Jump to content
fogueres

Serie A 2020-2021

Recommended Posts

1 minuto fa, fogueres ha scritto:

Un protocollo viene fatto per mettere d’accordo tutti su cosa fare in una situazione.

E come se sei in un grattacielo  e scoppia un incendio: ad ogni piano ti mettono il percorso obbligato in caso di pericolo ecc.

La cosa più sicura in generale è non andare nei grattacieli...

 

Il problema di fondo è il giro di soldi che gira intorno al calcio: io non ero abbonato a squadre, non compro maglie della squadra del cuore, non ho Sky,Dazn.

Per quanto mi riguarda se fermano il calcio la cosa non mi turba...

Il problema è che il calcio non è solamente CR7, Messi o Neymar: c’è un indotto grande.

E’ come il ristorante: la cosa più sicura sarebbe chiuderli perché in inverno si starà soprattutto al chiuso.

Ma chi lavora nella ristorazione cosa farà dopo aver già subito un durissimo colpo. 
Idem gli hotel ecc.

Il lockdown è la cosa più sicura ma è anche un modo per distruggere l’economia.

Oggi chiudono il calcio.

Domani chiudono la TK perché serve meno acciaio.

Non possiamo pensare solo a quanto non ci tocca sin da subito.

TK l’hanno chiusa , come tutte le aziende in Italia .

a me personalmente il governo per decreto mi ha fatto sta a casa quasi due mesi perché sono immunodepresso.

tutte le aziende hanno un protocollo, ma il protocollo rispetta le norme nazionali , al limite e più stretto ma mai più largo , per legge cristo !!

se dai noi uno e infetto , l’azienda attua il protocollo , se attuando il protocollo deve mettere a casa x contatti stretti e deve chiudere per un lasso di tempo un impianto perche non raggiunge l’organico tecnologico lo fa senza tante pugnette 

non capisco perché il calcio non possa farlo ... rinvii le  partite finché puoi poi  fermi tutto .

 

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, matteo ha scritto:

E comunque ha spiegato bene caressa cosa ha fatto il Napoli dopo il caso di zielinski. Invece di andare in bolla nella struttura programmata in questo caso sono tornati tutti a casa. Non hanno seguito il protocollo stabilito. Sono andati a fare i tamponi e poi sono tornati ancora a casa. A quel punto è chiaro che la asl emetta un comunicato sconsigliando o vietando di andare a giocare .

Esatto sono loro i primi che non hanno seguito quello che prevede il protocollo in caso di contagio.

Resta il fatto che o fai rispettare regole valide per tutti o fermi il baraccone.

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, matteo ha scritto:

Se fa anche in seconda categoria 

Io sono juventino ma penso che la Juve non si dovesse presentare. Vincere a tavolino è triste. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, NINNI ha scritto:

Io sono juventino ma penso che la Juve non si dovesse presentare. Vincere a tavolino è triste. 

E xche? Ma avete capito cosa hanno fatto a Napoli? Invece de anda’ in isolamento fiduciario dopo il caso zielinsky so tornati a casa! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, NINNI ha scritto:

Io sono juventino ma penso che la Juve non si dovesse presentare. Vincere a tavolino è triste. 

La lega non ha rinviato la partita la Juve si doveva presentare, ci stanno delle regole e vanno rispettate non scherzamo dai.

Poi se il Napoli ha le sue ragioni ci sarà un tribunale a verificarlo.

  • Downvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 minuti fa, lustronculino ha scritto:

Per fare una vera bolla devi avere una struttura immensa che in Italia non hai. E il tipo di gioco non aiuta.
La NBA e riuscita a fare la bolla appoggiandosi a Disney, tagliando fuori diverse squadre e poi per loro e più facile , servono spazi più piccoli, non hanno coppe internazionali  e sono abituati a ritmi serrati.

Da noi anche giocando ogni tre giorni, ti servono almeno 6/8 campi regolamentari. Poi devi tenere lontano i tifosi .

Credo che nemmeno Firenze, includendo coverciano potrebbe ospitare una soluzione simile . Lo stesso vale per Milano ( San siro , Milanello e Appiano e qualche stadio/campo aggiuntivo in zona. O Roma 

onestamente la vedo dura la bolla 

Io giocherei tutto il campionato in Emilia Romagna, ci sono 10 stadi utilizzabili e strutture alberghiere più che sufficienti. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, adriatico ha scritto:

Io giocherei tutto il campionato in Emilia Romagna, ci sono 10 stadi utilizzabili e strutture alberghiere più che sufficienti. 

 

Però a quel punto altre regioni “importanti “ si ribellerebbero perché con potenziale di fare da bolla magari un Toscana+Lazio.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, fogueres ha scritto:

Però a quel punto altre regioni “importanti “ si ribellerebbero perché con potenziale di fare da bolla magari un Toscana+Lazio.

 

 

Bah.. Nel Lazio dove li trovi 10 stadi? Poi stare in una bolla nella città più popolosa d'Italia mi sembra difficile

Share this post


Link to post
Share on other sites

"per quanto riguarda l’attività agonistica di squadra professionista, nel caso in cui risulti positivo un giocatore ne dispone l’isolamento ed applica la quarantena dei componenti del gruppo squadra che hanno avuto contatti stretti con un caso confermato. Il Dipartimento di prevenzione può prevedere che, alla luce del citato parere del 12 giugno 2020 n. 88 del Comitato tecnico scientifico nominato con ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 630 del 3 febbraio 2020, alla quarantena dei contatti stretti possa far seguito, per tutto il “gruppo squadra”, l’esecuzione del test, con 4 oneri a carico delle società sportive, per la ricerca dell’RNA virale, il giorno della gara programmata, successiva all’accertamento del caso confermato di soggetto Covid-19 positivo, in modo da ottenere i risultati dell’ultimo tampone entro 4 ore e consentire l’accesso allo stadio e la disputa della gara solo ai soggetti risultati negativi al test molecolare. Al termine della gara, i componenti del “gruppo squadra” devono riprendere il periodo di quarantena fino al termine previsto, sotto sorveglianza attiva quotidiana da parte dell'operatore di sanità pubblica del Dipartimento di Prevenzione territorialmente competente, fermi gli obblighi sanciti dalla circolare di questa direzione generale del 29 maggio 2020."

 

L'isolamento fiduciario secondo me si può fare anche a casa. 

Qui non specifica il fatto che debbano sottoporcisi tutti insieme, all'interno della stessa struttura. 

https://www.pianetamilan.it/news-milan/rassegna-stampa/milan-isolamento-fiduciario-domiciliare-per-le-positivita-di-ibra-e-duarte/ anche i giocatori del Milan andavano a casa. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 minuti fa, adriatico ha scritto:

Io giocherei tutto il campionato in Emilia Romagna, ci sono 10 stadi utilizzabili e strutture alberghiere più che sufficienti. 

 

Giuro che ci avevo pensato anche io , mi ero limitato alla zona Parma Modena Reggio perché ragionandoci su tra me e me ero giunto alla conclusione che a porte chiuse non serve uno stadio , basta un campo regolamentare 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, CrossdiSussi ha scritto:

"per quanto riguarda l’attività agonistica di squadra professionista, nel caso in cui risulti positivo un giocatore ne dispone l’isolamento ed applica la quarantena dei componenti del gruppo squadra che hanno avuto contatti stretti con un caso confermato. Il Dipartimento di prevenzione può prevedere che, alla luce del citato parere del 12 giugno 2020 n. 88 del Comitato tecnico scientifico nominato con ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 630 del 3 febbraio 2020, alla quarantena dei contatti stretti possa far seguito, per tutto il “gruppo squadra”, l’esecuzione del test, con 4 oneri a carico delle società sportive, per la ricerca dell’RNA virale, il giorno della gara programmata, successiva all’accertamento del caso confermato di soggetto Covid-19 positivo, in modo da ottenere i risultati dell’ultimo tampone entro 4 ore e consentire l’accesso allo stadio e la disputa della gara solo ai soggetti risultati negativi al test molecolare. Al termine della gara, i componenti del “gruppo squadra” devono riprendere il periodo di quarantena fino al termine previsto, sotto sorveglianza attiva quotidiana da parte dell'operatore di sanità pubblica del Dipartimento di Prevenzione territorialmente competente, fermi gli obblighi sanciti dalla circolare di questa direzione generale del 29 maggio 2020."

 

L'isolamento fiduciario secondo me si può fare anche a casa. 

Qui non specifica il fatto che debbano sottoporcisi tutti insieme, all'interno della stessa struttura. 

https://www.pianetamilan.it/news-milan/rassegna-stampa/milan-isolamento-fiduciario-domiciliare-per-le-positivita-di-ibra-e-duarte/ anche i giocatori del Milan andavano a casa. 

 

Il responsabile sanitario della Juve ha spiegato diversamente. Il gruppo squadra deva andare in isolamento fiduciario nella struttura segnalata precedentemente. Bisogna capire meglio non so. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, lustronculino ha scritto:

Giuro che ci avevo pensato anche io , mi ero limitato alla zona Parma Modena Reggio perché ragionandoci su tra me e me ero giunto alla conclusione che a porte chiuse non serve uno stadio , basta un campo regolamentare 

 

Si, è vero. 

Però ci vogliono strutture comunque di un certo livello. Cioè di calcio professionistico. 

In Emilia Romagna ci sono almeno 12 stadi agibili, considerando anche Forlì e Carpi. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, CAPPUCCINO KID ha scritto:

Serie Asl
Campionato di serie Asl


Se oggi ci fosse stato un spezia Napoli o un Crotone Napoli, la partita si sarebbe giocata comunque, fidatevi

😀😀
https://m.dagospia.com/mughini-non-sta-in-piedi-che-a-decidere-se-si-o-no-una-partita-si-debba-giocare-sia-un-asl-248854

Giampiero Mughini per Dagospia

 

Caro Dago, mi spiacerebbe molto se – com’è probabile – stasera a Torino finisse 3-0 per la Juve e questo perché i giocatori del Napoli non si presenteranno né col corpo né con l’anima. Sarebbe un evento tristissimo per quanti di noi amano il calcio giocato davvero, le sue contese, la ridda di vittorie e sconfitte che ne consegue.

 

D’altra parte non sta in piedi che a decidere se sì o no una partita si debba giocare sia un’Asl. La seria A diventerebbe serie ASL ha scritto con la sua consueta eleganza Gigi Garanzini. L’organo preposto al romanzo del calcio italiano, ossia la Lega, aveva deciso che le partite si giocassero e purché una squadra disponesse di 13 elementi non colpiti dal Covid. Come tutte le regole non è la migliore delle regole possibili, ma questa è la regola che avrebbe dovuto governare lo svolgimento del campionato.

La parola ultima spettasse alle Asl di tutte le città e comuni d’Italia, allora tanto varrebbe cancellarlo il campionato, dire che quest’anno non se ne farà niente, che eventualmente i canali televisivi la domenica trasmetteranno le più belle partite dei tornei passati.

Basterebbe dire che la cautela a difesa della salute deve essere assoluta costi quel che costi, ossia a costo di ammazzare l’industria del calcio, ossia la più bella industria simbolica del Paese.

 

Già adesso il calcio italiano è malatissimo, soverchiato dai debiti. Togliete definitivamente le partite da stadi dove pure entrano soltanto mille persone a botta (corrispondenti agli utenti di dieci autobus romani nelle ore di punta) e l’industria del calcio sarà bella e morta. E’ questa la posta in gioco stasera e dopo, su tutti i campi di calcio della serie A. Auguroni alla Juve, auguroni al Napoli.

 

Basterebbe dire che la cautela a difesa della salute deve essere assoluta costi quel che costi, ossia a costo di ammazzare l’industria del calcio, ossia la più bella industria simbolica del Paese.

 

Già adesso il calcio italiano è malatissimo, soverchiato dai debiti. Togliete definitivamente le partite da stadi dove pure entrano soltanto mille persone a botta (corrispondenti agli utenti di dieci autobus romani nelle ore di punta) e l’industria del calcio sarà bella e morta. E’ questa la posta in gioco stasera e dopo, su tutti i campi di calcio della serie A. Auguroni alla Juve, auguroni al Napoli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque da quello che ho capito la ASL non ha agito d'ufficio ma ha riscontrato una richiesta del Napoli. 

È chiaro che se te chiedi la risposta può essere solo di non andare. 

È anche vero che il precedente del Genoa potrebbe aver impaurito i giocatori del Napoli 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, fogueres ha scritto:

😀😀
https://m.dagospia.com/mughini-non-sta-in-piedi-che-a-decidere-se-si-o-no-una-partita-si-debba-giocare-sia-un-asl-248854

Giampiero Mughini per Dagospia

 

Caro Dago, mi spiacerebbe molto se – com’è probabile – stasera a Torino finisse 3-0 per la Juve e questo perché i giocatori del Napoli non si presenteranno né col corpo né con l’anima. Sarebbe un evento tristissimo per quanti di noi amano il calcio giocato davvero, le sue contese, la ridda di vittorie e sconfitte che ne consegue.

 

D’altra parte non sta in piedi che a decidere se sì o no una partita si debba giocare sia un’Asl. La seria A diventerebbe serie ASL ha scritto con la sua consueta eleganza Gigi Garanzini. L’organo preposto al romanzo del calcio italiano, ossia la Lega, aveva deciso che le partite si giocassero e purché una squadra disponesse di 13 elementi non colpiti dal Covid. Come tutte le regole non è la migliore delle regole possibili, ma questa è la regola che avrebbe dovuto governare lo svolgimento del campionato.

La parola ultima spettasse alle Asl di tutte le città e comuni d’Italia, allora tanto varrebbe cancellarlo il campionato, dire che quest’anno non se ne farà niente, che eventualmente i canali televisivi la domenica trasmetteranno le più belle partite dei tornei passati.

Basterebbe dire che la cautela a difesa della salute deve essere assoluta costi quel che costi, ossia a costo di ammazzare l’industria del calcio, ossia la più bella industria simbolica del Paese.

 

Già adesso il calcio italiano è malatissimo, soverchiato dai debiti. Togliete definitivamente le partite da stadi dove pure entrano soltanto mille persone a botta (corrispondenti agli utenti di dieci autobus romani nelle ore di punta) e l’industria del calcio sarà bella e morta. E’ questa la posta in gioco stasera e dopo, su tutti i campi di calcio della serie A. Auguroni alla Juve, auguroni al Napoli.

 

Basterebbe dire che la cautela a difesa della salute deve essere assoluta costi quel che costi, ossia a costo di ammazzare l’industria del calcio, ossia la più bella industria simbolica del Paese.

 

Già adesso il calcio italiano è malatissimo, soverchiato dai debiti. Togliete definitivamente le partite da stadi dove pure entrano soltanto mille persone a botta (corrispondenti agli utenti di dieci autobus romani nelle ore di punta) e l’industria del calcio sarà bella e morta. E’ questa la posta in gioco stasera e dopo, su tutti i campi di calcio della serie A. Auguroni alla Juve, auguroni al Napoli.

A me sembra ridicolo che riusciate a farne una questione di tifo. 

Come se la salute avesse una bandiera. 

  • Upvote 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, adriatico ha scritto:

Comunque da quello che ho capito la ASL non ha agito d'ufficio ma ha riscontrato una richiesta del Napoli. 

È chiaro che se te chiedi la risposta può essere solo di non andare. 

È anche vero che il precedente del Genoa potrebbe aver impaurito i giocatori del Napoli 

E’ questo il punto.

Chi è lo scemo che ti dice “vai pure “ ?

A scrivere qui non ci costa nulla... a mettere le firme ci si lasciano le penne...

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, adriatico ha scritto:

Comunque da quello che ho capito la ASL non ha agito d'ufficio ma ha riscontrato una richiesta del Napoli. 

È chiaro che se te chiedi la risposta può essere solo di non andare. 

È anche vero che il precedente del Genoa potrebbe aver impaurito i giocatori del Napoli 

 

già. E proprio a questo si riferiva Caressa quando ha parlato della rottura di un "patto fra gentiluomini".

Se solleciti l'asl è matematico che questa ti vieti/sconsigli fortemente di partire. Fondamentalmente il Napoli sarebbe dovuto partire senza interrogare l'asl.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, CrossdiSussi ha scritto:

 

già. E proprio a questo si riferiva Caressa quando ha parlato della rottura di un "patto fra gentiluomini".

Se solleciti l'asl è matematico che questa ti vieti/sconsigli fortemente di partire. Fondamentalmente il Napoli sarebbe dovuto partire senza interrogare l'asl.

Mi sembrano alcuni colleghi che scrivono alla casella Covid dell'azienda per farsi dire di stare a casa. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, adriatico ha scritto:

A me sembra ridicolo che riusciate a farne una questione di tifo. 

Come se la salute avesse una bandiera. 

Personalmente non ne faccio una questione di tifo.

Ci sono lavori che possono essere svolti in SW.

Il calcio non è fra questi. Perche altre società con positivi hanno giocato?

Perché ADL ha chiesto il parere della ASL? 
Ma non era quello che si era presentato alla Lega di A con il COVID-19 scambiato per i problemi delle ostriche avariate?

Secondo me ci sono presidenti seri,altri che strumentalizzano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, fogueres ha scritto:

Personalmente non ne faccio una questione di tifo.

Ci sono lavori che possono essere svolti in SW.

Il calcio non è fra questi. Perche altre società con positivi hanno giocato?

Perché ADL ha chiesto il parere della ASL? 
Ma non era quello che si era presentato alla Lega di A con il COVID-19 scambiato per i problemi delle ostriche avariate?

Secondo me ci sono presidenti seri,altri che strumentalizzano.

La situazione è molto particolare. Come ho scritto prima la situazione del Napoli post Genoa è da valutare. 

Allora, mentre tutti, anche qui, danno voce a dei dubbi, non avendo certezze e provando a capire quello che è successo senza pregiudizi, solo i tifosi di una squadra sparano sentenze condannando il Napoli. 

A me sembra ridicolo. 

Tutto qui. 

Poi per carità, può darsi che sbaglio io. 

Tra l'altro mi chiedo: perché il Napoli non voleva giocare? Per zielinski? 

Edited by adriatico

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, adriatico ha scritto:

La situazione è molto particolare. Come ho scritto prima la situazione del Napoli post Genoa è da valutare. 

Allora, mentre tutti, anche qui, danno voce a dei dubbi, non avendo certezze e provando a capire quello che è successo senza pregiudizi, solo i tifosi di una squadra sparano sentenze condannando il Napoli. 

A me sembra ridicolo. 

Tutto qui. 

Poi per carità, può darsi che sbaglio io. 

Tra l'altro mi chiedo: perché il Napoli non voleva giocare? Per zielinski? 

Stessa cosa che mi sono chiesto io: perché il Napoli avrebbe fatto tutto questo casino? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, NINNI ha scritto:

Stessa cosa che mi sono chiesto io: perché il Napoli avrebbe fatto tutto questo casino? 

Io penso che qualcuno della società abbia voluto chiedere un parere all'ASL anche per capire come organizzarsi. 

La risposta dell'ASL non poteva che essere quella. 

A quel punto non c'erano alternative. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, adriatico ha scritto:

Io penso che qualcuno della società abbia voluto chiedere un parere all'ASL anche per capire come organizzarsi. 

La risposta dell'ASL non poteva che essere quella. 

A quel punto non c'erano alternative. 

 

Sarebbe stato più normale che fosse stata la Juve a rifiutarsi di giocare. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, NINNI ha scritto:

Sarebbe stato più normale che fosse stata la Juve a rifiutarsi di giocare. 

Insomma...tre titolari importanti fuori, più tutto il trambusto che hanno vissuto sta settimana, che probabilmente gli ha impedito di preparare la partita nel migliore dei modi, penso che qualche piccolo interesse al rinvio ce lo potessero avere.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Romairone ha scritto:

Insomma...tre titolari importanti fuori, più tutto il trambusto che hanno vissuto sta settimana, che probabilmente gli ha impedito di preparare la partita nel migliore dei modi, penso che qualche piccolo interesse al rinvio ce lo potessero avere.

 

A me la spiegazione più logica sembra quella che ha dato Adriatico: hanno voluto fare i precisi chiedendo un parere all'ASL e se so' incartati. Temo che situazioni del genere capiteranno quasi a tutti. Anche un demente come De Laurentis capisce che, con la Champions da giocare, recuperare partite sarà parecchio complicato. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che il Napoli avesse interesse a rinviare la partita mi pare chiaro...c'è stata anche la richiesta di De Laurentiis ad Agnelli... Comunque una vicenda molto italiana dove non c'è mai certezza delle regole... Vedremo i tribunali che stabiliranno...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.