1 gir. B 2006-2007: dodicesimi. AVANSPETTACOLO. Inizia l'era di Masticone Dominicis quale amministratore unico (lo stesso che oggi è in società). Iniziano le denunce ai tifosi e ai ragazzi del forum. Favarin lascia prima che inizi il campionato (e dopo il rifiuto di Giusto, capito chi? ad allenare l'allora Marchiciana) capendo l'aria di AUTOGESTIONE dei mitologici Pesce e Montemari, poi in panca si succedono il sistemista D'Urso (quest'anno già esonerato a Catanzaro), con l'aziendalista Raggi che prima mette fuori rosa fior di giocatori tra cui Oshadogan (ricordo ancora il lungo servizio dedicato mi pare da La7 all'argomento), mentre Longarini in tribunale a Terni per discutere della questione Jimenez. Raggi poi fa da prestanome (visti i scarsi risultati) al Maeshtr di calcio e linguistica Giorgini il quale, non potendo allenare perchè già esonerato, piazza il suo ombrellone da spiaggia abruzzese su un terrazzo fuori del campo di allenamento e col megafono (non potendo ufficialmente stare in campo ed allenare) impartisce grandi lezioni di tattica che ci permettono un grande piazzamento in campionato, appunto il dodicesimo. Voci su come si fanno i contratti a giocatori già rotti (Ricca o a ex giocatori (come Bonfiglio), o peggio giocatori dilettanti (come il genero di Giorgini, Fasciocco). Su impicci con assicurazioni. Etc. Etc. Andiamo di nuovo sui tg nazionali per la rissa alla fine della partita casalinga col Manfredonia, accordata per 1-1 ma vinta dai pugliesi con gol al 90° nonostante gli accordi. Zamperini entra in rosa. Lo stadio viene chiuso dal sindaco contro la Salernitana e dunque non si gioca (torniamo ancora sui tg nazionali). Ultimo derby vinto col Perugia, 2-1 a Terni con gol proprio di Zamperini (su deviazione di un loro difensore) al 90° ma a porte chiuse, poichè lo stadio non è omologato per le partite a rischio secondo quelle che sono le nuove norme di sicurezza. Ci salva all'ultimo tuffo dalla retrocessione solo la sapiente guida di Raimondo Marino, subentrato infine a fine stagione. - Campionato Serie C1 gir. A 2007-2008 : Finalmente con il Vate Giorgini ufficialmente in panchina, in modo tale che la formazione venga finalmente fatta direttamente dentro gli "uffici" di Leonessa, da dove nascono anche grandi progetti, tipo la scuola calcio in Argentina, mentre Pesce fa il mercato nei sottoscala non essendo autorizzato ad entrare nell'hotel dove si tiene, dal momento che non ha il patentino da ds. Candreva rescinde consensualmente il contratto e si accasa ad Udine. Date le premesse, si inizia la stagione con una rosa composta da giocatori di Eccellenza e prima categoria come Ricca, Perney, Fasciocco, Bussi, Cardona, Chiarotto, Femiano, Cibocchi, D'Astolfo, Scarzanella ma soprattutto Bizzarri Tonino (uno dei più scarsi mai visti nella storia dei campionati di C1, autore della genialata che ci farà perdere in superiorità numerica il derby casalingo col Perugia, 0-1, l'anno successivo). Una triste brigata capitanata da Sartor e Zamperini, subentra in società come consulente Beppe Signori (si scoprirà che era consulente di calcioscommesse, coi fidi Sartor e Zamperini in campo...Alla fine di un match casalingo Giorgini va alle mani con un nostro giocatore, a testimonianza del grande polso dello spogliatoio che il maeshtr aveva. Perdiamo 1-0 il derby a Foligno. - Campionato Serie C1 gir. B 2008-2009: Decimi. Con Giorgini confermato, visti i grandi risultati dell'anno precedente, si inseriscono in rosa altri fieri calciatori come il capitano e portiere Visi, (S)Burrai, Borghetti, (Mari)Tozzi Borsoi, il francese Lacheheb (metà calciatore metà ragazzo-immagine in discoteca), Noviello (che si diverte a fare scketches nella tv aziendale insieme al cocainomane Concas), arrivano gli argentini Alessandro e Martinez (chissà quale amico procuratore glieli avrà piazzati), insieme a qualche buon elemento: lo scazzatissimo Rigoni (che, una volta andato via, guiderà il Novara di Tesser fino alla Serie A), Perna Raffaele, Scappini Stefano, Piccioni Walter, Concas Fabio, Di Deo Guido, Del Grosso Federico. Ma, giocando in un ambiente da avanspettacolo, non rendono come dovrebbero, e dunque si riesce nelll'impresa di perdere il derby casalingo col Perugia in 11 contro 10, grazie ad un giocatore di prima categoria (come l'allenatore, d'altra parte: solo giovannetti crede che sia lui a fare la formazione) come Bizzarri. Perdiamo di nuovo anche a Foligno, per 1-0. Alla 34esima subentra come allenatore il 2°, Baldassarri. - Campionato Serie C1 gir. B 2009-2010: L'ultimo anno con Dominicis amministratore unico ci regala un sesto posto, miglior risultato di sempre dell'autogestione Pesce-Montemari, condito di splendide perle, come l'esonero dell'ottimo Baldassarri con la squadra seconda in classifica ad un punto dal Verona (che poi vincerà il campionato) con il proclama di essere insoddisfatti dello stesso e voler puntare al primo posto. Arriva lo scienziato del 4-2-3-1 Domenicali, che lascia dopo poche partite, ma sufficenti per farci scivolare fino alla quinta piazza, comunque utile per i play off. Eravamo troppo forti per scivolare ulteriormente, e così viene richiamato in panchina Giorgini, l'unico in grado di farci andare ancora più in basso. Si perdono (su accordo) partite mitologiche con il real marcianise (che si è davvero comportato con noi come il real madrid....4-0 fuori e 0-3 in casa) e con - udite udite - il Pescina Valle del Giovenco (poi fallito a fine stagione, come il Grande Real) con un doppio 0-2. Per fortuna Foligno e Perugia sono nell'altro girone. Alla fine, ultima buffonata a Reggio Emilia, dove perdiamo all'ultima giornata la quinta posizione proprio a favore dei granata emiliani. Pensare che oltre un migliaio di ternani, nonostante la palese svendita del nostro campionato, si presenteranno comunque al Giglio. - Campionato Serie C1 gir.B 2010-2011: IL SECONDO GRANDE CAPOLAVORO. E l'anno del finto avvicendamento societario col compare monnezzaro Angelo Deodati. Grandi speranze a Terni. Poi, arriva a ottobre ds Cozzella a spegnerle, portato dal monnezzaro. In panchina Mister Gobbo, con cui si era iniziato il campionato, verrà sostituito da un "allenatore di serie A" per usare le parole di deodati, Fernando Orsi. Con lui in panchina, mentre la società colleziona 2 punti di penalizzazione per non aver pagato gli stipendi e i contributi per tempo, perdiamo addirittura in casa il derby col Foligno (0-2) ma l'opera non è completa finchè non subentra Giordano (mancava solo lui in una squadra del genere) che ci fa vendere l'ultima di campioanto con l'Andria (con un pareggio saremmo stati salvi, ma prendiamo due gol ai minuti di recupero e perdiamo 2-3). Ai play out, perdiamo a Foligno 1-0 l'andata e pareggiamo 1-1 a terni al ritorno, con cappellone fantasmagorico di visi (che ci aveva provato già un paio di volte nel corso della partita) al 94° (con la vittoria 1-0, saremmo stati salvi noi). - Campionato Serie C1 gir. B 2011-2012: Ripescati (dopo aver speso mi pare 300.000 euro di fidejussione a fondo perduto per ottenere tale diritto), si inizia la stagione con Zadotti (il commercialista dei Longarini) come presidente e Mister Domenico Toscano come parafulmine-allenatore. Il Mister compie un vero miracolo calcistico: inizia lastagione davanti a qualche centinaia di spettatori, battendo sotto la pioggia alla prima il Viareggio 1-0, finisce in trionfo insieme alla sua squadra che fa il giro della città in pulmann in mezzo alla folla festante. Si torna in serie B. Peccato la Lega decida che lo Spezia debba vincere la Supercoppa di lega Pro, altrimenti avremmo nel carniere anche quella, alla fine di una stagione memorabile. - Campionato Serie B 2012-2013: Nonostante le difficoltà tecniche, frutto della solita stagione iniziata in ritardo, e una gestione del mercato penosa da parte di Cozzella, Toscano porta a compimento l'opera iniziata la stagione precedente, conducendo le Fere con un gioco sparagnino e concreto, al nono posto in campionato, migliore stagione di B dagli anni '70, se escludiamo il campionato venduto 2003-2004 (alla fine settimi) e quello successivo (ottavi) con BriniBrini in panchina (ma due derby persi). - Campionato Serie B 2013-2014: Sedicesimi. Si parte con grandi ambizioni, e buoni investimenti. La rosa vede confermati elementi di prospettiva come il portiere Brignoli, Meccariello, Masi, Ceravolo, Dianda e altri punti di riferimento come Fazio, Lauro, Carcuro, Alfageme, Ferronetti, Bernardi, Miglietta, Litteri e Nolè insieme a innesti importanti come Viola, Gavazzi, Farkas, Rispoli, Zito, Sciacca, Maiello, ma soprattutto la giovane coppia uruguayana Falletti-Avenatti, lo slovacco Valjient e il bomber Antenucci. Toscano non trova la giusta alchimia, la squadra arranca, il mister viene esonerato dopo una vittoria con la Reggina a squadra come "salva", appena sopra il 19° posto che significherebbe retrocessione. Subentra Tesser, il quale con umiltà e pazienza riesce a guidare la squadra alla salvezza. - Campionato Serie B 2014-2015: Dodicesimi. Nonostante le rassicurazioni, Tesser inizia la preparazione senza avere giocatori sufficienti per fare la partita a ranghi contrapposti (mi pare avesse a fine agosto solo una decina di elementi), soliti ritardi nei rinnovi anche di giocatori di riferimento (vedi ad esempio lo stesso capitano, Fazio) e con la perla della cessione all'ultimo del bomber - Antenucci (le sue 19 reti erano state fondamentali per la salvezza dell'anno precedente) - non rimpiazzato. Nonostante le evidenti lacune nei reparti, non viene fatto nemmeno il mercato di Gennaio. Tesser compie un vero miracolo, stabilisce un grande rapporto con la città in tutte le sue componenti, pareggia due derby col Perugia (2-2 al Curi bellissimo e 0-0 al Liberati e conduce una squadra scombinata (cosa che non gli impedisce di perdere ben 10 partite in casa, record). Nove vittorie esterne (anche questo record credo), tra cui Frosinone (unica sconfitta in casa per i ciociari poi promossi in A). Ma non perde nessuno dei due derby. L'unica costante sono i soliti arbitraggi a sfavore (42 partite senza un rigore, per dirne una) frutto della totale assenza della società non solo in città, ma anche nelle sedi preposte. A fine stagione, nessuno lo contatta per un eventuale rinnovo, e così il capitano Fazio, autore tra l'altro di un gol decisivo a Modena. - Campionato 2015-2016: Arrestato il presidente Zadotti (per cause non inerenti la Ternana), si brancola nel buio societario fino a luglio, mentre Cozzella se ne guarda bene dal fare mercato fino ad agosto...intanto viene a sopresa richiamato Toscano, fresco di vittoria nel campionato di Lega Pro e successiva rescissione consensuale del contrattp col Novara. Porta a Terni l'intero staff, Longarini Simone viene nominato presidente (dopo un breve intermezzo di Masoni, espressione delle banche). Torna Dominicis amministratore, losche voci (non smentite) dicono dei MOntemari che si aggirano in società (avevano intentato causa alla Ternana quando vennero allontanati). Alla fine Cozzella viene cacciato, al suo posto interim di acri (che già era stato ds nell'anno della retrocessione dalla B alla Lega Pro). Acri mette in piedi un organico finalmente secondo una logica tecnica, ma il ritardo di preparazione e qualche errore portano Toscano a soffrire l'inizio di campionato. Non protetto dal suo Presidente, presenta le dimissioni. Confusione in casa Ternana. Simone Longarini indice una conferenza stampa molto interessante e decisa, lascia intendere nemmeno troppo velatamente questioni sulla gestione della società, stabilisce un legame con la città. Chiama alla guida tecnica Breda. Risultati altalenanti, si perde l'ennesimo derby casalingo con un rigor inventato dal raccomandato Maresca, davanti a 12000 spettatori e a coreografie fantastiche delle curve. Ad oggi, già 4 sconfitte casalinghe di cui una al derby con rigore inesistente, quattordicesima dalla stagione 2014-15. Ancora c'è qualcuno che si domanda come mai poca gente allo stadio? L'appartenenza si crea anche e soprattutto con esempi positivi, bei personaggi che rappresentano squadra e società, infine: VITTORIE.
  2. topic ufficiale. è arrivato nessuno? gliel'avete portata la sciarpetta per dirgli quanto sono bravi?
  3. Cacafocu

    ANNATEVENE TUTTI!!

    Propongo petizione da sottoscrivere. Postate solo queste due parole. Agli amici giornalisti del forum chiedo se per cortesia potranno leggere tutti i nick di chi firma nelle prossime trasmissioni sulle fere. Grazie a tutti anticipatamente. ANNATEVENE TUTTI!!
  4. Il Conte di Collebertone

    LONGARINI TE NE DEVI ANDARE VIAAAAAA!!!!!!!!

    SE NON TI FOSSE ANCORA BEN CHIARO, TE NE DEVI ANDARE VIA E PORTARE CON TE GLI ULTIMI ESECUTORI DEI TUOI "PROGETTI", DI QUESTO SCEMPIO, CHE STAI PORTANDO AVANTI DA OLTRE 10 ANNI. SE IL FINE ULTIMO È IL FALLIMENTO, TI CHIEDO CORTESEMENTE DI ACCELERARE I TEMPI PER TERMINARE QUESTA DECENNALE STORIA DI ASSURDITÀ . VATTENEEEEEEEEEEEEE!
  5. QUESTO E' UN TOPIC DI PIENA FIDUCIA A SIMONE LONGARINI..... Per dire che esiste una Terni che ha voglia di rimboccarsi le maniche, di riprnedere a crescere, costruire, rinnovarsi, che è positiva, ma attenta al bene della Città. Esiste una Terni matura che non si fa ubriacare e stordire da presidenti della Ternana e non vede più nulla intorno a se stesso dimenticando il bene della Città. Apro questo Topic xche è arrivato il momento buono per rispolverare a pieno la passione della Ternana... Si è aperta una situazione positiva e nuova da 2 3 mesi....questa situazione dopo tanti anni è finalmente arrivata, bisogna coglierla...bisogna andare verso una convergenza con la Società e pacificare il piu possibile l'ambiente sportivo Ternana...che a Terni non è solo calcio...ma socialità e tanto altro.... Simone Longarini è sceso ufficialmente in campo..... VA SPEZZATA QUESTA SPIRALE BRUTTISSIMA CHE SI E' INNESCATA NEGLI ANNI A TERNI, DOVE TUTTI SI LAMENTANO, DOVE TANTI SPERANO CHE LE COSE VADANO MALE, CHI SPERA DI ANDARE IN ECCELLENZA, CHI SPERA SEMPRE CHE LE COSE PEGGIORINO. BISOGNA SPEZZARE QUESTA SPIRALE BRUTTISSIMA CHE SI STA CREANDO A TERNI IN GENERALE CHE OGNI PERSONA O QUALCUNO CHE TENTA DI FAR QUALCOSA DI ECONOMICO SOCIALE DEBBA ESSERE ATTACCATO E DISTRUTTO. Fiducia a Simone Longarini.... :flag:
  6. Tutti i dettagli qui -> http://www.umbriaon.it/longarini-procuratore-ternana-fino-a-giugno/
  7. Ormai la Ternana è passata di mano da più di un mese. Ma alcune dinamiche non sembrano essere chiare. Anche sul nostro sito in un articolo uscito ieri si mette in dubbio la circostanza che si sia ancora la vostra presenza nella gestione della attuale società. Abbiamo contattato direttamente Longarini per fare chiarezza. Ecco cosa ci ha risposto: "Mi hanno mandato stamattina l'articolo in questione. Non ho mai apprezzato il collega firmatario come giornalista e credo che sia prevenuto nei miei confronti per vecchie ruggini personali. L' Avv Proietti è stato estremamente chiaro sia sui passaggi già eseguiti (girata notarile della prima parte delle azioni e procura a gestire) sia su quelli da eseguire dopo le ferie (cambio governance e girata della parte residua delle azioni). A giugno abbiamo firmato un contratto vincolante estremamente chiaro e che non lascia spazio ad alcun equivoco e siamo stati chiari nell'esporre gli step del primo e del secondo closing... Se poi qualche mente contorta scambia quella che è l'educazione che si usa in un naturale passaggio di consegne per "regia occulta" o chissà cos'altro io posso farci poco. Ho sempre pensato che il 90% dei ternani che ho conosciuto siano persone sane ed oneste e che abbiano a cuore solo gli interessi calcistici della squadra che amano, purtroppo qualche teorico della cospirazione che non sa impiegare differentemente il suo tempo si trova sempre".
  8. https://www.sportpaper.it/2017/05/26/simone-longarini-ternana-dilettanti/102720 L'articolo dice che prende la salernitana e camilli potrebbe diventare il nostro presidente...poracci, mi stanno in mezzo al cuore
  9. Cari Ternani, in questi anni la mia famiglia ha sostenuto Terni e la Ternana Calcio sempre ed incondizionatamente senza ambire ad alcun ritorno collaterale se non ai risultati sportivi ed allaffetto della Città. Limpegno economico richiesto ad un azionista di una Società di calcio è molto gravoso e per diverse ragioni non è più sostenibile dalla mia famiglia (nella situazione attuale molto complicata anche per motivi personali), ma soprattutto in un contesto congiunturale del Paese e locale, sia economicamente che amministrativamente, difficile. Purtroppo è arrivato il momento che avrei sperato non arrivasse mai e, con immenso dispiacere, sono costretto a comunicare la decisione della mia famiglia di non potere proseguire nel dispendioso sostegno alla Ternana Calcio. Ho volutamente atteso il termine della competizione sportiva per comunicare tale decisione in quanto non ho voluto deconcentrare nessuno dallobiettivo della permanenza per il sesto anno consecutivo nel campionato di serie B. Questanno lobiettivo appariva lontano e per questo siamo stati chiamati ad effettuare a gennaio ulteriori spese per rafforzare la squadra. Questi sforzi, unitamente allaffetto dei veri tifosi, ci hanno consentito di raggiungere lagognata salvezza, mai così difficile come questanno e per questo ancor di più amata. Questa è la comunicazione più difficile della mia vita e la faccio con inenarrabile difficoltà ma preferisco essere chiaro con una scomoda verità che furbo con una bella bugia; purtroppo non ci è più possibile proseguire. Siamo alla ricerca di investitori interessati a rilevare la Società e che quindi dimostrino di avere la capacità economica e finanziaria di sostenere annualmente, come fatto da noi, le necessità della Ternana Calcio. A solo titolo esemplificativo (e daltronde i bilanci pubblici lo dimostrano) la stagione meno onerosa delle ultime 5 è costata al socio oltre . 5.000.000,00. Chiunque dia prova di avere i necessari requisiti di solidità economica potrà verificare i documenti sociali presso lo studio dellAvvocato Massimo Proietti di Terni ma lo dovrà fare a strettissimo giro , poiché entro il 15 Giugno la Ternana Calcio deve essere in grado di fornire le necessarie garanzie per liscrizione al prossimo campionato di Serie B. Ad oggi i nostri tentativi di trovare un successore (esperiti negli ultimi 6 mesi in maniera silente e nella riservatezza dovuta dalla pendenza del campionato) non hanno avuto successo. Ho scritto queste poche righe con la morte nel cuore, esse rappresentano per me una grande sconfitta personale e professionale, ma sono convinto che le difficoltà vadano affrontate a viso aperto e sopratutto in maniera chiara e trasparente; lunica considerazione che attenua la mia disperazione è lessere riuscito a mantenere la categoria, condizione necessaria ed imprenscindibile perché qualcuno si faccia avanti. Mio malgrado è questo il momento e purtroppo non è più rinviabile. Mi congedo con immensa tristezza. Sempre Forza Fere. Simone Longarini
  10. Qui il problema è uno. Si chiama era longarini. Se fossi il leader delle curve opterei per stadio deserto e striscione longarini vattene da qui a fine campionato. Tutto il resto (scelte tattiche di Gautieri, Petriccione in panchina, etc.) è più che secondario rispetto al male primario. Longarini Vattene. Vogliamo fallire.
  11. lu cafone

    FINANCO TIFA PER LA LAZIO

    Quando dopo più di 2 ore di colloquio, ti alzi per salutare e gli dico...."spero che mi fai rivedere la serie A per la terza volta, perchè ero troppo piccolo per averla vissuta alla grande, visto che avevo, 7 e 9 anni....è il mio sogno da TIFOSO"......e poi lo guardo e gli dico.....del resto anche LEI da PRESIDENTE come primo tifoso della TERNANA dovrebbe essere il primo ad avere questo sogno nel cassetto".......lui me guarda e sorridendo mi risponde......"....IO TIFO PER LA LAZIO"......ecco.....IO li invece dè prenderla come una battuta......gli dovevo dare un biscottu su li denti e famme arrestà.......invece l'hò presa come una battuta spiritosa.....solo dopo 2 mesi invece mè so accorto che diceva la verità.....e che per oltre 2 ore mi ha preso solo per il culo.
  12. Il Conte di Collebertone

    LONGARINI VENDI E VATTENE STASERA!!!!!!!

    VATTENE VIA, SEI LA DISTRUZIONE, SEI PEGGIO DELLA PESTE BUBBONICA, SEI RIUSCITO A FARE L'IMPOSSIBILE. VATTENE STASERA STESSA, LASCIA LA TERNANA, VENDILA PER POTER PERMETTERE A CHI ACQUISTERA' DI PROGRAMMARE LA PROSSIMA STAGIONE IN LEGA PRO!!!!!!!!!!!!!!!!!!! NON ERAVAMO MAI RETROCESSI A MARZO!!!!! TU CI SEI RIUSCITO!!!!!! VERGOGNATI, ARROGANTE, STAI FACENDO FIGURE DI MERDA TU E LE STAI FACENDO FARE A NOI!!!!!! LA TUA ARROGANZA HA FRUTTATO SOLO DISTRUZIONE!!!!!!!! VERGOGNATI VATTENE VIA DA TERNI!!!!!!!!
  13. 92 anni di storia rossoverde. 92 anni di colori magici. 92 anni di orgoglio e fierezza. Chi ha vestito quei colori facendo la nostra storia lo ha fatto con dedizione al sacrificio ed all'impegno. Chi ha vestito quei colori facendo la nostra storia lo ha fatto diventando nel collettivo una squadra del e per il popolo. Chi ha vestito quei colori facendo la nostra storia a volte è anche uscito sconfitto dal campo, perchè succede anche questo come nella vita, quando si intraprende un cammino e si persegue un obiettivo. La differenza è che chi ha vestito quei colori facendo la nostra storia lo ha fatto uscendone sempre e solo a testa alta. Chi ha vestito quei colori facendo la nostra storia è sempre stato a difesa della nostra storia, della nostra identità d'acciaio e dello stadio. La nostra e loro 'casa'. E chiunque, che la nostra storia rossoverde può considerare 'uomo', ha dato l'anima per la difesa della propria 'casa' e della propria famiglia 'acquisita' con vari migliaia di componenti sugli spalti. Chi ha vestito quei colori facendo la nostra storia sul campo è stato proiezione di coloro che difendono questa fede e sostengono questi magici colori dagli spalti. Chi ha vestito quei colori facendo la nostra storia sul campo è stato proiezione di chi nel quotidiano piange davvero e motivatamente, di chi nel quotidiano combatte per mantenere la dignità di lavoratore, di padre di famiglia, di essere umano, di Ternano. Chi ha vestito quei colori facendo la nostra storia ha lottato, con ferocia e lealtà, ha dato vita a questi colori, ha difeso la nostra e loro 'casa', ha onorato e rispettato questa maglia, questa tifoseria, questa città. Chi ha vestito quei colori facendo la nostra storia rimarrà per sempre onorato con orgoglio da Terni e rimarrà inciso nel tempo con l'appellativo di FERA. Voi siete solamente degli indegni. Siete nauseanti. Siete ripugnanti. Nessuno escluso. Siete ciò di più lontano possa esser paragonato allo spirito di questa città, tifoseria, squadra. TERNANA 1925. Siete riusciti nell'impresa di esser ricordati come il nauseabondo disonore più basso in 92 anni di storia. Dovreste aver la decenza di rifiutare, per quell'inesistente briciolo di dignità personale che vi contraddistingue, la prima maglia durante le prossime gare che vi vedranno 'non' protagonisti in campo. Non la meritate, non vi appartiene. Abbiamo avuto più dignità e palle noi a fronteggiare 14 anni di viscida e pestilenziale piaga Longariniana. Voi in 90 vomitevoli minuti avete solo reso l'idea d'esser degli invertebrati, degli eunuchi senza palle. Terni non merita la vostra presenza, il Liberati non merita la vostra presenza. Meritate di esser abbandonati alla vostra silenziosa, putrida fossa colma di merda e vergogna che con le vostre mani avete plasmato con tanta cura. E' questa la vostra dimensione umana e sportiva. Longarini. A voi che in questi 14 anni dall'alto della vostra viscida e sudicia arroganza avete preso in ostaggio seviziando ciò che di più caro abbiamo. A voi che in questi 14 anni ci avete costretto al patibolo delle più gravi umiliazioni. A voi che in 14 anni avete macchiato, come la più grande piaga di peste mai capitata, 92 anni di storia. A voi che attraverso i vostri vari rappresentanti avete disonorato una fede, denunciato i tifosi coloro che rappresentano e sono la Ternana stessa. A voi che avete minacciato tramite i social l'identità di un'intera comunità. A voi che avete ridicolizzato con tragici eventi sportivi, organizzativi e non solo al limite perfino del surreale il nome della nostra amata. A voi che avete costretto Terni sportivamente più volte in lacrime a cercar una vana spiegazione a tutta questa spocchiosa, sfrontata follia e che con il vostro indicibile fare borioso tentate quotidianamente di spingere sempre più la nostra testa sotto il fango. A voi che avete bruciato senza il minimo batter ciglio l'età migliore di tanti sostenitori per viver una fede sportiva. A voi che, con ripugnante stomachevole ed insensata capacità organizzativa e di programmazione, avete concesso tappeto rosso in casa nostra ai rivali Ascolani ed agli odiati nemici di Perugia, condannandoci alle peggiori umiliazioni sportive. A voi che in modo ributtante vi appellate solo alle sale di tribunale, anche per un derby perso sul campo, e che oltre all'umiliazione sportiva ci marchiate con l'onta di perdere anche un ricorso da voi indegnamente cercato. A voi che dopo 14 anni di resistenza avete costretto in troppi all'esilio volontario dai nostri spalti. A voi che anche quest'anno cercate di spingervi oltre stuzzicando schifosamente divertiti la nostra pazienza. A voi che vi permettete anche di replicare ai tifosi anche se in squadra da un mese, inutilizzabili e dopo un ennesimo derby perso in modo vomitevole, crocevia di una stagione che vi vede retrocessi. A voi che cercate di elemosinare con promozioni presenze e consensi dopo aver sfregiato 92 anni di storia. Che Cristo o chi per lui ve ne renda infinitamente merito. Che i vostri beni e le vostre passioni possano venir colpite almeno il doppio di quanto voi ci avete costretti a subire in ogni tipo di sfaccettatura. Che la natura faccia il suo corso quanto prima o come meglio creda. Terni vi schifa uno ad uno. Terni vi vomita addosso. E con voi schifa tutti coloro che si son affiancati a voi, per convenienza, al fine d'innalzare il loro profilo di Rabbì e detentori di verità assolute su di un piedistallo sorretto da una base di viscido servilismo ed arrogante incoerenza al grido di 'Grazie Società' ed altre pseudo notizie quotidiane. Terni spera che per decenza ed orgoglio Ternano non riceviate più attenzione mediatica alle prossime conferenze stampa, che vi sia tolta la parola così come a noi è stato tolto ciò che di più caro sportivamente abbiamo. Terni spera che il 'potere mediatico' serva esclusivamente per denunciare la vostra incapacità e condotta e smerdarvi finalmente come meritate in ogni angolo del paese. Terni spera che la politica, fin'ora assente e vostra complice e che non avrà redenzione per questo, possa impedirvi l'accesso allo stadio per le prossime gare in casa. Retrocessi. Terni vi schifa. Esige che voi spariate senza far più ritorno. Che sia per cessione o per fallimento. Sarà comunque la nostra più grande vittoria. 'Il tempo degli onori presto sarà finito'. LONGARINI, CHI PRESTA SERVIZIO ALLA CAUSA, 'DS', 'ALLENATORE', 'PSEUDO - GIOCATORI'. FUORI DAI COGLIONI, FUORI DA TERNI.
  14. Il Conte di Collebertone

    SIMONE FAI COME BENNY PLEASE!!!!!!

    Per il nostro bene, per io bene della Ternana, Simone fai come Carbone, dimettiti. Vai da tuo padre o da chi è il proprietario o comproprietario della Ternana, questo non lo so, e rassegna le tue dimissioni. Con te e stato un tracollo generale, ci stai portando diritti in Lega Pro!!! Se mi dai un appuntamento te lo vengo a chiedere molto educatamente anche di persona, ce prendo le ferie e mi faccio 450 km, ma ti prego dimettiti!!!!
  15. Freak Brother 1973

    Chi sarà il prossimo denunciato?

    Nell'intervista di TernanaNews.it http://www.ternananews.it/in-primo-piano/esclusiva-tn-la-ternana-fa-causa-a-cozzella-e-deodati-chiesti-in-totale-15-mln-di-euro-30617 l'avvocato Massimo Proietti - difensore della Ternana Calcio Spa - afferma testualmente: "Stiamo lavorando ad un’altra grossa causa della quale, per riservatezza, non posso parlare" Chi potrebbe essere il prossimo denunciato? Di Girolamo? Panucci? Biscetti e Lu Cafone? Zadotti? Rossoverdi.com? Acri? Vincenzo Paglia? Mogol? Larini? Andrea Abodi? Mattarella? Samanta Togni? Si accettano scommesse!
  16. paolo65

    Che succede tra due anni?

    incollo da Umbriaon La cessione In questo caso il discorso è il solito, già manifestato lo scorso anno: «Longarini – il passaggio in merito – ha lamentato la mancanza di interlocutori seri, confermando però la sua disponibilità a farsi da parte se dovessero essere interessate persone disposte ad investire e mantenere la squadra almeno in serie B. Quindi qualora arrivi qualcuno che garantisca la serie cadetta entro i due anni in cui la società attuale avrebbe delle responsabilità, i Longarini sono pronti a trattare. A tale proposito le quote sequestrate risultano essere il 53% del capitale e queste possono essere rilevate direttamente dal tribunale. Simone Longarini si impegna a mantenere l’impegno economico profuso nella gestione della società che attualmente è di circa 3,5 milioni a stagione per mantenere la Ternana in Serie B». In italiano significherebbe qualcosa del tipo: dopo so cazzi Vostri... Qualcuno ne sa niente?
  17. campodestenti

    Così parlò Simoncino

    Cari Tifosi, cari Ternani Come sapete sono, da sempre, una persona poco incline allesposizione mediatica ed ai riflettori. Purtroppo oggi, come altre volte in passato, le circostanze mi obbligano a dover ricorrere alla penna per raccontare, a tutti coloro che avranno la pazienza di leggere queste righe, cosa è accaduto negli ultimi 40 giorni, ovvero dal primo luglio u.s. quando ho nominato un nuovo e corposo staff tecnico, in quanto qualcuno vorrebbe far passare un certo messaggio e si è mosso scientificamente per uscirne da martire, mentre invece credo sia più onesto condividere con tutti voi alcuni episodi di quanto accaduto al fine di ristabilire la realtà. Per rendere la comprensione più chiara occorre partire dallinizio di questa mia avventura come presidente della Ternana Calcio. Ho iniziato ufficiosamente a Giugno del 2015 in condizioni quasi estreme, con un A.U. ai domiciliari ed un DS plenipotenziario. Ho cercato, come sempre, di fare il massimo per ottenere i miei obiettivi ovvero far essere la Ternana Calcio una società autosufficiente senza per questo perdere di competitività. La prima stagione per certi versi la considero un successo, per altri, invece, un grande fallimento. Anche io ho le mie colpe: due su tutte, quella di aver confermato la fiducia alla persona sbagliata che mi ha fatto perdere più di un mese fondamentale (oltre a tanti altri danni che approfondiremo in sede giudiziale) e quella di aver voluto lavorare con un amico, o almeno uno che io consideravo tale. Abbiamo passato tante difficoltà nel processo di riorganizzazione messo in atto la scorsa stagione, ma, nonostante tutto , abbiamo retto i colpi e siamo andati avanti. Per farlo non ho lesinato impegno e fatica togliendo tempo ad altre aziende altrettanto importanti e nelle quali con passione ho sempre lavorato. Ho seguito la squadra, spesso, in casa ed in trasferta, delle volte sostituendomi come motivatore a chi in quel momento avrebbe dovuto farlo ma evidentemente non era più in grado. Certe settimane ero spesso al campo di allenamento, sono stato al fianco dei ragazzi e del mister quando sentivo che ne avevano bisogno; ed alla fine, facendo un bilancio e considerate le mille difficoltà incontrate lungo il percorso, non posso dire (data la mia maniacale competitività) di essere pienamente soddisfatto, ma posso dire che sicuramente poteva andare peggio. Veniamo allodierno: nel mese di Maggio, finito il campionato scorso, avevo le idee molto chiare su come volessi continuare il processo di organizzazione della mia società al fine di renderla sempre più forte e soprattutto più indipendente dal mio personale impegno, poiché già sapevo che questanno, per diversi motivi, non avrei potuto dedicare gli stessi sforzi profusi nel corso della passata stagione. Da parte mia non sarebbero mai mancate passione e dedizione, ma avrei messo in atto una differente organizzazione con un organigramma chiaro e definito, composto da diverse figure forti che mi avrebbero permesso di seguire la società più in maniera strategica che personale, come ho sempre fatto in ogni altra azienda. Avevo le idee molto chiare su chi sarebbe stato il DG e su chi avrebbe fatto il DS, ne è dimostrazione il fatto che è stato il DG a negoziare e perfezionare il contratto del DS. Due sole cose ho chiesto al mio staff: Rispettate sempre le gerarchie della società, ed i ruoli di ognuno (onde evitare di ripetere gli errori del passato, dopo vedremo perché); Tenere sempre a mente il budget, la nostra filosofia e le nostre regole.La scala gerarchica di questa società (su cui qualcuno ultimamente si è divertito a fare lo spiritoso) è semplice e lineare: vi è un AD a cui fa capo e risponde la verticale finanziaria ed organizzativa ed un DG a cui fa capo e risponde la verticale sportiva. Entrambi sono i referenti ed i responsabili per le verticali che gestiscono, ed entrambi rispondono direttamente a me. Chiunque legga queste righe ed abbia gestito, anche solo per una settimana, una struttura aziendale, sa perfettamente che, a prescindere dalla materia di cui lazienda si occupa, unorganizzazione gerarchica con compiti chiari e chiare responsabilità è alla base del buon funzionamento della stessa. Se si mette in discussione la società, tutto viene meno. Lunica cosa certa è la proprietà e nessuno deve arrogarsi il diritto di sostituirsi ad essa. Avevo ricevuto grandi promesse circa il rispetto di queste dinamiche, promesse che sono state disattese quasi da subito. Chi non cè più (vecchi e nuovi) sa bene quali sono le fortissime motivazioni alla base di tali allontanamenti. A partire da Guglielmo Acri che recentemente ha dichiarato di non sapere le ragioni per le quali è stato mandato via, egli invece è perfettamente a conoscenza delle varie problematiche che le sue condotte hanno creato. Nel momento in cui, per il bene della società lAD lo chiama e gli dice di fare una cosa, e lui fa il contrario con laggravante dei toni minacciosi ed offensivi e con lulteriore aggravante di dare allo spogliatoio indicazioni diametralmente opposte a quelle ricevute, alla società non resta altro da fare che chiudere il rapporto anche in considerazione degli enormi e ridondanti disagi che comportamenti del genere creano nel gruppo per il prosieguo della stagione. Stesso discorso valeva e vale per chi ha iniziato questanno. Cè chi ha parlato di gerarchia opprimente che impediva di lavorare: laver chiuso In tre settimane 4 operazioni di mercato in autonomia ed aver messo sotto contratto un corposo staff tecnico in autonomia testimonia, evidentemente, il contrario. Il DS ha avuto carta bianca circa la scelta dellintero staff tecnico, se dopo tre settimane mi dice in riunione che non è più in grado di controllarlo e di gestirlo, posso fare poco altro. Affinché un azienda funzioni è fondamentale che tutti abbiano chiari i propri ruoli e rispettino i propri referenti, differentemente si può anche intervenire e risolvere un problema delloggi ma si avrà la certezza di gettare le basi per lanarchia del domani. Ho il dovere, sempre, di difendere la società che rappresento, la quale, nelle ultime settimane è stata vittima di attacchi sia a mezzo stampa sia, soprattutto, a taccuini chiusi (cosa ben più grave e vile) da parte di chi, stipendiato dalla stessa società, ha provato a forzare la mano ed a descrivere una condizione di difficoltà nellesperire le proprie mansioni. Tali grandi difficoltà raccontate altro non erano che il rispondere a semplicissime gerarchie organizzative, normali e ben chiare già da molto tempo prima delle firme di certi contratti. Chi delegittima, in pubblico od in privato, un quadro aziendale non solo fa il male della propria azienda ma esplicitamente delegittima chi quel quadro lo ha scelto e gli ha dato fiducia, ovvero il sottoscritto. Ancora più grave è fare tutto ciò, ed anche di più, fra le sacre mura dello spogliatoio. Chi non è daccordo con la mia visione delle cose ha il diritto di cessare la collaborazione con lazienda che gestisco e rappresento. Certe alzate di testa, certe forzature per mettere pressione non hanno mai portato a nulla, servono solo ad esasperare gli animi e ad avvelenare il clima; soprattutto se vengono da chi era partito con il giusto spirito salvo poi, per ragioni ancora da decifrare, iniziare una battaglia interna contro chi lo aveva nominato e contro chi gli pagava lo stipendio. Qualcuno ha provato a forzare la mano chiedendo apertis verbis lo stravolgimento di tali gerarchie, attaccando apertamente una figura di riferimento sostenendo che non riusciva a parlarci poiché lo innervosiva e quindi non ci voleva più interloquire. Questo non è lamore di cui egli parla: lamore è una sentimento spontaneo, non una condotta freddamente premeditata. Dovrebbe raccontare invece, tale signore, che in una telefonata delle 13:45 del 16 Luglio u.s. esprimeva al DG la massima contentezza di lavorare con lui e per questazienda, raccontava anche come in altre esperienze fosse stato costretto a pagare di tasca propria cene alla squadra per fare gruppo: esprimeva grande soddisfazione per le condizioni di lavoro concesse e per gli ottimi giovani in organico, giovani coi quali la proprietà avrebbe fatto tanti soldi. Una sola cosa chiese per esser ancor più felice, far allenare la squadra tutto lanno su un campo in erba: 36 ore dopo aveva il nostro assenso e tre proposte di campi in erba da collaudare, il fatto che non sia mai andato a vederli, bucando anche un appuntamento a riguardo, la dice lunga circa la premeditazione di certe condotte. Dovrebbe anche raccontare, tale signore, perché dopo tutte queste belle parole, il 26 Luglio u.s. alle 21:26 comunicava per sms le proprie dimissioni al DG comunicando che la mattina successiva avrebbe salutato la squadra e ringraziando per tutto. Salvo poi presentarsi al campo e far finta di nulla, con la complicità di chi lo ha coperto. E mi fermo qui. Anzi, aggiungo soltanto, per chi si è permesso di dire in tono minaccioso che non dovevo permettermi di portare avanti una certa operazione sopra la testa di qualcuno che i 3.000 tifosi presenti alla prima gara ufficiale ringraziano per il goal e per il passaggio del turno. Oggi la società ha preso delle decisioni nette e forti come è sempre accaduto e come sempre accadrà, quando qualcuno ha provato a metterla spalle al muro. Proseguiremo nel nostro lavoro convinti che con serietà e duro lavoro, i risultati arrivano sempre. Forza Fere. Sempre!. Simone Longarini, A.U.Ternana Calcio S.p.A.
  18. Mai come quest'anno per me da quando siamo tornati in B avremo la possibilita' di stare in alto. Simone Longarini ha un ego non indifferente e finire l'anno scorso in quel modo gli avra' fatto girare le palle non poco e per questo io credo che quest'anno voglia raggiungere l'obiettivo che si era prefissato e dimostrare che LUI SA... Larini per me averlo in B e' un lusso e dandogli tempo sono sicuro che riuscira' a fare una squadra non indifferente. Panucci l'anno scorso a Livorno non ha fatto benissimo, ma c'era una situazione e delle scelte di Spinelli scellerate... per me e' uno cazzuto, ha imparato da Capello e ripongo grande fiducia in lui. Ora, potrete tirare suo questo topic a maggio 2017 senza alcun problema... In Longarini/Larini/Panucci WE TRUST (Playoffs / Sicro)
  19. Nome: SIMONE Cognome: LONGARINI 0 PRESENZE ALLO STADIO Tutti fuori dalla curva per sostenere i ragazzi
  20. TerreArnolfe

    Liberati desolante

    Tornato allo stadio dopo un paio di mesi, con uno dei ragazzini, cercavo un posto al coperto proprio per non fa bagnà il ragazzino, ma Nord ed Est erano già esauriti ("cavolo, ritorna il grande pubblico" me sò detto), macché erano pieni SOLO i posti coperti, cioè solo quelli copertissimi, 7-8 file in tutto. Vabbè comunque sò dovuto andà alla Sud... Che desolazione, che tristezza. C'era più gente in serie D, mi torna in mente un Ternana-Arezzo prima di serie D appunto, con quasi 5mila persone e tante altre partite di quel biennio passato a discute su Fiumicino (non aeroporto, ma la squadra), Monterotondo, Narnese, Bastia, Impruneta e compagnia cantando. Ora, in serie B, lo stadio è un mortorio, non solo perché c'è pochissima gente, ma anche per la desolante curva Est. Ma dove è finito l'orgoglio di quella curva ? Abbiamo saltato una generazione grazie a Longarini e i suoi scagnozzi, una generazione che non si è appassionata, innamorata o almeno invaghita delle Fere. Quando avevo 10 anni circa, ricordo la stagione di Marchesi, sì quella Ternana che arrivò infine quarta, quella di sileno Passalacqua, La Torre, Bagnato, ecc. Dopo una salvezza spericolata con 3 vittorie nelle ultime tre partite, la società ripartì da una squadra giovane ma straordinariamente ben costruita e ben diretta. A inizio stagione non si sapeva quello che sarebbe successo, ma allo stadio c'erano sempre quei 6-7 mila affezionati. La società aveva inventato una specie di mini-totocalcio a premi per i più giovani, tutti provavamo ad azzeccà qualche risultato pé scalà la classifica. Ricordi, lampi, flash di un'epoca dove il responsabile marketing era una parolaccia incomprensibile, eppure le idee non mancavano. Cosa fanno adesso gli espertoni di marketing della Ternana per provare a riportare un pò di pubblico ? NIENTE! E non diamo la colpa sempre a Sky, che in tutta Terni farà non più di 400 abbonati. La verità è che c'è molto da lavorare ma poche idee. E pensare che basterebbe fare un pò di benchmarking, sì praticamente l'americanizzazione del vecchio e sempre valido "copia quello che fanno l'altri" per mettere in piedi qualche iniziativa a costo 0. Non so che ne pensate ? -E' solo colpa di Longarini e dei Montemari sullo sfondo? -E' colpa delle pay-Tv ? -E' un effetto della crisi di immagine complessiva del calcio ? -E' colpa dei tornelli e della tessera del tifoso? -... del calo demografico e della "vecchiezza" della città ? -... della crisi economica - ...dei videogiochi ? -... di Facebook, What's App, Instagram ? -... troppa figa per tutti ? (se sì non me ne ero accorto, diteme 'do stà...) -.. de Luca Giovannetti che cià fatto venì la nausea per overdose de tattiche ? -... boh, mah!... insomma, qualche analisi, idea, proposta... comunque Sempre FORZA FERE!
  21. Magic 1

    Longarini vende?

    Ho letto sul messaggero stamane a tutta pagina che ha intenzione di cedere, e ha messo tutto in vendita, visto che a breve le quote verranno dissequestrate. La domanda sorge spontanea, 1) chi cazzo, sano di mente, si comprerebbe la Ternana? 2) alll'articolista del messaggero, mi sembra Natili, chi cavolo gli passa queste informazioni, visto che ne parla solo tale testata? 3) secondo voi si prospettano anni luminosi o anni bui? 4) gli arabi investono solo in Inghilterra?
  22. Idee, proposte, ecc.ecc. (la ternana siamo noi)
  23. http://www.ternanacalcio.com/index.php?module=loadArticolo&idArticolo=4969 Mercoledì 30 l'A.U. Simone Longarini incontra la stampa al Garden alle ore 12. Io ho una vaga impressione, un timore più che impressione... Sicuramente dovrà spiegare cosa è accaduto con Toscano, e da qui cominceremo a capire se è un farloccone, come avveniva in tempi "eroico-gemellari" quando ci raccontavano poco e solo cazzate, oppure viene davvero per raccontare con onestà le cose come stanno. Probabilmente presenterà alla stampa e ai tifosi il nuovo tecnico che presumo da lunedì prossimo allenerà la squadra. Il mio timore è che possa ri-presentare anche un altro paio di individui. MI AUGURO I GIORNALISTI TERNANI NON FACCIANO I LECCACULI E CHIEDO AGLI ORGANI DI STAMPA CHE SARANNO PRESENTI, QUALORA SI PALESASSERO SINISTRI RITORNI, DI ALZARSI DALLE SEDIE E ANDARSENE DALLA CONFERENZA STAMPA SENZA NEMMENO DARE POSSIBLITA' A LONGARINI DI INIZIARLA! Grazie.
  24. Caro Presidente, Mi spiace dirtelo, ma abbiamo qualche problemino MANCANO LE PALLE AI GIOCATORI Secondo te è accettabile perdere il derby senza vedere una reazione? Secondo te si può vedere lo show di quella merdina di Ardemagni e non farsi venire il sangue alla testa? Secondo te è possibile vedere un presunto campioncino (Avenatti) così moscio? LA SOCIETA' NON E' RISPETTATA Secondo te si può tollerare un arbitraggio come quello di oggi? Secondo te è possibile che non ci venga mai dato un rigore? Secondo te è possibile che venga così spesso designato un arbitro con cui abbiamo un rapporto così difficile? NON C'E' COMPETENZA IN PANCHINA Secondo te è possibile giocare senza centrocampisti tutto il secondo tempo? Secondo te è possibile mettere sempre in campo una ballerina (Masi) invece di un difensore vero (Valjent)? Dicci un pò, chi dovrebbe impostare la squadra? Chi dovrebbe motivare i giocatori? Chi dovrebbe inculcargli il sacro fuoco? NON C'E' TALENTO IN CAMPO Secondo te, come mai non tiriamo mai? Secondo te, come mai spesso gli altri vincono grazie al colpo di un giocatore, e noi mai? Secondo te, come mai pigliamo sempre dei gol ridicoli, su cagate dei difensori? Prova a fare il manager e datti due rispostine. Poi traine le conseguenze. Pensi forse che per motivare i giocatori, il pubblico, l'ambiente basti un video ridicolo - "Hic Sunt Ferae" - ma che cagata è? Russell Crowe sullo sfondo del Liberati? Ma per piacere... Vuoi dimostrare di essere un manager capace e non solo un figlio di papà lampadato che ha letto un corso di marketing 101 su Internet? Facci vedere che sai ammettere i tuoi errori, con i fatti, e prendi subito una DECISIONE CHE SCUOTA L'AMBIENTE. FATTI SENTIRE IN LEGA. OGGI TERNI HA DIMOSTRATO DI ESSERCI. L'HAI VISTA LA GENTE ALLO STADIO? E INVECE DOV'ERA LA TERNANA? Dov'era la dirigenza? SIETE MANCATI NEL MOMENTO PIU' ATTESO. Come sempre! Forse non te ne frega niente, ma qui siamo praticamente già in serie C (o come si chiama adessso)... Puoi scegliere: DATTI UNA SVEGLIATA O LEVATI DAI COGLIONI CON TUTTO IL CIRCO. Finora avevo sempre cercato di tenere una posizione equilibrata, ma da oggi anch'io mi unisco alle fila di quelli che dicono MEGLIO L'ECCELLENZA DI QUESTA DIRIGENZA! Fammi cambiare idea. Grazie
  25. Con lui finalmente la proprietà ci ha messo la faccia. Diamogli fiducia. Forza Emanuele! (per caso ho sbagliato anno e fratello ? )
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.