Jump to content
BuFERA

pagamenti in contanti o con metodi alternativi?

come paghi/preferisci pagare i tuoi acquisti?  

28 members have voted

  1. 1. come paghi/preferisci pagare i tuoi acquisti?

    • 100% metodi alternativi
      10
    • 10% contanti - 90% metodi alternativi
      3
    • 20% contanti - 80% metodi alternativi
      5
    • 30% contanti - 70% metodi alternativi
      2
    • 40% contanti - 60% metodi alternativi
      0
    • 50% contanti - 50% metodi alternativi
      2
    • 60% contanti - 40% metodi alternativi
      0
    • 70% contanti - 30% metodi alternativi
      1
    • 80% contanti - 20% metodi alternativi
      1
    • 90% contanti - 10% metodi alternativi
      2
    • 100% contanti
      2


Recommended Posts

i pagamenti alternativi (carta di credito, di debito, bancomat, bonifici online, rid, etc.) in europa stanno sostituendo man mano i pagamenti in contanti. sia gli uni, sia gli altri hanno argomenti a proprio favore, ma l'interesse dei governi e delle banche centrali è chiaramente quello di spingere i metodi alternativi. quali metodi preferite e perché?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io pago sempre col bancomat,ci pagherei pure il caffè e la pasta,un esempio,il problema sono le commissioni,se si vuole togliere o diminuire il contante devono togliere le commissioni per chi ti vende il servizio, ossia pagamenti di pochi euro...

Edited by ternano_84

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, ternano_84 ha scritto:

Io pago sempre col bancomat,ci pagherei pure il caffè e la pasta,un esempio,il problema sono le commissioni,se si vuole togliere o diminuire il contante devono togliere le commissioni per chi ti vende il servizio, ossia pagamenti di pochi euro...

All estero fai tutto col  bancomat....la cosa che mi fa più girare le palle in italia è che quando chiedo bancomat,passano con carta di credito...

La carta di credito cerco di usarla solo all estero ovviato 

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 ore fa, ternano_84 ha scritto:

Io pago sempre col bancomat,ci pagherei pure il caffè e la pasta,un esempio,il problema sono le commissioni,se si vuole togliere o diminuire il contante devono togliere le commissioni per chi ti vende il servizio, ossia pagamenti di pochi euro...

la comodità della carta infatti non si discute. un problema cruciale tuttavia è proprio quello delle commissioni... per quanto le "persone competenti" dicano che le commissioni non fanno la differenza come si pensa, in realtà la differenza la fanno eccome. e la fanno dalla parte del venditore, che o cerca di evitare i pagamenti alternativi, o comunque in qualche modo ricarica questi costi su tutti i pagamenti. chiedo di tanto in tanto ai ristoratori quando ci entro in confidenza e a volte mi è stato risposto che hanno ancora commissioni fino al 5% su carta di credito.

 

mi viene di fare un parallelo con i siti di booking online e le strutture che si vedono costrette ad accettarli malvolentieri pur di non perdere clienti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, kapovoRDo ha scritto:

a Londra non so più come sono fatte le banconote.

eppure il regno unito è ancora (e di gran lunga) il paese dell'unione europea con maggiori transazioni su atm.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se continuiamo così, fra pochi anni non si avrà davvero quasi più traccia di banconote, purtroppo.

La smaterializzazione è una cosa molto dannosa, per molte ragioni sui cui illustri studiosi hanno già dato da tempo il loro parere, che condivido in toto.  

E quando governi e banche in combutta spingono tanto per qualcosa, in genere non è mai nulla di buono per i cittadini.

E non  mi piace nemmeno che stiano usando una balla per spingere questa transizione: la storia della lotta all'evasione è una balla, i grandi evasori (che sono il vero problema che nessuno però vuole davvero risolvere) non evadono certo in contanti coi celeberrimi mallopponi portati a spalla alle cayman...!  😀

Le multinazionali o le grandi imprese evadono già con strumenti smaterializzati.  

E poi, penso anche alla signora che suona sempre il violino a Corso Vecchio, a cui lascio sempre delle monete.  

Dovrà munirsi di pos?!?! 

E penso anche alle chiese: la questua si farà strisciando la carta?!?! 😀 E a ognuno chiederanno: Bancomat o carta?!?! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 13/10/2019 Alle 13:42, ternano_84 ha scritto:

Io pago sempre col bancomat,ci pagherei pure il caffè e la pasta,un esempio,il problema sono le commissioni,se si vuole togliere o diminuire il contante devono togliere le commissioni per chi ti vende il servizio, ossia pagamenti di pochi euro...

Io pago sempre col bancomat o con la carta di credito. Online con Carta di Credito o Carta di Debito o PayPal
Fosse per me abolirei il contante. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
eppure il regno unito è ancora (e di gran lunga) il paese dell'unione europea con maggiori transazioni su atm.


Credo quello che dici sia più rilevante per il Regno Unito ex-Londra, con una divisione più marcata tra nord e Londra/sud Inghilterra.

Cash withdrawals fell by 8.7 per cent in the UK capital during the first four months of 2019 compared to the same period last year, 7.9 per cent in the rest of the south-east and 7.7 per cent in south-west England, said Link, a body representing ATM providers.

Anche in generale credo che comunque la tendenza sia quella di usare metodi alternativi sempre con maggiore frequenza.

The UK is one of the countries turning away from cash most rapidly. Cash accounted for only 28 per cent of transactions in Britain during 2018, roughly half the rate of a decade ago, according to figures from UK Finance. The business lobby group estimates that paper money will only be used for 10 per cent of purchases by 2028.
Roughly 1,200 ATMs have shut down in the first six months of 2019, according to Link.

Questi sono estratti da un articolo del FT di Luglio 2019.

Share this post


Link to post
Share on other sites
eppure il regno unito è ancora (e di gran lunga) il paese dell'unione europea con maggiori transazioni su atm.


Credo quello che dici sia più rilevante per il Regno Unito ex-Londra, con una divisione più marcata tra nord e Londra/sud Inghilterra.

Cash withdrawals fell by 8.7 per cent in the UK capital during the first four months of 2019 compared to the same period last year, 7.9 per cent in the rest of the south-east and 7.7 per cent in south-west England, said Link, a body representing ATM providers.

Anche in generale credo che comunque la tendenza sia quella di usare metodi alternativi sempre con maggiore frequenza.

The UK is one of the countries turning away from cash most rapidly. Cash accounted for only 28 per cent of transactions in Britain during 2018, roughly half the rate of a decade ago, according to figures from UK Finance. The business lobby group estimates that paper money will only be used for 10 per cent of purchases by 2028.
Roughly 1,200 ATMs have shut down in the first six months of 2019, according to Link.

Questi sono estratti da un articolo del FT di Luglio 2019.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ormai pago al 90% con Apple Pay.

 

-Comodità assoluta, non devo nemmeno tirar fuori il telefono perché cel'ho anche sull'orologio.

-velocità istantanea, nessun pin né firma per qualsiasi importo 

-massima sicurezza.

-niente soldi zozzi e infetti da toccare (quanta gente li ha toccati dopo aver pisciato o cacato senza lavarsi le mano?)

-niente spicci da contare 

-nessun rischio di essere scippati del portafogli (nelle zone a rischio) o di perdere denaro per caduta 

-nessun rischio di clonatura carta o di mettere a vista i numeri 

-nessun problema in caso di smarrimento del telefono/orologio non si deve nemmeno bloccare la carta.

 

Fateci caso, quando fate la fila alle casse è più il tempo ad aspettare per i pagamenti contanti de le vecchie che per la scansione dei prodotti.

 

Difficile tornare indietro. Per questo evito i negozi che ancora non hanno adottato i pagamenti contactless, anche se ormai sono praticamente scomparsi.

Edited by callea

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, callea ha scritto:

 

-niente soldi zozzi e infetti da toccare (quanta gente li ha toccati dopo aver pisciato o cacato senza lavarsi le mano?)

 

 

tipo te cioè

 

non eri uno de quelli che quando pisciava in giro poi non se lavava le mani?

Edited by Razzotico

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Razzotico ha scritto:

 

 

tipo te cioè

 

non eri uno de quelli che quando pisciava in giro poi non se lavava le mani?

 

Ma infatti era più riferito alla seconda. Ho sbagliato a equiparare le due cose.

Orinare senza lavarsi le mano non comporta nessuna conseguenza per nessuno. Un po' come grattarsi il gomito o sbadigliare. Non è che ogni volta che ti gratti o sbadigli ti devi lavare le mano.

Al contrario defecare senza lavarsi le mano può comportare possibilità di contagio di gravi malattie come l'epatite.

Malattie che possono contagiare te stesso peraltro.

Edited by callea

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, callea ha scritto:

 

Ma infatti era più riferito alla seconda. Ho sbagliato a equiparare le due cose.

Orinare senza lavarsi le mano non comporta nessuna conseguenza per nessuno. Un po' come grattarsi il gomito o sbadigliare. Non è che ogni volta che ti gratti o sbadigli ti devi lavare le mano.

Al contrario defecare senza lavarsi le mano può comportare possibilità di contagio di gravi malattie come l'epatite.

Malattie che possono contagiare te stesso peraltro.

 
😂

scherzavo 

è che mi ricordavo quando lo avevi scritto 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, kapovoRDo ha scritto:

 


Credo quello che dici sia più rilevante per il Regno Unito ex-Londra, con una divisione più marcata tra nord e Londra/sud Inghilterra.

Cash withdrawals fell by 8.7 per cent in the UK capital during the first four months of 2019 compared to the same period last year, 7.9 per cent in the rest of the south-east and 7.7 per cent in south-west England, said Link, a body representing ATM providers.

Anche in generale credo che comunque la tendenza sia quella di usare metodi alternativi sempre con maggiore frequenza.

The UK is one of the countries turning away from cash most rapidly. Cash accounted for only 28 per cent of transactions in Britain during 2018, roughly half the rate of a decade ago, according to figures from UK Finance. The business lobby group estimates that paper money will only be used for 10 per cent of purchases by 2028.
Roughly 1,200 ATMs have shut down in the first six months of 2019, according to Link.

Questi sono estratti da un articolo del FT di Luglio 2019.
 

la tendenza che descrivi è generale. anche se i dati del 2019 credo si basino su una previsione, probabilmente non si discostano di molto da quelli reali. sorprendente tuttavia è che ci sono paesi nella comunità europea in cui le transazioni tramite atm aumentano (il più importante di questi paesi è proprio l'italia, almeno fino al 2017). i conti correnti sono sempre più vuoti e il contante è un deterrente contro questa tendenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, callea ha scritto:

Fateci caso, quando fate la fila alle casse è più il tempo ad aspettare per i pagamenti contanti de le vecchie che per la scansione dei prodotti.

questo è un falso mito... prova a dare alla vecchietta una carta o falle usare l'epos :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 ore fa, BuFERA ha scritto:

questo è un falso mito... prova a dare alla vecchietta una carta o falle usare l'epos :D

 

I POS vecchio tipo (quelli collegati via linea telefonica, inserimento fisico della carta e PIN per qualsiasi importo) erano molto lenti, talvolta più lenti dello stesso contante.

Ma con i pagamenti contactless tutto è molto più semplice e veloce, a prova di vecchiaccia.

Anzi, sarebbero proprio i vecchi a trarne grande vantaggio proprio per la grande semplicità e la non necessità di dover contare i soldi per loro che ci vedono poco, e l'impossibilità di subire truffe.

Edited by callea

Share this post


Link to post
Share on other sites
34 minuti fa, callea ha scritto:

 

I POS vecchio tipo (quelli collegati via linea telefonica, inserimento fisico della carta e PIN per qualsiasi importo) erano molto lenti, talvolta più lenti dello stesso contante.

Ma con i pagamenti contactless tutto è molto più semplice e veloce, a prova di vecchiaccia.

Anzi, sarebbero proprio i vecchi a trarne grande vantaggio proprio per la grande semplicità e la non necessità di dover contare i soldi per loro che ci vedono poco, e l'impossibilità di subire truffe.

non è proprio così. pos ed epos non sono esattamente la stessa cosa. al di la di quello, il pin (per fortuna) è necessario a partire da determinati importi ed apparecchi di nuova generazione a mio modo di vedere (non solo il mio a dir la verità) non permettono ad esempio di coprire lo schermo:

 

image.png.76c9cac7053e6bf380d7086eb635dfc1.png

 

 

tema igiene: proprio i pos vengono toccati da migliaia di mani tutti i giorni, tutt'altro che pulite e spesso piene di batteri.

 

tema sicurezza: le truffe con i metodi alternativi sono molte di più, al punto che è stata necessaria la doppia autenticazione. e i dati che vengono perduti sono molto più sensibili di una banconota.

 

tema economia: i metodi di pagamento alternativi, soprattutto tramite smartphone,  fin da sempre sono stati spinti per sfruttare l'acquisto emozionale. sembra uno stereotipo ma in fondo è così... spendi molto di più se hai la possibilità di acquistare immediatamente, appena vista la pubblicità. e soprattutto, percepisci molto meno quanto spendi. una volta i prestiti si facevano per acquistare un appartamento, adesso è comune farli per acquistare televisioni o anche per pagarsi una vacanza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, BuFERA ha scritto:

...

tema igiene: proprio i pos vengono toccati da migliaia di mani tutti i giorni, tutt'altro che pulite e spesso piene di batteri.

 

tema sicurezza: le truffe con i metodi alternativi sono molte di più, al punto che è stata necessaria la doppia autenticazione. e i dati che vengono perduti sono molto più sensibili di una banconota.

 

tema economia: i metodi di pagamento alternativi, soprattutto tramite smartphone,  fin da sempre sono stati spinti per sfruttare l'acquisto emozionale. sembra uno stereotipo ma in fondo è così... spendi molto di più se hai la possibilità di acquistare immediatamente, appena vista la pubblicità. e soprattutto, percepisci molto meno quanto spendi. una volta i prestiti si facevano per acquistare un appartamento, adesso è comune farli per acquistare televisioni o anche per pagarsi una vacanza.

 

È una vita che non tocco un POS. Basta avvicinare l'AWatch e scatta il pagamento senza dover mettere nessun pin per qualsiasi importo.
È necessario toccarlo solo se usi le carte contactless oltre i 25 euro. Ma come già detto non uso più nemmeno le carte che stanno a fare la polvere dentro il cassetto (e sto anche valutando di distruggerle per sicurezza visto che non servono più, nemmeno per prelevare al bancomat qualora fosse necessario).

Edited by callea

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, BuFERA ha scritto:

 

tema sicurezza: le truffe con i metodi alternativi sono molte di più, al punto che è stata necessaria la doppia autenticazione. e i dati che vengono perduti sono molto più sensibili di una banconota.

 

 

Se perdi una banconota da 50 euro o la borsa con la pensione dentro in banconote, hai automaticamente perso tutto.

Se perdo il mio iPhone con tutte le mie carte dentro e i miei dati sensibili, chi lo trova non riesce ad accedere nemmeno se si raccomanda allo spirito santo al punto che non è nemmeno necessario bloccare le carte o fare denuncia di smarrimento.

Chi lo trova può solo usarlo come fermacarte o rivendere qualche pezzo di ricambio.

 

Quale dei due metodi è più sicuro cribbio??

 

P.S.

Per chi usa le carte di credito, in caso di truffa come la clonazione o smarrimento, di solito sono assicurate e ti ridanno i soldi rubati. Sulle banconote, ripeto, invece una volta perdute non hai scampo.

Edited by callea

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, callea ha scritto:

impossibilità di subire truffe

Questo lo dici te, questa estate mi hanno clonato la MasterCard e fottuto quasi 1.000€ proprio dopo un’operazione contactless. Per cui la sicurezza è tutta da provare. Mentre il POS tradizionale è, tutt’oggi, sicurissimo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, FURIOUS ha scritto:

Questo lo dici te, questa estate mi hanno clonato la MasterCard e fottuto quasi 1.000€ proprio dopo un’operazione contactless. Per cui la sicurezza è tutta da provare. Mentre il POS tradizionale è, tutt’oggi, sicurissimo. 

 

Le carte sono clonate proprio con i POS tradizionali con la classica strisciata.

Con Apple Pay, che è il metodo di pagamento più sicuro in assoluto, non si può clonare nulla. I codici trasmessi sono criptati e soprattutto temporanei, non utilizzabili per altre operazioni e non hanno alcun riferimento che possa ricostruire la carta di origine.

 

Se è possibile clonare una carta col metodo contactless non lo so sinceramente, se a te è successo non posso metterlo in dubbio, ma come detto io non uso le carte ma l'Apple Watch e l'iPhone, lascio le carte a casa nel cassetto e sto in una botte di ferro.

 

Ma poi suppongo che i 1000 euro li abbia recuperati, no? Se fossero stati di carta ti attaccavi.

Edited by callea

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il ‎14‎/‎10‎/‎2019 Alle 09:39, Lu Generale ha scritto:

Se continuiamo così, fra pochi anni non si avrà davvero quasi più traccia di banconote, purtroppo.

La smaterializzazione è una cosa molto dannosa, per molte ragioni sui cui illustri studiosi hanno già dato da tempo il loro parere, che condivido in toto.  

E quando governi e banche in combutta spingono tanto per qualcosa, in genere non è mai nulla di buono per i cittadini.

E non  mi piace nemmeno che stiano usando una balla per spingere questa transizione: la storia della lotta all'evasione è una balla, i grandi evasori (che sono il vero problema che nessuno però vuole davvero risolvere) non evadono certo in contanti coi celeberrimi mallopponi portati a spalla alle cayman...!  😀

Le multinazionali o le grandi imprese evadono già con strumenti smaterializzati.  

E poi, penso anche alla signora che suona sempre il violino a Corso Vecchio, a cui lascio sempre delle monete.  

Dovrà munirsi di pos?!?! 

E penso anche alle chiese: la questua si farà strisciando la carta?!?! 😀 E a ognuno chiederanno: Bancomat o carta?!?! 

Ma quando parli di grandi evasori chi intendi ? faccio un esempio, un medico che è accertato per 500.000 € di iva evasa in un triennio è un grande evasore ?

Perché in Italia l'evasione di iva nel 2017 è stata di 33 miliardi di €, quindi a seconda dei punti di vista questo medico può essere o un piccolo e tenero evasore 😄 o un grande evasore.

 

Per come la vedo io è un grande evasore, dirò di più, un giorno, purtroppo mi reco da un ortopedico che esercita in uno dei policlinici di Roma, e fa "l'arrotondamento" fuori, morale - e tutte le volte mi dicono sia cosi - 15 persone prima di me, 15 arrivate dopo di me e non so dopo. Costo 150 € (a nero) a me e a tutti gli altri credo, il che fa 4500 € x 4 volte al mese sommano 18000 € per 12 sommano 216000 € esentasse.

 

Quindi per me è tutt'altro che una balla il fatto che l'obbligo a pagare con sistemi tracciabili tutti, costringerebbe i piccoli e teneri evasori, ed i grandi e cattivi evasori a pagare più imposte ed ad aumentare il loro contributo nelle casse dello stato. Questo - sempre a mio avviso - è valido sia per chi fa una libera professione che per chi fa il doppio lavoro. Anche perché se un giorno l'erario bussasse alla mia porta chiedendomi conto di un pagamento tracciato, non è che io per carità cristiana proteggo il ladro.

 

Detto questo, io ho sempre preferito toccare il danaro con cui pago mi da un senso di certezza.

 

 

 

  • Upvote 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, callea ha scritto:

 

Se perdi una banconota da 50 euro o la borsa con la pensione dentro in banconote, hai automaticamente perso tutto.

Se perdo il mio iPhone con tutte le mie carte dentro e i miei dati sensibili, chi lo trova non riesce ad accedere nemmeno se si raccomanda allo spirito santo al punto che non è nemmeno necessario bloccare le carte o fare denuncia di smarrimento.

Chi lo trova può solo usarlo come fermacarte o rivendere qualche pezzo di ricambio.

 

Quale dei due metodi è più sicuro cribbio??

 

P.S.

Per chi usa le carte di credito, in caso di truffa come la clonazione o smarrimento, di solito sono assicurate e ti ridanno i soldi rubati. Sulle banconote, ripeto, invece una volta perdute non hai scampo.

ci sono parecchi argomenti a favore dei metodi alternativi (torquemada ne ha descritto uno validissimo), perché continui a confrontare te stesso con la vecchietta rincoglionita? :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
44 minuti fa, torquemada ha scritto:

Ma quando parli di grandi evasori chi intendi ? faccio un esempio, un medico che è accertato per 500.000 € di iva evasa in un triennio è un grande evasore ?

Perché in Italia l'evasione di iva nel 2017 è stata di 33 miliardi di €, quindi a seconda dei punti di vista questo medico può essere o un piccolo e tenero evasore 😄 o un grande evasore.

 

Per come la vedo io è un grande evasore, dirò di più, un giorno, purtroppo mi reco da un ortopedico che esercita in uno dei policlinici di Roma, e fa "l'arrotondamento" fuori, morale - e tutte le volte mi dicono sia cosi - 15 persone prima di me, 15 arrivate dopo di me e non so dopo. Costo 150 € (a nero) a me e a tutti gli altri credo, il che fa 4500 € x 4 volte al mese sommano 18000 € per 12 sommano 216000 € esentasse.

 

Quindi per me è tutt'altro che una balla il fatto che l'obbligo a pagare con sistemi tracciabili tutti, costringerebbe i piccoli e teneri evasori, ed i grandi e cattivi evasori a pagare più imposte ed ad aumentare il loro contributo nelle casse dello stato. Questo - sempre a mio avviso - è valido sia per chi fa una libera professione che per chi fa il doppio lavoro. Anche perché se un giorno l'erario bussasse alla mia porta chiedendomi conto di un pagamento tracciato, non è che io per carità cristiana proteggo il ladro.

 

Detto questo, io ho sempre preferito toccare il danaro con cui pago mi da un senso di certezza.

 

 

 

pienamente d'accordo. vale però se si prova ad eliminare del tutto la banconota ed è un'operazione quasi impossibile. innanzitutto perché siamo ancora in parecchi a voler toccare con mano quanto spendiamo; poi perché dopo due decadi in cui ci hanno provato pure con la forza, non ci sono riusciti nemmeno i paesi scandinavi.

ricordo che quando in un call centre nel 2006 dovevo verificare i documenti dei clienti scandinavi, ricevevo carte di credito con la foto sopra... in pratica la carta era anche un documento di identità. bene, nonostante ciò, in questi paesi fanno ancora un buon uso di contanti (la finlandia è il paese europeo con il numero medio più alto di transazioni su atm), e la svezia è stata costretta a rivedere le sue politiche, perché in casi di problemi tecnici, diversi esercizi che non accettavano più contanti sono stati costretti ad interrompere momentaneamente la propria attività.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi direte invece, che il rischio concreto è che questi onestissimi signori, una volta venuta meno la possibilità di "sommergere" i compensi, alzino le parcelle e Santi benedetti.

 

Secondo me, oltre a questa mossa dei pagamenti tracciabili, non sarebbe male accompagnarla con una maggiorazione delle percentuali per le tutte quelle spese - fatturate o fiscalmente documentabili - che possono essere portae in detrazione, da quelle per i libri scolastici, alle spese mediche, alle spese per le attività sportive dei figli e via dicendo......In sostanza più documenti e più detrai, e se la catena si mette in moto come Cristo comanda, a medio termine tutti ne trarremo vantaggio.

Edited by torquemada

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.