Jump to content

wild.duck

Members
  • Content Count

    9,132
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    15

Everything posted by wild.duck

  1. wild.duck

    STEFANO CUCCHI

    perché il classico discorso della destra "fighetta" e con il portafoglio gonfio te droghi->finisci in galera coi delinquenti o sotto le mani di quei proletari di poliziotti e carabinieri, a cui ogni tanto si chiude la vena->ci sta che scappi da lì coi piedi in avanti, lo dovevi mettere in conto. è un individuo incommentabile. Ma il problema è sempre il seguito.
  2. wild.duck

    TENNIS

    In bocca al lupo passa! Forza!!
  3. wild.duck

    TENNIS

  4. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    http://www.rgunotizie.it/articoli/politica/montefalco-certificato-debito-milionario-tasse-al-massimo-e-taglio-dei-servizi Comunque, davanti a uno scenario del genere, è lesa maestà dire che è poco normale presentare sta cristiana come presidente di regione, quando a disposizione avresti amministratori di centrodestra quanti ne vuoi, a prescindere dai risultati specifici di Montefalco in materia di decoro e flussi turistici? E per me anche il rischio di 11 milioni di euro sul groppone i montefalchi (non so come si chiamino) in qualche modo dovrebbero avvertirlo (oltre alle tasse al massimo), ma si vede di no. Ma siamo rosiconi e basta.
  5. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    http://www.comune.terni.it/system/files/12_turismo_e_veicoli.pdf tra parentesi il turismo a Terni è in leggera crescita da anni, tutta sta tragedia in quel campo nei numeri non ci sta Una scelta vincente dell’amministrazione comunale che ha portato ad una crescita del 77% di arrivi e del 35% di presenze negli ultimi dieci anni nel Comune di Montefalco, eletta a regina delle mete preferite in tutto il comprensorio. se sono veri i dati in quei grafici per Terni si parla di un aumento di circa il 20% di presenze in strutture alberghiere e di circa il 100% in strutture extra alberghiere, cioè comunque grosso modo di un 30% totale in 7 anni direi. Si vede che al 35% è un boom meraviglioso e al 30 una tragedia. Oppure anche qui c'è stato un aumento del turismo, anche legato alla direzione sportiva che infatti mi sembra si stia continuando a seguire.
  6. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    sul punto 2 è chiaro che non si può fare niente, ma non si poteva manco prima. Se ai tempi eravate così ingenuotti da credere che senza un aumento di forze dell'ordine importante potevano cambiare le cose, non prendetevela con chi lo diceva da anni. E su, no.
  7. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    mi sa che non hai molta idea di come funzionano sti siti turistici come flussi
  8. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    C'entra con quello che ho scritto, cioè che trovo bizzarro che i cittadini di un posto così duramente toccatobe svilito da un sindaco che ha mandato in dissesto la città (con tutto quello che ne consegue per manutenzione strade etc.) votino in massa, più che altrove, per una candidata che ha fatto la stessa identica cosa nel suo comune. Dovrebbero votarla di meno, non di più , no? Ho solo notato che è bizzarro.
  9. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    https://www.folignooggi.it/notizie/il-comune-di-montefalco-mette-in-vendita-beni-pubblici-20512/?fbclid=IwAR1Gc9c4IO7tLiC-3xCjGx5vZcbAn2dQWxddCAPUsEH9MUOJ3q2jLcH6fxE E a Terni hanno votato in massa per la lega alle regionali, più che altrove, pure se ha presentato una che in pratica è il dg di Montefalco. Bizzarro, no?
  10. wild.duck

    VAR

    Uno sport in cui si è persa la bussola per l'utilizzo del replay è il basket. Sto seguendo un po' le coppe europee e da quest'anno c'è la direttiva di verificare ogni potenziale situazione in cui c'è odore di possibile fallo antisportivo. In certe partite ci sono tre quattro interruzioni anche di due minuti l'una per questa cosa, è ridicolo. Capirei giusto negli ultimi due minuti
  11. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    non mi pare qualcuno abbia scritto che c'erano alternative a lallo (realistiche). però questo non implica un sostegno palesemente molto più acritico del passato anche a parità di condizioni (se non altro perché prima il centro storico pareva un'emergenza nazionale, e ora è più o meno sempre quello, per dire), e non significa nemmeno che il fatto di avere molte liste fra cui scegliere, e lo scegliere comunque una lista di estrema destra, non faccia differenza, anche nelle politiche che poi saranno attuate e nei segnali che si mandano. i problemi che vengono posti sono due, si è scelto di mettere la croce su un partito di estrema destra (i tre omofobi, casapound, la guerra ai mendicanti, casa delle donne, associazioni, fino ai ridicoli tentativi con ciclisti e parkour...) e l'atteggiamento verso lallo per cose analoghe o situazioni perfino identiche al passato pare estremamente accomodante, anche per cose che venivano presentate a un livello emergenziale con altri inquilini a palazzo spada. Non mi sogno di dire che toccava votare per quello che a una settimana dalle elezioni diceva che a Terni la canapa sarebbe stata il nuovo acciaio.
  12. wild.duck

    RUGBY DI ALTO LIVELLO - TOPIC UNICO

    sicuramente la vittoria facile con la nuova zelanda ha ingannato. Pure vero che gli all blacks con noi hanno pareggiato...
  13. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    comunque, sempre per la questione parchi, qui mi pare che i parchi si contino e non si pesino. Hai riaperto le grazie? Bene, benissimo, ma è comunque una zona in cui le aree verdi non mancavano da prima, basta aprire google maps e guardare dove e vicino a cosa sta il parco delle grazie. Cardeto è prioritario pure perché una grossa fetta di Terni al momento non ha uno straccio di una vera e propria area verde. Lo strapuntino di cardeto aperto lo vedo sempre semideserto (quando ci sono 2 persone) o deserto, e vorrei anche vedere visto che è un corridoio fra una scala e la salitella che esce sulla strada. Cioè, le grazie e cardeto non sono minimamente equipollenti come urgenza e necessità per i cittadini. Ma basta aprire una mappa, eh. Qui siamo al livello che uno non si deve lamentare se tutta l'immediata periferia a nord ovest non ha ancora uno straccio di parco, siamo già in ritardo su quanto detto da Melasecche e da quando si ripartirà l'ordine di grandezza sarà un altro anno grosso modo. Eh, però siamo gente di Cardeto, da quello che leggo il nostro parere non conta. Hanno aperto il parchetto delle grazie accanto a un parco grande già aperto. Dall'altra parte della città e in un posto in cui i parchi già c'erano, ma vabbe', è come per i capponi no? fa media. E' come per gli alberi, adesso con lallo si sommano, non si pesano. Che non significa che non fa bene a riaprirlo e che quelli che abitano in via fratelli cervi saranno contenti. Ma come per ogni cosa tocca anche vedere le priorità. Se avete voglia vi suggerisco di andare a vedere quello che pensavo dell'inaugurazione dell'angolo di parco cardeto che non serve a un cacchio ed è sempre vuoto. E l'hanno fatta li soliti quell'inaugurazione. Quindi non mi venite a parlare di parzialità.
  14. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    E la risposta è la solita: il centrodestra c'aveva cinque liste alle regionali, e nessuno obbligava a mettere la croce sul simbolo della lega anche in comune. E se ci fosse domanda di una destra moderata salterebbe fuori. Non è che in questo paese esiste solo l'estrema destra anche ora, comunque.
  15. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    magari leggere anche i post prima di commentare a casaccio, eh...
  16. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    si però se uno fa notare gli errori non vedo il senso di arrampicarsi sugli specchi per negare cose evidenti o cambiare sempre discorso. Se il museo, per dire, pare un deserto desolato non è una cosa da poco e non si compensa con due piante. Non l'ha ordinato il medico che se mi rimetti in piedi strade o parchi devi al contempo farmi andare in malora il museo, fare i casini che hai fatto a carsulae, alla cascata e compagnia, e tutto il resto anche riguardo all'associazionismo, anche lasciando stare numeri con gli amichetti di casapound e simili. Ci sono luci e ombre. Solo che certe ombre sono proprio grosse. Poi capisco che se uno Terni la vive solo come luogo da passeggio e magari al caos manco ci andava mai nota, non conosce le associazioni, percepisce solo quello.
  17. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    il discorso è che realisticamente quasiasi cosa venga dopo l'amministrazione di uno che è riuscito a mandare in dissesto un comune dovrebbe essere spettacolare rispetto a quella precedente Ma questo non esime dal giudicare che certi provvedimenti, tentati o riusciti, di questa amministrazione tipo guerra a mendicanti, skater, parkour, ciclisti, etc. far fare propaganda a casapound di un ridicolo libro/fumetto revisionista in comune, guerra alla pora dirigente scolastica che non ha fatto il presepe vivente a scuola, estendendola poi al vescovo (perché la preghiera non era abbastanza), i tre omofobi, foto con Perugia merda, tutta la storia dei bandi fatti a cazzo per carsulae, cascata, caos e compagnia bella etc.etc.etc. non esime dal giudicare che per certe cose, al momento, già ristiamo in ritardo (vedi cardeto) o certi posti siano praticamente in abbandono (caos) non esime dal giudicare che se toccavi mezza pianta quattro anni fa si coalizzavano le associazione ambientaliste e certe volte i cittadini stessi al grido di "non uno di meno", come se una pianta sostituita fosse paragonabile a un essere umano. Si parlava comunemente di estrema ratio se si doveva tagliare UNA singola pianta. Adesso si segano come prima e nessuno o quasi mi pare faccia più tanta filosofia sulla salvezza della vita di queste povere creature. Non esime dal giudicare che due tre anni fa pareva che il centro era beirut e ora quando sfasciano qualcosa si sente "eh, ma tanto che gli fai, mica puoi controllare tutto" Perché mi pare che dg qua dentro lo considerano una sciagura praticamente tutti, ma non è che perché abbiamo avuto qualche anno di sciagura totale allora tocca ingozzarsi tutto, purché lo sfalcio sia più frequente e le strade asfaltata con una frequenza normale per qualsiasi città. Io mi aspetto lo sfalcio E meno cazzate nel resto, anche quelle a sfondo neofascista (perché il buon nome di una città e il suo decoro non dipendono solo dallo sfalcio o da quanti mendicanti hai nascosto alla vista).
  18. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    notare come poi precedentemente qualcuno abbia detto "eh, ma prima non li ripiantavano subito". Facciamo rispondere melasecche (parlando di alberi ripiantati o da ripiantare poco tempo fa) oggi si adirano gridando allo scandalo sul fatto che non vedono ancora d’estate le nuove piantumazioni quando anche un bambino sa che i nuovi alberi si mettono a dimora in autunno… vedere per credere. è che una volta se non li ripiantavano il giorno dopo, come avete fanno notare, la gente si incacchiava. Però come dice melasecche, spesso non puoi piantarli il giorno dopo. E devi piantarli piccoli. Solo che ora la gente non si incazza e magari manco ci fa caso. Però non è che potete incacchiarvi se si nota una cosa così ovvia. E non c'entra nulla il meglio o peggio con dg.
  19. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    per capirci, il clima era palesemente questo http://www.ternioggi.it/terni-ambientalisti-oltre-mille-alberi-abbattuti-dalla-giunta-di-girolamo-una-sciagura-53364 notare come nell'articolo venga detto che a fronte di tipo 600 alberi tagliati, si prevedeva una spesa di e cito: embra una macabra commedia in cui la vittima è continuamente il patrimonio arboreo dei cittadini. L’ultima deliberazione comunale (n. 407/2015), ad esempio, riconosce che negli anni 2014-2015 sono stati abbattuti «numerosi» alberi (in un solo anno abbiamo perso ben oltre i 600 esemplari!), tutti ritenuti – ovviamente – «pericolosi» per la pubblica incolumità e/o per fine ciclo vegetativo; in tale documento si annuncia poi l’abbattimento di altre piante lungo il tratto urbano della linea ferroviaria Terni-Sulmona, un fatto gravissimo che è avvenuto – anche a scapito della fauna che aveva nidificato proprio tra le fronde di quegli alberi – ottemperando ad una richiesta di «abbattimento/potatura» pervenuta da Ferrovie dello Stato preoccupata per la distanza troppo esigua tra i rami e i binari. Come mai nel corso di tanti lustri non si è provveduto ad una potatura costante e calibrata in modo da evitare che la loro mole potesse in qualche modo ledere la sicurezza della linea ferroviaria? dove sono finiti ora tutti i cavalieri che anni fa dicevano che un albero piccolino non può sostituire uno abbattuto, che vanno fatte tutte le manutenzioni possibili etc.etc.? Perché anche ai tempi gli alberi si sostituivano, Di questa roba la rete era piena, ora no. Che non è una questione di dire fare peggio o fare meglio, è osservare come su questa questione specifica (cioè, il giudizio che si sta dando dell'operazione di tagli e sostituzione di vecchi alberi) il giudizio pare essere totalmente diverso in base a chi lo fa. A me sembra che ci siano tante evidenze da non poter accusare di partigianeria chi ci nota qualcosa di strano. E scusatemi se cito quello che ho visto e sentito nella mia zona di Terni. Ma aspetto i controesempi. A me sembra che tutte le evidenze vadano in quella direzione. E scusatemi
  20. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    Oh , allora riformulo 1) basta guardare i giornali di tre quattro anni fa, gli articoli su internet di tre quattro anni fa, i commenti qua dentro di tre quattro anni fa. Se toccavi mezza pianta per Terni era una tragedia. Se la sostituivi era una tragedia perché cambiavi una pianta di trenta metri bellissima con le piante sfigate, i pini andavano salvati a ogni costo perché che cazzo ci vuole. 2) oltre a quello che si leggeva ovunque, si sentivano ste cose anche nel mio quartiere, anche da prima, le sentivo io, e ho chiesto pure a mia padre e mia madre (che ricordavano anedotti gustosissimi anche su gente che aveva perfino legami sentimentali con quei poveri alberi mozzatti...) e quando hanno sostituito gli alberi davanti all'itis gli strepiti sono arrivati fino al cielo. Come ogni essere umano mi arrivano più spesso le voci del mio quartiere, che guarda caso fino a qualche anno fa ribattevano con quello che si leggeva in rete. Non mi sembra complicato. Se non vi ricordate o non leggevate i giornali anni fa o non parlavate con la gente non prendetevela con me. Basta rileggere l'articolo di melsecche, ma andando indietro ne trovi quanti ne vuoi. E suggerisco di rivedere le discussioni qua dentro sui salti mortali che si sarebbero dovuti fare per salvare gli alberi in via Turati. Tra l'altro per anni ho dato addosso a dg in tutte le salse, mi pare. Ma anche qui, la memoria storica mi pare manchi. Tra arentesi, io ancora devo sentire un solo articolo, esempio o altro che smentisca che anni fa quando si toccavano gli alberi con la motivazione che andavano sostituiti c'era il medesimo sostegno popolare che c'è ora. Ma infatti non ci sono, li posto solo io, esempi li posto solo io etc etc. perché quando si scrive per partigianeria politica o si scivola (solo il parcheggio è più di quanto...) O ci si attacca a un pezzettino dei discorsi altrui facendo finta di non vedere il resto. Ma è tipico, eh
  21. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    sull'incenerimento io la penso uguale, nel non demonizzarlo in generale, ma non credo sia impossibile anche da noi avere una gestione degli inceneritori cristiana, soprattutto se magari ne fai di nuovi, moderni, e gestiti in modo stracontrollato. Oltre che poi se non li incenerisci vanno in discarica, che sono altri problemi, il riciclaggio al 100% è una possibilità più teorica che pratica e comunque non credo lo vedranno manco i nostri nipoti. Insomma non è una questione semplice Comunque questo è un discorso molto generale e non è che mi cerco casa bordi conca per gli inceneritori, ma per quella bellissima nebbiolina che si vede sulla conca quando arrivi dalla superstrada e che superata una certa distanza e quota non vedi più. Poi a me come si forma e chi sono i colpevoli di quella nebbiolina frega il giusto, ma penso che è meglio se la respiro meno.
  22. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    no, alberi normalissimi, solo che erano troppo piccoli. e via pianti e disperazione. nessun oleandro.
  23. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    no, o almeno non sempre , questa è una cazzata e bisogna essere in malafede per dirla. Nella mia zona furono ripiantate in modo solerte , e nonostante questo la gente piagneva come alla morte di un figlio. In altri posti non lo so, possibilissimo che vivo nell'unico posto in cui le hanno ripiantate, ma qui è andata così. Resta poi il discorso inceneritore (che adesso profuma), il discorso centro storico che non è più beirut etc. COmunque, ragà, rilassateve, ci sta che vi si rida un pò dietro. Ai comunisti di Terni si ride dietro da quanti anni
  24. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    beh finchè diciamo cose abbastanza ovvie e immediatamente evidenti, e cioè che fino a poco tempo fa la gente si lamenteva per a) il taglio degli alberi e b) gli inceneritori, mentre ora la medesima gente, che incontri per strada, o da quanto si legge su internet, non si lamenta per le medesime cose nonostante siano praticamente le stesse, direi che non c'è problema, non ti pare? Ma come dice giustamente Bufera, che ci ragioniamo a fare?
  25. wild.duck

    ORDINE PUBBLICO, DECORO URBANO

    Ci credi che mi ha detto la stessa identica cosa mio padre 15 minuti fa? Eh, come si vede che siamo una famiglia di rosiconi malmostosi... Proprio dal primo all'ultimo. Comunque io continuerò a cercarmi casa ai margini della conca, se riesco. Per me l'aria ancora puzza.
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.