Jump to content

wild.duck

Members
  • Content Count

    12,297
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    49

Posts posted by wild.duck


  1. 1 minuto fa, angelooo ha scritto:

    I morti ieri :

    Francia 1

    Germania 37

    Italia più di 400

    fortuna siamo i più vaccinati, vero pure che Francia e Germania hanno iniziato prima ad avere problemi con Omicron e Delta  prima di noi, però sui morti ribadisco che i conti non tornano! 

    i morti giornalieri non contano, probabilmente non li hanno comunicati. Ha più senso vedere le medie settimanali

    Francia 220

    Italia 324

    Germania 192

    Spagna 128

    Portogallo 31

    Austria 10

    In cui comunque rientrano variabili abbastanza complesse (lockdown, quando è arrivata l'ondata di omicron etc.)


  2. ormai più della metà (ma forse 2/3) di quelli che frequento, lavoro, amici o parenti, o è positivo o ne è appena uscito. Quelli che ho sentito tutti con febbri abbastanza importanti. Oggi mi hanno avvertito che lato cugine e rispettive famiglie l'ho schivato per un pelo, li ho visti il 10 gennaio e da 2-3 giorni dopo hanno iniziato ad ammalarsi uno dopo l'altro per il ritorno a scuola.


  3. ricordo che prima del terremoto a Ussita provarono a riaprire la piscina anche in inverno. Uno che conoscevo in comune mi disse che solo di riscaldamento acqua per 3 o 4 mesi invernali gli partivano tipo 20000 euri (piscina semiolimpionica in zona più fredda ma con impianto di cogenerazione con il palaghiaccio, mi pare). In pratica avevano bisogno esplicitamente di almeno 200 abbonamenti stagionali a prezzo pieno solo per rendere la cosa vagamente sostenibile senza essere un salasso per il comune. Di sicuro senza guadagnarci.

    Infatti durò un solo inverno la storia, poi qualche anno dopo ci ha pensato il terremoto.

    Una struttura tipo le piscine dello stadio penso sia molto peggio.


  4. 12 minuti fa, Razzotico ha scritto:

    Lui un pagliaccio, ma il padre veramente un personaggetto de basso livello

     

    poi devo capì quell altro scienziato del premier che ha detto che se non era serbo entrava

    Lo scetticismo sui vaccini

    La sfiducia nei confronti del vaccino anti-Covid in alcune parti della Serbia è diventata così forte che in alcuni hub vaccinali gli stranieri si presentano molto più numerosi rispetto ai cittadini serbi.

     

    probabilmente intendeva dire che i suoi concittadini sono molto più no vax del resto d'Europa. Se non era serbo capace che aveva la capoccia meno quadra e si era vaccinato


  5. Djokovic, pure la Francia gli chiude la porta: "Giocano solo i vaccinati"

     

    La ministra dello Sport Maracineanu: "Passaporto vaccinale obbligatorio per tutti: spettatori e giocatori".

    Alessandro Grandesso

    17 gennaio - PARIGI

    Dopo Melbourne, Parigi. Per Novak Djokovic si sono chiuse le porte dell'Open d'Australia e rischiano di non aprirsi quelle del Roland Garros, dove lo scorso anno ha trionfato battendo Stafanos Tsitsipas in finale. In Francia infatti sta per entrare in vigore il super green pass e non verranno fatte eccezioni, neppure per gli atleti stranieri. Anche per ragioni elettorali.

     

    È quanto ribadito ieri dopo l'ultimo voto da parte dei deputati, dalla ministra dello sport Roxana Maracineanu. E nonostante inizialmente gli organizzatori avessero fatto intendere che Djokovic avrebbe potuto difendere il titolo a maggio. L'idea infatti era quella di creare una sorta di bolla per i partecipanti non vaccinati. Come Djokovic appunto che avrebbe nel caso dovuto sottostare a uno stretto protocollo, muovendosi in appositi "corridoi sanitari" tra hotel e impianto sportivo.


  6. 10 minuti fa, fogueres ha scritto:

    Ci sono no vax che probabilmente hanno preso droghe portate in Italia nel filo di qualche corriere, fatto vaccini per andare in qualche posto esotico in viaggio di nozze ecc. ai quali chiedi le fonti delle loro informazioni e la risposta è ( o sarà)

     

    L’HO LETTO SU INTERNET

     

    Nessuno ( credo) abbia piacere a fare questi vaccini però che ci piaccia o no oggi sono l’unica maniera per tornare a una vita pseudo normale.

    I miei novax oltre a essere New Age sono anche del gruppo "mi son fatto tutti i vaccini possibili per i miei viaggi nei posti più malsani del mondo, ma questo assolutamente no perché l'mRNA, signora mia..."

    • Haha 1

  7. 6 minuti fa, Ferefere ha scritto:

     Se ci limitiamo a Terni città  ad oggi che siamo vicini al picco della pandemia abbiamo 28 ricoverati di cui uno in intensiva. Senza novax avremo 12 ricoverati con nessuno in intensiva nonostante in città ci siano 10.000 positivi

    Ma che se erano tutti vaccinati al momento non c'era alcun problema mi pare un dato di fatto difficilmente smentibile


  8. 12 minuti fa, paolo71 ha scritto:

    Da circolare ministero saluti coloro i quali sono ricoverati per altri motivi e risultano positivi al covid non saranno più conteggiati come ricoverati covid

    ma solo come semplici contagiati covid

    X due anni bombardati da numeri a cazzo di cane 

    molto bene….

    È un problema di conteggio che salta fuori solo adesso perché se si fanno due conti in periodi normali i casi erano pochi.

    Metti che a Terni hai in periodi "calmi" 50 casi reali di covid al giorni.

    Se ricoveri in ospedale 50 persone al giorno per altri motivi quante ce ne possono essere con il covid asintomatico? 1 o 2 a dir tanto?

    Adesso che in una città come Terni i casi "reali" sono più di 1000 al giorno oltretutto con una variante ancora più spesso asintomatica è un altro discorso e l'influenza sul conteggio può avere importanza.

    È pure vero che anche un caso covid asintomatico qualche problema di gestione penso in corsia lo crei


  9. 1 ora fa, torquemada ha scritto:

    L'unico, ipotetico, punto interrogativo è a mio avviso, per quanto tempo si potrà somministrare un richiamo vaccinale. Perché forse (ma non sono un medico e faccio solo miei ragionamenti o se preferite congetture) tenere sempre sulla corda il sistema immunitario, potrebbe a gioco lungo far esplodere precocemente nei singoli delle patologie autoimmuni che magari si sarebbero avute in età avanzata.

    credo che su quello si punti su una cosa stile influenza. Tanto al momento la quarta dose non la fa praticamente nessuno tranne Israele (mi pare). Quando si avranno i risultati magari sarà marzo-aprile e fare una megacampagna a quel punto diretta a chi ha già tre dosi, considerando anche che si avvicina l'estate, sarà probabilmente inutile, pure se non fosse dannosa. Magari ci faremo il richiamo con il vaccino per omicron a ottobre-dicembre e buonanotte, immagino


  10. Ma infatti pure la questione dei tamponi è abbastanza ridicola ormai, ma torniamo nel discorso della comunicazione. Proprio l'altro ieri c'erano due medici (Bassetti e un altro) a tirar fuori questa cosa che troppi tamponi sono pure dannosi perché danno falsa tranquillità etc..

    Un giornalista che era lì ha fatto loro notare che la gente, se si continua con questa comunicazione fatta in base a chi si presenta quel giorno in studio e che cambia di continuo, non ci capisce un tubo.

    E questi hanno replicato che non è vero e che si dice sempre la stessa cosa.

    Ora, io prima di Natale me lo ricordo che se chiedevano se uno poteva fare il tampone prima del cenone per state più tranquillo rispondevano bene o male di sì.

    Che sarà una sfumatura diversa ma tra "ma si, fattelo, stai più tranquillo..." e "i tamponi che sono pure pericolosi perché danno falsa sicurezza" per me ci passa parecchio. Ora, Natale è stato trattato come una specie di calamità inevitabile (per cui il tampone è meglio di niente se sei costretto a una cena) ma comunicativamente il "danno" rimane.

    I tamponi generalizzati sono stati un po' un parafulmine molto parziale perché non si voleva o poteva fare l'obbligo vaccinale e un modo per spronare la gente a vaccinarsi. E mesi fa oltretutto non si potevano vaccinare tutte le fasce di età. Punto.

    Però è bene che la cosa la facciano capire per benino. Era meglio farlo capire pure mesi fa che il tampone non era una panacea

    5 minuti fa, callea ha scritto:

    Io sono convinto che la miglior protesta che potrebbero fare i no vax è paradossalmente proprio quella di vaccinarsi.

    Vaccinarsi tutti in massa.

    Se lo facessero toglierebbero ogni argomentazione pro greenpass perché il greenpass non avrebbe più ragione di esistere.

    Purtroppo questa è utopia. Anche se restasse un solo no vax in tutta Italia il greenpass servirebbe a difenderci dalla sua minaccia.

     

    Però la curiosità è forte. Mi chiedo quale sarebbe il capro espiatorio sostitutivo ai no vax ,certo la fantasia a quella gente non gli manca...

    Mi chiedo inoltre cosa diranno gli odiatori dei no vax tipo @torquemada quando realizzeranno che anche senza no vax e con tutti vaccinati il virus circolerebbe e contagerebbe lo stesso. 

    Io quando fai sti post non ti capisco.

    Ma sti novax ti stanno simpatici o no?

    Se tutti i novax si vaccinano stanno più tranquilli loro, muoiono di meno, contagiano statisticamente meno, intasano meno gli ospedali creando meno problemi a tutti compresi loro. E fino a qui c'è poco da discutere, i numeri stanno lì a dimostrarlo.

     

    Se si vaccinano tutti magari troveranno un altro capro espiatorio (le mutazioni del virus, i venusiani, i brillamenti solari...) ma il tizio che non può tornare in Sicilia perché non ha il vaccino per magia ci tornerà, i novax sciatori torneranno a sciare, non spenderanno più montagne di soldi e tempo in tamponi, il tutto stando statisticamente molto più sicuri di ora (con l'unico costo di dover affrontare le loro fisime, che in genere fa bene).

     

    Se si continuerà a mantenere il green pass anche solo per un non vaccinato sti cazzi, vorrà dire che per n mesi avremo la rottura di mostrare il green pass ogni tanto. E l'unico a farne le spese sarà sto cristiano non vaccinato.

     

    Se troveranno un altro capro espiatorio manco quello (perché se l'hai trovato non vedo il senso di tenere anche il green pass che è legato al vaccino, visto che a quel punto in questa ipotesi se lo sono fatto al 99.99%).

     

    Quindi il problema quale sarebbe, se staremo comunque meglio tutti, compresi gli attuali novax (meno morti, meno ti, meno ricoveri)? 

    Se mostreranno tutta sta fantasia e non si camperà ci porremo il problema, no? Perché dovrebbero farlo quando tra un anno o poco più avremo probabilmente al governo quasi esclusivamente gente che rema di continuo dall'altra parte va un po' oltre la mia comprensione, ma vabbe'...

     

    Il virus poi ovviamente circolerà comunque, ma se non intasa gli ospedali e/o gli obitori magari può essere trattato come tutti gli altri virus respiratori di questo mondo. Poi, se per te è uguale che gli interventi e molti esami si bloccano o rimandano per due - tre mesi invece che per una settimana (ammesso che arrivi al punto di avere problemi se tutti sono vaccinati) allora è inutile discutere.

    • Thanks 1

  11. che poi proprio ieri sera parlavo con questa amica novax (beh, lei non si definisce novax, però di fatto non si vaccina e ancora non cambia idea) che rientra perfettamente nella definizione. Yoga, tai chi, vegetariana, molto bio etc.etc.. E non si vaccina. Tanti sono effettivamente così, pure quelli che conosco io.

    https://www.corriere.it/opinioni/21_agosto_21/ho-provato-entrare-testa-amici-no-vax-b179b2fc-029e-11ec-8e26-190f86cd2b10.shtml

    somigliano agli amici novax di Severgnini

    Chi sono quelli che non riesco a convincere? Breve identikit: persone in buona salute, istruite, socialmente consapevoli, attente all’ambiente, con un tocco new-age. Perché non si vogliono vaccinare? Dopo tanti ragionamenti, sono arrivato a una conclusione: hanno più paura del vaccino che del virus.
    Il vaccino, nel momento in cui decidi di farlo, è una cosa concreta, certa, creata dall’uomo; il virus è naturale, invisibile, incerto, improbabile (secondo loro)...


  12. io comunque non scherzavo. Una buona parte dei novax corrisponde veramente alla descrizione che fa Callea, e in certi posti è statisticamente significativa. Che poi penso sia esperienza comune come ragiona sta gente, quando mi saltò fuori l'ipertiroidismo, che stavo uno schifo e avevo un occhio di fuori stile Igor di Frankestein Junior, mi sono sentito proporre seriamente di "provare con l'omeopatia". Che uno che sa che lo aspettano anni di cazzi, problemi, analisi e magari interventi si tiene dentro il mavaffanculo perché non è carino. E conoscevo una che aveva abbandonato la medicina tradizionale perché le avevano detto che doveva togliersi la tiroide. Morale della favola, spendeva cifre pazzesche in naturopatia e aveva un gozzo tiroideo grosso come una casa (oltre a grossi problemi) esattamente come le avevano predetto i malvagi medici tradizionali.

    Yoga, vegetarianismo, tenersi in forma etc. vanno benissimo se presi per quello che sono (cioè una roba che ha un po' di benefici variabili da persona a persona, almeno finchè stai bene di tuo), il problema è che spesso diventano una specie di coperta di Linus per cui poi uno pensa che curino tutto.

    Quando salta fuori una malattia nuova che richiede di vaccinarsi diventa un problema grosso, evidentemente, oltre ogni ragionevolezza. Per dire, non si capisce perché uno debba avere paura delle conseguenze del vaccino a 5, 10 o 20 anni ma non delle conseguenze del virus a 5, 10 o 20 anni, anche quelle, naturalmente, non studiate. Però se sei abituato a considerare il corpo "un tempio" e altre amenità (beh, almeno, nel senso che intendono Djokovic & C.) poi qualsiasi cazzata ti propinino che ti permette di rimanere nella tua comfort zone va bene.


  13. La decisione è arrivata: il Ministro dell'Immigrazione Alex Hawke ha revocato il visto di ingresso in Australia al serbo, che anche oggi si era allenato dopo aver cancellato la sessione alla Rod Laver Arena. "Motivi di salute e ordine pubblico", si legge nella nota del Governo. I legali di Djokovic si preparano a presentare appello. Il torneo comincerà il 17 gennaio

     

    Ma ora l'appello può confermare o ribaltare un'altra volta!


  14. 4 ore fa, callea ha scritto:

    Ecco… il secondo gruppo è terrorizzato dal primo.

     

    In effetti il profilo dei novax è spesso (anche se non sempre) un po' come dici tu, non ho capito se l'hai postato perché finalmente cominci a rifletterci su. Leggevo di qualche studio statistico su questa distorsione mentale strana di questa gente che, insieme a cose bene o male positive (perché poi dipende, essere vegani può pure portarti a carenze nutrizionali - c'è gente che finisce a farsi la B12 intramuscolo - ed essere anticonformisti o informarsi in rete non è mica una cosa positiva in sé - anzi, specie di questi tempi...).

    Ma è una cosa un po' nota da anni, da ben prima del covid, quando stavo a Milano avevo un insegnante di teatro tutto yoga e New Age (secco, salutista e - credo - vegano) che di cazzate se ne beveva e se ne beve parecchie. Una volta che gli dissi che ero preoccupato di un virus che girava quell'inverno (perché dovevo andare in vacanza) mi disse "se credi di non prenderlo non lo prenderai". Eh, si vede che il virus non lo convinsi perché me lo beccai dei giorni prima di partire. Però a sto giro il vaccino se lo è fatto, per quanto ne so, senza tante pugnette. Meglio per lui. Lo stesso Djokovic diciamo che su certe cose, tipo poteri della mente sulla materia, ha idee diciamo bislacche.

    Addirittura mi sono trovato a discutere con un amico novax straconvinto che la proteina spike prodotta in risposta al vaccino mRNA possa avere un potere di generare una reazione autoimmune maggiore di quella indotta dal virus... Cioè, ma perché uno dovrebbe fare ragionamenti del genere? E su che basi? E pure lui è vegetariano, o almeno lo è stato per anni... Ma è molto New Age (salutista non tanto, ha la pancetta).

    O, per uscire dall'aneddotica, in Germania e Austria si vaccinano in pochi anche perché, tra le altre cose, credono nell'omeopatia è un bel po' di altre cazzate. Poi nel contempo saranno pure salutisti e vagani ma morivano a pacchi con delta in autunno prima di prendere provvedimenti di chiusura.

    Poi come scrivi tu è gente che legge le etichette ma spesso non le capisce, e ste cose dagli studi emergono. E in effetti se uno si informa in rete e basta non ci capisce un cacchio, se non altro perché si spaventa della presenza di un adiuvante che magari è presente in quantità inferiori di 10000 volte a quella che può essere una dose pericolosa.

    Ma sono cose emerse da un pezzo.

    È abbastanza ovvio se ci pensi che i secondi sono spaventati dai primi, per dire sono alcune settimane che virologi e compagnia bella si "divertono" a fare statistiche su come gli ospedali sarebbero molto più vuoti senza questa gente bizzarra che non si vaccina - e che, nei fatti, propaganda la non vaccinazione. E viene fuori che in pratica non ci sarebbe nessuna emergenza per ora se i vaccinabili fossero tutti vaccinati - e probabilmente l'inverno passerebbe senza nessuna emergenza vera e propria e basta.

    Per fare un esempio pratico, ci sarebbero migliaia di interventi non rimandati in meno, e non c'abbiamo tutti un'unghia incarnita.

    Mi fossi trovato in questa situazione ai tempi del mio intervento avrei passato un periodo piuttosto di merda, ma niente in confronto a chi deve togliersi un tumore.

    Che già questo mi basta e avanza per guardare sta gente con molta meno simpatia.

    Ma a questi che gli frega? Visto che poi, comunque, la discriminante principale sullo stare bene o male con il covid, a parità di età, è il vaccino, dovrebbero vaccinarsi come tutti gli altri e basta. Che in ogni caso si fanno un favore.

     

    Sul profilo di chi si fa il vaccino invece penso che ti sbagli, banalmente i favorevoli sono troppi e quindi è difficile farci una statistica sopra (a meno di pensare che il 70-80% degli italiani siano obesi, fumatori etc.)

    • Upvote 1

  15. 19 minuti fa, angelooo ha scritto:

    Condivido quello che hai scritto, però da quello che ha postato Adriatico che per noi vaccinati  l:Omicron e' da considerare come un influenza, si potrebbe fare come dice Bassetti..... considerare solo i ricoverati e le terapie intensive, senza menzionare altro! Vedremo.... 

    ma sì, pure a me non è che sa così fondamentale il dato quotidiano per tutti, facessero come credono meglio. Il problema tanto è quello che dici tu, morti, terapie intensive, anche ricoveri se creano casino. Non so se è praticabile perché il numero, comunque, lo registrano tutti i giorni.

    Sapere il numero comunque "serve" (lo metto tra virgolette perchè tanto non è che ci facciamo qualcosa di pratico noi...) solo a sapere se il contagio sale o scende, pure nella prima ondata registravano magari un decimo dei casi reali, ma tanto con la variazione ci si faceva l'idea se l'epidemia cresceva o calava, a parte i numeri assoluti che lasciavano un po' il tempo che trovavano

    Poi adesso ci sta pure sta cosa di delta e omicron, tanto per incasinare le cose


  16. 4 minuti fa, FURIOUS ha scritto:

    Te parono tipi?

    ma per carità, lo faranno. Eh, però...

    (intendo, lo faranno di passarci più o meno sopra)

     

    però questo veramente c'ha una parte di cervello per il tennis e il resto per sparti' le recchie


  17. 8 minuti fa, lustronculino ha scritto:

    Secondo me , al massimo , ma al massimo rischia di essere espulso dall'australia . 

     

    Anche se sono piuttosto convinto che dato chi è lui e tutto il circo che lo circonda finisce a tarallucci e vino

    Sul penale sicuro, ma metti che viene fuori che ha veramente smagheggiato per il tampone (difficile che uno possa non accorgersi che un tampone positivo del 26 è diventato del 16...) se l'atp non dà una squalifica fa la figura di un club di peracottari.

    Che poi, almeno per quanto riguarda l'organizzazione Australiana, già e cosi


  18. CARRIERA A RISCHIO

    —   

    Discorso penale a parte, difficile pensare che possa finire cinque anni in carcere (pena prevista in Australia se racconti cazzate su questi temi per entrare), per Novak Djokovic il rischio più grosso è forse quello sportivo. La Atp infatti, prima ancora che il caso Nole esplodesse, aveva tenuto a specificare che "qualora un giocatore venisse scoperto a falsificare il risultato di un tampone, è prevista una squalifica di tre anni". Una mannaia che cadrebbe sulla carriera del numero 1 al mondo lanciato a diventare il tennista più titolato di sempre. Oggi Nole ha 34 anni, riprendere a 37 sarebbe piuttosto complicato. Anche per un fenomeno come lui. (gazzetta.it)

     

    veramente, che cacchio gli dice la capoccia alla gente? che poi immagino che i 30 milioni di sponsorizzazioni annue rischiano anche quelli una bella decurtata


  19.  quotidiano australiano The Age, che sta seguendo la faccenda da vicino, ha interpellato un esperto di cybersecurity australiano che ha confermato le perplessità. Robert Potter, co-CEO dell’azienda Internet 2.0 specializzata in sicurezza digitale ha detto: “Non sono qualificato per interpretare le conseguenze mediche di questa rilevazione, ma direi che ci sono elementi sufficienti per dubitare dell’autenticità dei documenti forniti al Governo australiano a conferma del test positivo”.

     

    In effetti, da quello che ho letto potrebbe davvero essere una cosa di una stupidità allucinante (in pratica avrebbero scritto una data -il 16- su un documento mantenendo QR code e cifre che facevano riferimento a 10 giorni dopo... Il tutto sullo stesso documento :D) ma che ci sai? A volte si fanno cose di una stupidità allucinante

     

    Anche perché da quello che ho capito il tutto è partito da un tizio qualsiasi che ha fatto una cosa banalissima, ha scansionato il QRcode e ha visto che le cifre non tornavano.

     

    Cioè, io non lo so se poi sta cosa si rivelerà vera o una bufala, ma in caso... Che pollastri...


  20. https://www.gazzetta.it/Tennis/11-01-2022/djokovic-nuovo-giallo-date-tamponi-non-corrispondono-430868266261.shtml

    secondo i tedeschi di Der Spiegel in realtà il test positivo sarebbe del 26 dicembre e non del 16

    il test positivo datato 16 dicembre, e presentato da Djokovic per l'esenzione, non risalirebbe affatto a quella giornata. Il certificato digitale, infatti, segna le 14.21, ora di Belgrado, del 26 dicembre. L'orario viene solitamente prodotto automaticamente dal coronatest, e segna il momento in cui i singoli test vengono inseriti nel database o quando la persona testata scarica i risultati dal server.

    (...)

    LE DATE NON TORNANO

    —   

    Il sistema di test serbo assegna un numero di identificazione a ogni test. Il numero per il test positivo di Djokovic, presumibilmente effettuato il 16 dicembre, è 7371999. Ma per il test negativo effettuato il 22 dicembre, il numero di identificazione è inferiore di 50.000 punti. Dunque, secondo i numeri ID allegati ai risultati del test, il tampone negativo è stato eseguito prima di quello positivo ed è stato inserito nel database. Non il contrario, come sostengono gli avvocati di Djokovic e come sembrerebbero indicare i documenti sanitari serbi. Questo spiegherebbe anche il fatto che Nole, il 16, 17 e 18 dicembre partecipasse a eventi pubblici, senza mascherina e fosse impegnato col servizio fotografico per l'Equipe. La madre di Nole poi, ha dichiarato: "Mio figlio non sapeva di essere positivo il 16...". Insomma ogni toppa rischia di essere peggio del buco.

     

    no dai, questa sarebbe veramente troppo stupida... è impossibile...


  21. Io pure so arrivato. Per lavorare tocca fare lo slalom tra quello che puoi fare a casa e quello che devi fare in ufficio (in cui hai gente col covid, gente non in quarantena ma coi familiari con il covid etc.etc.).

    Gli hobby sono risaltati (che teatro vuoi fare?)

    Per andare sulla neve i posti li scegli in base alla presenza di cabinovie o meno (che di gente senza mascherina ne ho vista abbastanza a Roccaraso)

    Che sega...


  22. Mo' è rinata la questione se i morti sono contati in eccesso perché si contano i morti "di" covid e i morti "con" covid.

    Tre giorni fa un epidemiologo (la vecchia) dice che stando ai dati delle precedenti ondate non è così. Oltre che mi pare di ricordare che una ricerca in Scozia aveva mostrato che in effetti il numero di morti "con" covid, diciamo, era trascurabile. Bassetti dice il contrario, almeno per la situazione attuale.

    Oltretutto ora ci sta omicron che per un fattore del genere può davvero cambiare le carte in tavola.

     

    Pure l'altro giorno non mi ricordo quale medico diceva che la scuola si è visto che è poco impattante sui contagi, citando addirittura il Giappone (tra gli altri). Ma il Giappone mica l'ha mai visto omicron.

    Anche dal punto di vista statistico mi pare che è un bel casino, peggiorato dal fatto che girano due varianti insieme.

     

    Stanno pure pensando di fare solo un bollettino settimanale e buonanotte, ammesso che sia fattibile (nel senso che il bollettino quotidiano comunque devono farlo per controllo epidemico, poi vieti di pubblicare i dati come per i sondaggi pre elettorali?)

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.