Jump to content

Recommended Posts

Comunque non sapevo minimamente l'esistenza di questo crostaceo addirittura endemico:" il Chirocefalo del Marchesone" , ed il nome me fa letteralmente crepà! :lol:

Scusate.

io l'ho saputo l'estate scorsa. Praticamente non ci si poteva nemmeno avvicinare al laghetto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque non sapevo minimamente l'esistenza di questo crostaceo addirittura endemico:" il Chirocefalo del Marchesone" , ed il nome me fa letteralmente crepà! :lol:

Scusate.

Purtroppo credo che questo delizioso gamberetto ci abbia lasciati per sempre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Assolutamente sì. Percepita molto bene. Nonostante TV acceso sulla partita.

Epicentro a 3 km d'altronde.

Devo dire che su FB traspare un certo nervosismo, aggravato di sicuro dall'effetto social, ma anche dal fatto che 'ste scossette sembra che te prendano sempre de sera o de notte. Qui da noi ci siamo abituati, sin da piccoli, ma è un casino da metabolizzare dal 24 agosto a veni' qua. ;)

Otap, abiti in Valnerina ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

che fine ha fatto?!?!!?! :wacko:

Ho casa a Frontignano ( ad oggi inagibile :( ) , da ragazzino, metà anni 80, andai con degli amici a fare una passeggiata per vedere il Lago di Pilato. Il laghetto era pieno de sta sorta di gamberetti che se non ricordo male avevano gli occhietti rossi. Al ritorno, era agosto e faceva un caldo infernale, ci accorgemmo che uno di noi pur avendo la borraccia non beveva mai. Scoprimmo che sto coglione aveva usato la borraccia per metterci sti pori chirocefali. Voleva farci un allevamento !! Ce lo inculammo a sangue.

Share this post


Link to post
Share on other sites

e l'allevamento c'è riuscito a fallo? No perchè mo potrebbe esse la svolta e rianda su a popola la zona!

Non so arrivati a sera.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Otap, abiti in Valnerina ?

 

No no... abito a Beroide, ultima frazione del Comune di Spoleto verso Foligno. Praticamente sto molto vicino agli epicentri "Campello". :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

No no... abito a Beroide, ultima frazione del Comune di Spoleto verso Foligno. Praticamente sto molto vicino agli epicentri "Campello". :)

Ho capito dov'è, lavoro a Spoleto. Rimasi spaventato quando fece 3.5 una mattina tipo alle 11, mi sembra a Febbraio. Effettivamente c'è una faglia vicino a Campello che rompe i coglioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho capito dov'è, lavoro a Spoleto. Rimasi spaventato quando fece 3.5 una mattina tipo alle 11, mi sembra a Febbraio. Effettivamente c'è una faglia vicino a Campello che rompe i coglioni.

 

Se non me sbaglio quello fu quello che ebbe epicentro sulla Somma.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non me sbaglio quello fu quello che ebbe epicentro sulla Somma.

 

Sì era quello, considera che il 24/8 ero a Frontignano e mi sono beccato il 5.9 di Amatrice. Ero a dormire ed il letto ha iniziato a saltare, sembrava un scena dell' esorcista. Con mia moglie e mio figlio passammo la nottata in macchina per poi scappare via, tra una scossa e l'altra, la mattina dopo. Devo dire però che quella scossa della somma, pur breve e meno intensa, mi ha parecchio infastidito. Per una settimana ho sempre avuto la sensazione di vertigini anche stando fermo. Speramo che smetta perché è una gran rottura di coglioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Incrociando le dita, sembra che l'energia sia esaurita e si sta tornando alla normale microsismicità tipica dell'Appennino.

Edited by callea

Share this post


Link to post
Share on other sites

Incrociando le dita, sembra che l'energia sia esaurita e si sta tornando alla normale microsismicità tipica dell'Appennino.

Magari Calle' , stasera sul telegiornale stavano a fare un servizio sul supervulcano di Pozzuoli che sembra essere in procinto di riattivarsi. Se scoppia quello me sa che so uccelli per diabetici ! Non si può stare tranquilli un attimo. Edited by EfFERAto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho casa a Frontignano ( ad oggi inagibile :( ) , da ragazzino, metà anni 80, andai con degli amici a fare una passeggiata per vedere il Lago di Pilato. Il laghetto era pieno de sta sorta di gamberetti che se non ricordo male avevano gli occhietti rossi. Al ritorno, era agosto e faceva un caldo infernale, ci accorgemmo che uno di noi pur avendo la borraccia non beveva mai. Scoprimmo che sto coglione aveva usato la borraccia per metterci sti pori chirocefali. Voleva farci un allevamento !! Ce lo inculammo a sangue.

che poi tra l altro gamberi de fiume o d acqua dolce non vivrebbero nemmeno con l acqua che beviamo dal rubinetto di casa

Share this post


Link to post
Share on other sites

che poi tra l altro gamberi de fiume o d acqua dolce non vivrebbero nemmeno con l acqua che beviamo dal rubinetto di casa

A Terni sicuro !

Share this post


Link to post
Share on other sites

leggo leggende sul lago di pilato......avete letto nulla?

C'è un libro sulle leggende dei Sibillini inclusa quella sul lago. Prima si trovava facilmente su diversi negozi tra Visso ed Ussita, forse anche a Norcia. Io ce l' ho ma ahimè lo tengo a casa in montagna dove non vado da Agosto. In questo momento tra Visso ed Ussita è quasi tutto chiuso. C'era una cartolibreria fornitissima all' ingresso di Norcia ma credo che ora sia chiusa. Un casino, forse puoi provare con internet. Se vado a Norcia vedo se quel negozio c'è ancora e ti faccio sapere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Magari Calle' , stasera sul telegiornale stavano a fare un servizio sul supervulcano di Pozzuoli che sembra essere in procinto di riattivarsi. Se scoppia quello me sa che so uccelli per diabetici ! Non si può stare tranquilli un attimo.

Con tutte quelle belle casette alle pendici!!

 

Avoja a Rigopiani lì!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

leggo leggende sul lago di pilato......avete letto nulla?

 

sopra c'è un link che ho postato io.

 

Questo è un articolo appena uscito. (peraltro scritto da ex utente di RV, colei che ha fatto entrare anche me :lol: je piasse...)

 

http://tuttoggi.info/terremoto-frane-nuovo-lago-monti-sibillini-sopralluogo/395123/

Edited by otap

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rgazzi, voglio dirvi un pensiero a voce alta, durissimo, potete anche prendermi a para-culate, se volete.

 

La scorsa settimana, quando è uscita la notizia delle dimissioni del sindaco di Ussita lui che ha detto?

 

Terremoto, a Ussita il sindaco si dimette: "La ricostruzione non si farà mai"

 

E' sbagliato proprio non fare la ricostruzione, questo prescindendo dalle difficoltà finanziarie che si hanno? Ma fosse che fosse che la montagna ci sta respingendo??? Magari siamo alla fine di un'era, magari la natura non ritiene più giusto che popoliamo le montagne.

Anche sul Vesuvio lo stesso discorso: ok, i napoletani sono immense teste di cazzo e loro costruirebbero anche dentro la bocca dell'Etna, ma Pompei ed Ercolano non ci hanno insegnato nulla?

 

Sono mesi che mi pongo questo quesito. Mi dispiace che questo colpisca tanto borghi bellissimi che fanno la bellezza dell'Italia, ma Castelluccio (così' come Amatrice, persino Preci e non sapete quanto mi duole scriverlo) ha un senso nel XXII secolo? Boh...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rgazzi, voglio dirvi un pensiero a voce alta, durissimo, potete anche prendermi a para-culate, se volete.

 

La scorsa settimana, quando è uscita la notizia delle dimissioni del sindaco di Ussita lui che ha detto?

 

Terremoto, a Ussita il sindaco si dimette: "La ricostruzione non si farà mai"

 

E' sbagliato proprio non fare la ricostruzione, questo prescindendo dalle difficoltà finanziarie che si hanno? Ma fosse che fosse che la montagna ci sta respingendo??? Magari siamo alla fine di un'era, magari la natura non ritiene più giusto che popoliamo le montagne.

Anche sul Vesuvio lo stesso discorso: ok, i napoletani sono immense teste di cazzo e loro costruirebbero anche dentro la bocca dell'Etna, ma Pompei ed Ercolano non ci hanno insegnato nulla?

 

Sono mesi che mi pongo questo quesito. Mi dispiace che questo colpisca tanto borghi bellissimi che fanno la bellezza dell'Italia, ma Castelluccio (così' come Amatrice, persino Preci e non sapete quanto mi duole scriverlo) ha un senso nel XXII secolo? Boh...

Il discorso sarebbe molto lungo, per come la penso io l'unica cosa che respinge la gente comune è la mala politica. Cosa dovrebbero fare i giapponesi che spesso devono fronteggiare tsunami terremoti oppure altre popolazioni del pacifico dove tifoni ed uragani sono di casa ? L'uomo, fino ad oggi, si è adattato a tutto, ma quando subentrano altri interessi iniziano a sorgere i veri problemi. La regione Marche è evidentemente molto più ricca dell' Umbria ma turisticamente puntano tutto sulle località costiere fregandosene dell'entroterra ed i risultati sono evidenti. Se ci fosse stato uno tsunami ad Ancona, avrebbero rimesso a posto tutto nel giro di poco tempo. Guardiamo Norcia, la regione Umbria ci punta ed infatti hanno riaperto le scuole, hanno portato le casette, piano piano stanno riaprendo le attività commerciali e la gente torna. Visso ed Ussita sono città spettrali perché c'è una precisa volontà politica ed economica. Se poi ci troviamo di fronte ad una nuova era con terremoti ed esplosioni vulcaniche allora sono cazzi di tutti e non solo di quei disgraziati che per generazioni hanno abitato quei meravigliosi posti. Se nel 1997 le cose fossero state fatte bene senza il solito magna magna, oggi probabilmente non si parlerebbe di questa situazione. Questa è l'Italia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il discorso sarebbe molto lungo, per come la penso io l'unica cosa che respinge la gente comune è la mala politica. Cosa dovrebbero fare i giapponesi che spesso devono fronteggiare tsunami terremoti oppure altre popolazioni del pacifico dove tifoni ed uragani sono di casa ? L'uomo, fino ad oggi, si è adattato a tutto, ma quando subentrano altri interessi iniziano a sorgere i veri problemi. La regione Marche è evidentemente molto più ricca dell' Umbria ma turisticamente puntano tutto sulle località costiere fregandosene dell'entroterra ed i risultati sono evidenti. Se ci fosse stato uno tsunami ad Ancona, avrebbero rimesso a posto tutto nel giro di poco tempo. Guardiamo Norcia, la regione Umbria ci punta ed infatti hanno riaperto le scuole, hanno portato le casette, piano piano stanno riaprendo le attività commerciali e la gente torna. Visso ed Ussita sono città spettrali perché c'è una precisa volontà politica ed economica. Se poi ci troviamo di fronte ad una nuova era con terremoti ed esplosioni vulcaniche allora sono cazzi di tutti e non solo di quei disgraziati che per generazioni hanno abitato quei meravigliosi posti. Se nel 1997 le cose fossero state fatte bene senza il solito magna magna, oggi probabilmente non si parlerebbe di questa situazione. Questa è l'Italia.

 

Non so se hai seguito queste pagine, ma, più di una volta, abbiamo scritto che, a Norcia non ci sono state vittime perché, considerando la forza del terremoto e anche la struttura geologica, la ricostruzione del '79 è stata fatto tutto sommato bene.

Che questa sia l'Italia, purtroppo, lo sappiamo; ma io sono nazistissimo al riguardo e credo ciecamente che, se per tanti millenni, il territorio degli Stati Uniti, non è stato popolato, un motivo ci sarà... quindi, quando si beccano tifoni, uragani e Big One (quando sarà) secondo me se la sono cercata e di che tinta. La mia analisi non è su un ventennio, ma su un'era. Ecco perché mi pongo questo interrogativo.

6,5 è una cosa impressionante a prescindere dalla bontà della ricostruzione.

PS: mio zio è un ingegnere edile e professore di fisica e mi ha detto che un terremoto in Giappone è comunque difficilmente paragonabile con uno in Valnerina, stante l'importanza delle struttura morfologica sottostante. Se gli credo, devo inevitabilmente pensare che non tutti i posti sono adatti per costruire, confermando che sto parlando di un'analisi sul lunghissimo periodo. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se hai seguito queste pagine, ma, più di una volta, abbiamo scritto che, a Norcia non ci sono state vittime perché, considerando la forza del terremoto e anche la struttura geologica, la ricostruzione del '79 è stata fatto tutto sommato bene.

Che questa sia l'Italia, purtroppo, lo sappiamo; ma io sono nazistissimo al riguardo e credo ciecamente che, se per tanti millenni, il territorio degli Stati Uniti, non è stato popolato, un motivo ci sarà... quindi, quando si beccano tifoni, uragani e Big One (quando sarà) secondo me se la sono cercata e di che tinta. La mia analisi non è su un ventennio, ma su un'era. Ecco perché mi pongo questo interrogativo.

6,5 è una cosa impressionante a prescindere dalla bontà della ricostruzione.

PS: mio zio è un ingegnere edile e professore di fisica e mi ha detto che un terremoto in Giappone è comunque difficilmente paragonabile con uno in Valnerina, stante l'importanza delle struttura morfologica sottostante. Se gli credo, devo inevitabilmente pensare che non tutti i posti sono adatti per costruire, confermando che sto parlando di un'analisi sul lunghissimo periodo. ;)

 

premetto che mi sono accorto da poco dell' esistenza di questa discussione, credo che il vero miracolo di questa catastrofe sia l' assenza di vittime. Hai perfettamente ragione sul fatto che Norcia è stata ricostruita bene in entrambi i sismi, infatti al 6.5 sono venuti giù quasi esclusivamente gli edifici più antichi e vecchi mentre ad Ussita e Visso è cascato quasi tutto. Se dovesse fare una scossa dal 7.0 in poi probabilmente la Val Nerina sparirebbe comunque, ma anche noi la vedremmo scura. Si dovrebbe fare un trasferimento di massa oppure costruire bene e fortificare quello che c' è. Qualche soluzione deve essere trovata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La gente vuole restare nei territori dove è sempre vissuta, ed è giusto così.

 

A mio avviso andrebbe ristrutturato con stringente rispetto delle norme sismiche il patrimonio culturale, mentre le civili abitazioni vanno realizzate in legno.

 

La Valnerina e zone limitrofe devono continuare a vivere e prosperare, sono di una bellezza unica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La gente vuole restare nei territori dove è sempre vissuta, ed è giusto così.

 

A mio avviso andrebbe ristrutturato con stringente rispetto delle norme sismiche il patrimonio culturale, mentre le civili abitazioni vanno realizzate in legno.

 

La Valnerina e zone limitrofe devono continuare a vivere e prosperare, sono di una bellezza unica.

Spero che facciano così perché voglio troppo bene alla valnerina e non sopporterei una desertificazione programmata!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che intendi per ritorno alla norma?

 

Piccole scossette che ti fanno ricordare dove abitiamo senza avere paura. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.