Jump to content
Semprerossoverde

Ebola un altro affare?

Recommended Posts

In Piemonte da domani mi pare sarà obbligatoria la mascherina sempre anche all'aperto, cioè se io sto in una piazza, con un'altra persona a 100 metri da me allora me la devo mettere ? ma allora sta storia del metro di distanza è 'na stronzata ??

Share this post


Link to post
Share on other sites

il problema per il covid è che per la stragrande maggioranza si somma alle altre cause di morte (cioè, la stragrande maggioranza dei morti per covid avrebbero visto il 2021 senza questa malattia). A oggi realisticamente saremo sui 40000 morti reali causate da covid in Italia, oltretutto non distribuite uniformemente sul territorio ma in buona parte in Lombardia. In certe zone hai veramente quasi eliminato la generazione degli anziani.

Cioè, se non ci preoccupiamo di una malattia che in un anno potenzialmente ti uccide più di 100000 persone in più di quelle che muoiono normalmente, se lasciata fare, non lo so di cosa ci dobbiamo preoccupare.

 

poi, certo, passerà anche questa, abbiamo passato la spagnola. ma un aumento dei morti in un singolo anno che potenzialmente può andare sopra al 10%, se non si prendono provvedimenti, è un dramma spaventoso

Edited by wild.duck

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Manson ha scritto:

6 mila all'anno sicuramente molti di piu,ed in constante aumento di anno in anno,solo che alle 18 di ogni santo giorno la protezione civile non aggiorna il bollettino

Edited by Nambo

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, Nambo ha scritto:

6 mila all'anno sicuramente molti di piu,ed in constante aumento di anno in anno,solo che alle 18 di ogni santo giorno la protezione civile non aggiorna il bollettino

Parliamo di più di 177.000 persone all'anno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'intervista di Sala su la7 ha avuto momenti in cui si è sfiorata una spudità galleriana. "ma se l'incubazione dura fino a 14 giorni, magari potrei essermi infettato e ancora non saperlo..."

A Sala, ma va, va. Al momento i test questi sono, allora smettiamo di farli a tutti e bon. Ma smettiamo pure di fare i test dell'aids, c'è il periodo finestra. è chiaro che sono misure che hanno una valenza statistica, non di certezza assoluta.

Più un pistolotto sul fatto che a Milano non si sente manco più parlare milanese, perché loro accolgono da sempre.

 

Primo, mi pare di aver capito che questa cosa del prendersela con i milanesi l'ha decisa lui che è così(dato che a quanto pare Sicilia e Sardegna un test vogliono chiederlo a tutti, non ai soli lombardi). Secondo, non ho capito, se pure si chiedesse un comportamento diverso ai milanesi e ai lombardi perché hanno, magari, 80 volte il numero giornaliero dei contagi rispetto ai romani (penso che parametrato sulla popolazione stiamo da quelle parti) dovrebbe essere considerato una specie di insulto o simile? Ma mica è per sempre, porco giuda, e ci sono differenze macroscopiche di contagi. Ribaltando la cosa, quando io e altre decine di migliaia di stronzi siamo rimasti bloccati in posti improbabili dall'oggi al domani fondamentalmente solo perché qualche migliaio di scienziati di Milano ha deciso che era il caso di fare un salto in treno in Puglia o in Sicilia in piena epidemia, e quindi era il caso di impedire anche i rientri in residenza, ma si sono sentiti tutti sti strepiti perché una cosa così palesemente scomoda per tutti è stata decisa solo per le cazzate dei milanesi?

 

E che cacchio, c'è un'epidemia e una regione che oggettivamente è messa molto peggio (e per cui probabilmente sarebbe nel loro stesso interesse trovare il modo di far calare i casi più velocemente magari senza rischiare di spargere troppo il contagio in giro), un po' di serietà... oltretutto per ora quello che chiedono ai milanesi è uguale identico a quello che chiedono a tutti gli altri italiani, compresa l'ultima polemica con Sicilia e Sardegna.

Inoltre non sta scritto da nessuna parte che se una parte del paese ha contagi zero e una viaggia sui 300 al giorno è cosa buona e giusta prendere gli stessi identici provvedimenti da entrambe le parti e aprire automaticamente il passaggio da una zona all'altra (anzi, a pelle sembra un'idea piuttosto stupida)

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, A Sotto ha scritto:

Ogni persona e’ libera di pensare ed attuare di conseguenza, ma non facciamo passare il fatto che chi usciva per fare attivita’ fisica sbagliava

Non facciamolo passare però nemmeno per una persona straordinariamente intelligente però.  Il lockdown italiano é durato, fortunatamente, solo due mesi. Se mi dici che é stata dura gestire dei bambini in casa ti seguo, ma degli adulti che non sono riusciti a rispettare norme di buon senso e di autoconservazione per 60 giorni sono semplicemente dei minus habens. Ci sono fior di atleti professionisti che l'hanno rispettato senza fare un fiato, e organizzandosi diversamente il workout in casa, e tanti weekend warriors come il sottoscritto che hanno scalpitato sotto sotto e adesso fanno il mazzo per recuperare qualcosa dei km perduti.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Manson ha scritto:

Sinceramente pensavo che ci sarebbe stato un qualche rimbalzo dopo il 4 maggio.

mi ci sarei giocato i sacri gioielli di famiglia, e invece grazie al cielo (e nonostante il dato brutto di oggi in lombardia) per adesso non si vede niente del genere.

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, ostinato ha scritto:

Ma difatti è proprio questo il punto...

Noi non eravamo preparati e non si poteva fare diversamente...

Ma in vista di un possibile ritorno del virus, oppure l'arrivo di un nuovo sarebbe ora di capire quali sono le misure che veramente funzionano e quali sono state utili perché impreparati

Esatto, qui hai ragione. 

Tenendo comunque sempre presenti le differenze antropologiche e culturali. 

Il sistema di controllo della corea del sud non sarebbe neanche lontanamente immaginabile per una nazione tipo la svezia, dove la privacy è tutto. 

Esistono le vie di mezzo, certo. 

 

Ma il tracciamento coreano funzionava proprio perché totalmente invasivo, se utilizzato a metà ho paura che faccia acqua, e noi abbiamo le nostre sacre ed inviolabili individualità. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, torquemada ha scritto:

Io personalmente contesto l'aleatorietà delle regole, se il distanziamento minimo che ci hanno sempre richiesto è di un metro, non capisco come si possa considerare assembramento un gruppo di persone - comunque disposte nello spazio - all'aperto e distanziate tra di loro di questo famoso metro.

 

Comprendo che gli scienziati ancora brancolano se non nel buio, in una forte penombra, ma questi hanno dato - e purtroppo ancora continuano a dare - numeri che non sembrano avere una razionalità se passa dai 10/20 metri se stai dietro ad uno che cammina veloce o corre, al metro tra i tavoli dei bar all'aperto, e in tutt'e due i casi stiamo all'aria aperta.

 

Insomma anche la percezione del confine non me sembra facilitata, perché per come la vedo io, anche se distanziati dovrebbe allora essere considerato assembramento anche quello delle persone, ai tavoli all'aperto di un bar (ad esempio), eppure questi vanno bene, quell'altri so multati, così non me pare proprio coerente la cosa.

 

Il portone dello stabile dove abito dà su una piccola piazzetta; inizio ad attraversarla per un imboccare una viuzza che mi avrebbe permesso di fare il giro del palazzo. Dalla direzione opposta alla mia, ovvero proprio da quella viuzza, arrivano due persone, che evidentemente avevano fatto un pezzo di strada insieme e che prima di proseguire ognuno per la propria strada si salutano. A quel punto passo io, che alzo la mano per salutare uno dei due, e ci sentiamo richiamare dai carabinieri. 

Hanno dato assembramento a tutti e tre. (400 euro, 280 se pagati entro due settimane). Più ad altre quattro persone sparpagliate su quella piazzetta. 

Poi in sette, più i due carabinieri, a discutere attorno alla loro macchina. Assembramento clamoroso.

Ci hanno trattato come merde, mentre redigevano i verbali, e questa è la cosa che più mi è dispiaciuta.  Però che gli voi dire?

 

Per il resto, quando mi fermo a parlare con qualcuno ormai sto sempre a un metro, se non di più.

La mascherina la indosso solo quando vado in un luogo chiuso, non in macchina o quando passeggio. 

Quando corro cerco sempre di tenermi distanziato dagli altri, o cambiare lato quando incrocio qualcuno. Di più non riesco a fare..

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 hours ago, NINNI said:

Purtroppo sembra che qui da noi prepararsi a questi eventi sia impossibile: fino a pochi anni fa non esisteva neanche un piano di evacuazione in caso di eruzione del Vesuvio...

È vero!

Però anche noi potremmo fare la nostra parte non raccontandoci a vicenda che l'unica misura in grado di dare dei risultati è il lockdown...

Ho portato l'esempio della Corea del Sud proprio per dire che ci sono approcci completamente diversi e che danno risultati nettamente migliori. A febbraio non era possibile applicare quel approccio perché non eravamo pronti, però trovo insostenibile l'idea che un paese moderno come il nostro non stia neppure prendendo in considerazione l'idea di seguire quel modello in vista del futuro.

E a chi parla di privacy, dico che anche prima del lockdown dicevano che in Italia è impossibile chiudere le persone in casa. Invece mi pare che ci siano riusciti benissimo... Allo stesso modo, se si decidesse sul serio di seguire il modello Corea non ci resterebbe che accettare. Quella della privacy è solo una scusa. Anche perché il tracciamento è solo una parte, probabilmente non la più importante, del loro approccio

Share this post


Link to post
Share on other sites
In Piemonte da domani mi pare sarà obbligatoria la mascherina sempre anche all'aperto, cioè se io sto in una piazza, con un'altra persona a 100 metri da me allora me la devo mettere ? ma allora sta storia del metro di distanza è 'na stronzata ??
No, è una stronzata la storia della mascherina.

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 ore fa, adriatico ha scritto:

Comunque, solo per esempio, nelle Marche era possibile fare una camminata nei 200 metri da casa ma non correre. 

L’ho scoperto a mie spese: di fronte casa mia c'è un parco con la strada sui 4 lati. Il lunedì di pasqua, Mentre alcune persone camminavano a passo veloce io sono sceso a correre: considerate che il giro completo è 250 metri, quindi anche nel punto più lontano ero ben al di sotto dei 200 metri, e che a fianco di casa mia c'è la caserma dei carabinieri. 

Beh, dopo circa una mezz'oretta che giravo come un criceto è sceso un carabiniere che mi ha detto di seguirlo in caserma, spiegandomi che c'era un ordinanza regionale che vietava di correre in ogni caso... Alla fine, capendo che ero totalmente in buona fede non mi ha fatto la multa, ma ritengo tuttora che tale pelosa distinzione tra chi cammina e corre nelle stesse medesime condizioni sia un'assurdita. 

Si beh, come le distinzioni tra chi cammina e chi sta in piedi. Gente seduta su una panchina multata nello stesso punto dove magari passava il runner di turno. E facendo notare la cosa al carabiniere ti veniva risposto: non doveva stare seduta... se camminava non succedeva niente. Oppure persone in solitaria con la sdraia a prendere il sole sotto un palazzo di periferia (sole come cani) multate per la stessa ragione: se invece di stare sulla sdraietta stavano in piedi, non avrebbero multato. 
 

Io ho rispettato e cercato di rispettare il più possibile le regole imposte e devo dire che sono stato anche troppo ligio e nelle rare volte che sono sceso sotto casa a fare 2 passi non mi hanno mai fermato, però sentire queste storie (vere) raccontate da gente super vicina, è veramente pura follia... uno stato che ti multa perché sei seduto su una panchina a 80metri da casa, o perché sei sotto casa, davanti al porticato di casa con una sdraio a cercare un po’ di evasione dalle 4 mura domestiche. 

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, FURIOUS ha scritto:

Io ho rispettato e cercato di rispettare il più possibile le regole imposte e devo dire che sono stato anche troppo ligio e nelle rare volte che sono sceso sotto casa a fare 2 passi non mi hanno mai fermato

 

Bho, io non dubito che ci siano stati casi di eccesso di zelo, come quello descritto sopra da @CrossdiSussi, ma in generale lo stato di polizia e di violenta oppressione a me non è parso di vederlo.

 

La mia personalissima esperienza durante il lockdown, che cmq ho cercato di rispettare scrupolosamente, principalmente per proteggere la mia famiglia, è stata di segno opposto: sono dovuto andare tre volte in ufficio a ritirare della corrispondenza. Per me tecnicamente era fuori comune, anche se fra Casalecchio e Bologna non c'è alcuna soluzione di continuità e nella pratica si tratta di un unico tessuto urbano: non mi ha fermato nessuno in quei frangenti, nessuno mi ha fermato mentre andavo a fare spesa, non ho mai dovuto esibire la mia autocertificazione a nessuno.

 

Penso che qualche milione di italiani si riconosca più in quanto descritto sopra, che nei casi estremi sfortunati. 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, Dado ha scritto:

 

Bho, io non dubito che ci siano stati casi di eccesso di zelo, come quello descritto sopra da @CrossdiSussi, ma in generale lo stato di polizia e di violenta oppressione a me non è parso di vederlo.

 

La mia personalissima esperienza durante il lockdown, che cmq ho cercato di rispettare scrupolosamente, principalmente per proteggere la mia famiglia, è stata di segno opposto: sono dovuto andare tre volte in ufficio a ritirare della corrispondenza. Per me tecnicamente era fuori comune, anche se fra Casalecchio e Bologna non c'è alcuna soluzione di continuità e nella pratica si tratta di un unico tessuto urbano: non mi ha fermato nessuno in quei frangenti, nessuno mi ha fermato mentre andavo a fare spesa, non ho mai dovuto esibire la mia autocertificazione a nessuno.

 

Penso che qualche milione di italiani si riconosca più in quanto descritto sopra, che nei casi estremi sfortunati. 

 

 

Dove sono rimasto bloccato io i servizi (distributore, negozi etc.) sono divisi tra tre comuni. Oltretutto per raggiungere la sede comunale e i negozi da certe frazioni ti tocca sconfinare tra marche e Umbria o in alternativa fare tipo un'ora di macchina in più.

Penso avranno chiuso tutti e due gli occhi su queste questioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

https://www.ilmessaggero.it/salute/focus/coronavirus_piu_debole_contagio_morti_bassetti_cosa_a_detto_cosa_accadra_epidemia_28_maggio_2020-5254767.html

 

Di catastrofisti è pieni il mondo (spesso, per esperienza diretta, si tratta di persone che alimentano un quadro tragico delle situazioni in cerca di rassicurazione, per sentirsi dire che non è così). 

 

A sensazione, stando ai freddi numeri, mi ritrovo - da profano - nelle conclusioni di chi ritiene che questo virus si sia in qualche modo "indebolito".

 

Ci trovo un nesso logico. Anche perchè dopo il 4 maggio non confidavo troppo nei comportamenti altrui per arginare un eventuale ritorno di fiamma...

Edited by Manson

Share this post


Link to post
Share on other sites

Attuare la quarantena ad inizio marzo è stato giusto, averla tenuta nello stesso modo in tutto il paese senza differenziare da regione a regione è stata una scelta idiota, senza senso e non suffragata dai numeri. Soprattutto non è stato giusto manco per niente creare il clima che si era creato nei confronti di chiunque osasse mettere il naso fuori di casa, come se i numeri spaventosi non fossero colpa di chi in Lombardia ha gestito a cazzo di cane ma di chi provava a uscire pur rispettando distanziamento e tutto il resto. Io lavorando coi supermercati sono uscito praticamente sempre e non esiste che io debba stare un quarto d'ora a spiegare a un idiota in divisa che ti tratta come un criminale che il magazzino dell'ortofrutta lavora anche la domenica altrimenti al banco il giorno dopo trovi sto grandissimo ceppo

  • Upvote 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per un utente che mi chiedeva su quali  basi numeriche scrivevo che la Lombardia aveva ancora ieri numeri moderatamente preoccupanti.

 

Se dietro c'è una "manina birichina", direi che la cosa è preoccupante.

 

https://notizie.virgilio.it/coronavirus-fase-2-lombardia-regione-fondazione-gimbe-dati-aggiustati-sospetto-1392548?ref=libero

Share this post


Link to post
Share on other sites

@torquemada io sulla manina non ti so rispondere, ma ho trovato piuttosto interessante che il giorno dopo (24 ore pulite dopo) che si è cominciato a parlare di regionalizzare e lasciare la lombardia chiusa più a lungo di altre regioni, il dato lombardo sulla mortalità abbia immediatamente fatto registrare uno 0 (ZERO). Il giorno prima viaggiavano tipo a 70, facendo da soli la metà dei casi in italia.

 

Fra una settimana verrà fuori che avevano omesso di registrare 68 casi o qualcosa del genere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, torquemada ha scritto:

Per un utente che mi chiedeva su quali  basi numeriche scrivevo che la Lombardia aveva ancora ieri numeri moderatamente preoccupanti.

 

Se dietro c'è una "manina birichina", direi che la cosa è preoccupante.

 

https://notizie.virgilio.it/coronavirus-fase-2-lombardia-regione-fondazione-gimbe-dati-aggiustati-sospetto-1392548?ref=libero

Se ti riferisci a me (e sottolineo "se"), ti chiedevo su quali basi numeriche i numeri IN GENERALE erano per te preoccupanti, visto che le poche regioni che tuttora registrano incrementi di nuovi casi positivi a doppia cifra ieri pubblicavano numeri comunque più bassi rispetto a ieri l'altro (es. Liguria e Piemonte).

 

Se invece la incentriamo sulla Lombardia, è mia opinione da marzo - già condivisa a più riprese - che andrebbe considerata sempre a parte in ogni analisi che porta all'adozione di determinate misure valide per tutta la nazione.

 

Circa le osservazioni della fondazione di cui all'articolo da te linkato, le ho postate poco prima io stesso. E in effetti sembrano circostanziate al punto da far quantomeno riflettere.

Edited by Manson

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 ore fa, CrossdiSussi ha scritto:

 

Il portone dello stabile dove abito dà su una piccola piazzetta; inizio ad attraversarla per un imboccare una viuzza che mi avrebbe permesso di fare il giro del palazzo. Dalla direzione opposta alla mia, ovvero proprio da quella viuzza, arrivano due persone, che evidentemente avevano fatto un pezzo di strada insieme e che prima di proseguire ognuno per la propria strada si salutano. A quel punto passo io, che alzo la mano per salutare uno dei due, e ci sentiamo richiamare dai carabinieri. 

Hanno dato assembramento a tutti e tre. (400 euro, 280 se pagati entro due settimane). Più ad altre quattro persone sparpagliate su quella piazzetta. 

Poi in sette, più i due carabinieri, a discutere attorno alla loro macchina. Assembramento clamoroso.

Ci hanno trattato come merde, mentre redigevano i verbali, e questa è la cosa che più mi è dispiaciuta.  Però che gli voi dire?

 

Per il resto, quando mi fermo a parlare con qualcuno ormai sto sempre a un metro, se non di più.

La mascherina la indosso solo quando vado in un luogo chiuso, non in macchina o quando passeggio. 

Quando corro cerco sempre di tenermi distanziato dagli altri, o cambiare lato quando incrocio qualcuno. Di più non riesco a fare..

Ma quando è successo questo? 

A corso tacito c'è una marea umana dalle 18 in poi, spesso con mascherine e osservando la distanza possibile in un ambiente affollato, ma nulla di diverso da quello che hai raccontato. 

Qui le forze dell'ordine non dicono nulla. 

 

Non vorrei che qui è ok per non far insorgere i negozianti e poi fuori si cerca di portare a casa qualche verbale per testimoniare che si fa sorveglianza attiva... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Dado ha scritto:

@torquemada io sulla manina non ti so rispondere, ma ho trovato piuttosto interessante che il giorno dopo (24 ore pulite dopo) che si è cominciato a parlare di regionalizzare e lasciare la lombardia chiusa più a lungo di altre regioni, il dato lombardo sulla mortalità abbia immediatamente fatto registrare uno 0 (ZERO). Il giorno prima viaggiavano tipo a 70, facendo da soli la metà dei casi in italia.

 

Fra una settimana verrà fuori che avevano omesso di registrare 68 casi o qualcosa del genere.

A questi del non gliene frega niente, si sentono onnipotenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Jean Paul van Gastel ha scritto:

Attuare la quarantena ad inizio marzo è stato giusto, averla tenuta nello stesso modo in tutto il paese senza differenziare da regione a regione è stata una scelta idiota, senza senso e non suffragata dai numeri. Soprattutto non è stato giusto manco per niente creare il clima che si era creato nei confronti di chiunque osasse mettere il naso fuori di casa, come se i numeri spaventosi non fossero colpa di chi in Lombardia ha gestito a cazzo di cane ma di chi provava a uscire pur rispettando distanziamento e tutto il resto. Io lavorando coi supermercati sono uscito praticamente sempre e non esiste che io debba stare un quarto d'ora a spiegare a un idiota in divisa che ti tratta come un criminale che il magazzino dell'ortofrutta lavora anche la domenica altrimenti al banco il giorno dopo trovi sto grandissimo ceppo

Non mi hanno mai fermato,anche perché sono uscito in quel periodo solo per la spesa e lavoro,ma ti stimo per quello che gli hai risposto,soprattutto dopo aver letto a quei due ragazzi di Pavia,come avevo scritto ieri.

Posso spezzare una lancia a loro favore,solo ed esclusivamente perché c'è chi ci ha marciato dietro il lockdown,loro magari non conoscendoti non possono sapere se tu gli dici la verità,ma solo questo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

593 contagi.

 

382 in Umbria e Molise... ehm... volevo dire in Lombardia.

 

Record di tamponi analizzati (quasi 76.000).

 

0,8% di positivi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, Manson ha scritto:

593 contagi.

 

382 in Umbria e Molise... ehm... volevo dire in Lombardia.

 

Record di tamponi analizzati (quasi 76.000).

 

0,8% di positivi.

Sottolinerei che 2/3 sono lombardi, e al netto dell'edulcorazione, se fosse vera. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, wild.duck ha scritto:

io di questa spiegazione statistica di Crisanti non ci ho capito niente...

ma no é facile. E' come fosse antani, con aliquota progressiva ma solo in caso di download.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi ho sentito uno lamentarsi dei danni alla respirazione causati dall’uso della della mascherina, che poi si è tolto per fumare 🙁

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.