Jump to content

unoffiC1Bl esposito

Members
  • Content Count

    1,179
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About unoffiC1Bl esposito

  • Rank
    Allenatore

Recent Profile Visitors

737 profile views
  1. unoffiC1Bl esposito

    EPISODI STORICI (ANNI 70/80) PER I TIFOSI ROSSOVERDI

    Dal mio topi avete organizzato una vera e propria sezione a parte.... copioni!
  2. unoffiC1Bl esposito

    Stasera 26.08.08 GLi altoforno

    sarà...........ma guarda che ieri ce saranno state minimo 3000 persone 1452146[/snapback] io so solo che la piazza era zeppa,380 coperti a cena,2000 suppli e 8 fusti de birra venduti a mezzanotte e mezza............ 1452155[/snapback] I suppli' erano buoni. complimenti. Comunque c'era mezzo forum...
  3. unoffiC1Bl esposito

    Stasera 26.08.08 GLi altoforno

    Non te fini' li suppli' pero'
  4. unoffiC1Bl esposito

    Stasera 26.08.08 GLi altoforno

    come ti riconosciamo? 1451392[/snapback] c'ho l'alone rosa ..... a parte gli scherzi tu quando arrivi li allo stand (che sta in passeggiata) chiedi di Alessandro del forum e m'artrovi subito 1451420[/snapback] ma che contrada sei?
  5. unoffiC1Bl esposito

    Stasera 26.08.08 GLi altoforno

    come ti riconosciamo?
  6. unoffiC1Bl esposito

    Stasera 26.08.08 GLi altoforno

    Gusto per segnalare agli appassionati
  7. unoffiC1Bl esposito

    MA TUTTI A BERNA LI MANNANO!

    Lu ternano sta a cerca lu numero de Peter Fröjdfeldt (l'arbitro) pe telfonaje a casa e insultallo
  8. unoffiC1Bl esposito

    MA TUTTI A BERNA LI MANNANO!

    Dice che con l'olandesi ce stavano anche du macchine del Perugia ed una di Salerno
  9. unoffiC1Bl esposito

    MA TUTTI A BERNA LI MANNANO!

    Dice che hanno visto Guerini al bar Pazzimearaglien di Baden
  10. unoffiC1Bl esposito

    MA TUTTI A BERNA LI MANNANO!

    Per me Donadoni non lu magna lu dolce co la marmellata (n.b. la Sacher) Ma tutti a Berna li mannano (riferito ad arbitri ed allenatori) Tra mbo' Cassano pija foco (lungo riscaldamento) Arieccoli Buffo' (dopo il terzo gol quando gli olandesi attaccavano) Non ce vojono anna' su (ai quarti di finale) Apposto! (quando Toni ha tirato alto). Segnaliii (sul fuorigioco) Ma leva stu pistamintuccia (Di Natale o Camoranesi)
  11. unoffiC1Bl esposito

    Mi manca l'aria di mare

    quello del primo anno di C1 pero'
  12. unoffiC1Bl esposito

    Correva l' 8 maggio 1988

    20 anni fa ci vorrebbe una puntata di Minoli
  13. unoffiC1Bl esposito

    Mi manca l'aria di mare

    Che nostalgia
  14. unoffiC1Bl esposito

    Anche con la Nazionale

    OFFESO, INCITATO LA DOPPIA PARTITA DI RAVANELLI Repubblica — 25 gennaio 1996 pagina 39 sezione: SPORT TERNI - Un tiro preciso, angolato, un urlo di gioia feroce, la corsa incontro a un abbraccio invisibile, mai tanto agognato: la partita di Fabrizio Ravanelli è cominciata dopo 50' , quando ha ricevuto palla da Zola sulla verticale dell' area e l' ha girata in porta, alle spalle del portiere gallese Southall. Poi la sua corsa larga, a volo d' uccello felice, il tuffo dentro l' erba fradicia, le braccia alte, a ricevere i complimenti dei compagni. Ma prima di arrivare al 50' , Ravanelli ha giocato suo malgrado una partita nella partita, con esiti non sempre felici, comunque sempre viziati dalla tensione. In mattinata, infatti, era arrivata la notizia degli atti di teppismo compiuti nella notte a Perugia. Due le automobili targate Terni prese di mira: una Innocenti completamente distrutta da un incendio e una Fiat Uno alla quale sono state squarciate le gomme. Prudenti gli inquirenti ("Non vorremmo che l' episodio venisse ingrandito oltre misura, generando magari nuove violenze"). Ma collegare l' episodio agli insulti patiti in questi giorni dallo juventino è fin troppo facile. Così, dal momento in cui lo speaker ha annunciato le formazioni, è cominciata una piccola guerra sorda tra i curvaioli più esagitati e il resto dello stadio: fischi furibondi e grida di scherno, prima in risposta al nome, poi indirizzati direttamente al giocatore in campo. Eppure, suo è stato il primo pallone serio giocato dalla squadra: palla appoggiata nella tre quarti avversaria su Di Livio, cross di quest' ultimo e gol di Del Piero, ispirazione e confezione made by Juventus. Da questo momento in poi, lo stadio è diventato teatro di un botta e risposta a metà tra il risibile e il deprimente: il tutto, fino a quando intorno alla mezz' ora il partito dei ravanelliani ha avuto la meglio ed è partito un lungo applauso accompagnato da un "Ravanelli, Ravanelli" scandito in maniera massiccia. Lui, Ravanelli, che in quel momento stava cercando lo scambio con Zola, a un passo dalla bandierina d' angolo sinistra, si è come scrollato di dosso un quintale di malumore: dribbling sul suo marcatore Coleman e cross ribattuto in calcio d' angolo. Qui, il ragazzo non è riuscito a trattenersi e ha alzato le braccia prima a salutare, poi addirittura ad applaudire chi lo stava inaspettatamente incoraggiando. Racconterà negli spogliatoi, a partita finita: "Quando la curva ha gridato il mio nome, mi sono emozionato. C' era la mia famiglia in tribuna, ero preoccupato, temevo che insultassero anche loro. E invece è arrivata questa grande sodisfazione: ho segnato un bel gol, lo dedico a tutti i tifosi che mi vogliono bene". Dopo il controapplauso al pubblico amico, se possibile, il rumoreggiare collettivo è ancora aumentato. Da una parte, quelli dei ' Freak brothers-lo sballo continua' , perfino stoici nel loro urlare sotto una pioggia furibonda: "Non ti vogliamo, non ti vogliamo". Dall' altra, tutti quelli che avevano deciso di godersi la partita, roba che a un certo punto il centravanti non poteva più toccar palla senza essere soffocato di applausi a coprire i fischi. Il gol è stato liberazione, felicità, rivincita e rabbia insieme. Avrebbe potuto segnare ancora: ha preferito duettare con Del Piero (due assist sprecati dal ragazzino) e Zola. Si era anche guadagnato un rigore, Ravanelli, ma l' arbitro Goethals ha finto di non vedere la spinta grossolana di Symons. Così, a meno di un quarto d' ora dalla fine, la sua ansia di servire la squadra e non solo sfruttarne le doti, si è concretizzata nel passaggio-gol per Casiraghi, l' uomo del 3-0. Altri abbracci: mai abbastanza per chi si è sentito ingiustamente strapazzato. Per sua fortuna, Terni è già archiviata, insieme alla memoria di un altro gol in Nazionale, il quinto in sette gare ("17 gol in questa stagione, non so quanti hanno segnato più di me, in Italia"), e nulla più. - dal nostro inviato LICIA GRANELLO Articoli correlati - ARCHIVIO DAL 1984 OFFESO, INCITATO LA DOPPIA PARTITA DI RAVANELLI dal nostro inviato LICIA GRANELLO — 25 gennaio 1996 pagina 39 sezione: SPORT
  15. unoffiC1Bl esposito

    Ancora Follie

    INCIDENTI A FOLIGNO, UN FERITO GRAVE Repubblica — 26 agosto 1993 pagina 22 sezione: SPORT FOLIGNO - Follie d' agosto. Al termine della partita Foligno-Ternana, finita 0-0 e valida per la Coppa Italia dilettanti, ci si sono stati violenti scontri fra gli ultrà. Il bilancio è di due feriti e di altrettanti arresti operati dai carabinieri. Il ferito grave, ricoverato presso l' ospedale di Foligno, è Massimo Acciarini di 25 anni, mentre l' altro è un carabiniere. Un coltello è stato anche lanciato contro una pattuglia di vigili urbani ma è finito contro un' auto. I tifosi ternani, circa 300, sono ripartiti da Foligno con un treno speciale alle ore 23.30, scortati lungo la linea da un ingente spiegamento di forze dell' ordine. I disordini erano cominciati intorno alle 19.30, appena i ternani si erano avvicinati a piedi allo stadio Santo Pietro. C' era stata una sassaiola, subito interrotta da carabinieri e polizia. Articoli correlati - ARCHIVIO DAL 1984 INCIDENTI A FOLIGNO, UN FERITO GRAVE — 26 agosto 1993 pagina 22 sezione: SPORT
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.