Jump to content
Freak Brother 1973

La morte di Gino Pucciarelli

Recommended Posts

info.gifPerugia

L’amica chirurgo lo fa scappare per la cena. Il paziente muore

 

L’architetto Pucciarelli, 49 anni, entra in ospedale per togliere le tonsille. La sera prima dell’intervento un chirurgo lo fa uscire per cena. Morirà 13 giorni dopo l’operazione. Indagati 5 medici dell’ospedale Santa Maria della Misericordia

di Elisabetta Andreis e Gianni Santucci

Alle 16.37 del 2 luglio 2015, un messaggio illumina lo schermo del cellulare dell’architetto Gino Pucciarelli, 49 anni, ricoverato in una stanza del Policlinico di Perugia. Toni da film di spionaggio: «Gino, troverai una Punto grigia parcheggiata alla rotatoria». Organizzazione dell’evasione: «Quando esci dal reparto non avvisare nessuno e non voltarti. Se qualcuno ti chiama inizia a correre». È una dottoressa che scrive, Maria Cristina Cristi, chirurgo, amica di Pucciarelli. È per via di quella conoscenza che l’architetto ha deciso di farsi operare (rimozione delle tonsille) proprio a Perugia. Il messaggio inaugura una chat di gruppo su WhatsApp. Il medico (dovrebbe preoccuparsi della salute del paziente, che sarà operato la mattina dopo) l’ha chiamata così: «Rapimento Gino». Istruzioni per la fuga. «Una volta che sarai bendato, il pilota ti condurrà in un luogo sicuro per la cena». Goliardia ospedaliera.

Quella sera mangeranno pasta cacio e pepe, berranno prosecco, tutti a casa della dottoressa Cristi (paziente, chirurgo e un paio di specializzandi), poi faranno pure un passaggio in un pub per una birra: e questo «nonostante la prescrizione preoperatoria del digiuno», scrive il pm Gemma Miliani nell’avviso di chiusura indagini contro cinque medici.

 

Perché tredici giorni dopo l’operazione, il 16 luglio 2015, l’architetto Pucciarelli muore a causa delle complicanze dell’intervento. È una vicenda drammatica che oggi si può rileggere in tutti i suoi retroscena grazie alle indagini difensive dell’avvocato Luca Mecarini e dell’ingegner Paolo Reale, perito che ha analizzato il telefonino dell’architetto e ne ha estratto tutte le chat di quel periodo (la storia è stata raccontata nei giorni scorsi dal Corriere dell’Umbria).

 

Quei messaggi ricostruiscono una sorta di cronaca della serata. Battute e superficialità. «R. (altra dottoressa, non indagata, ndr) è di guardia e non vuole seguirci. La useremo comunque per far rientrare Gino». R. risponde: «Sarò il basista». E ancora: «Il prof non può cenare con noi. Per me ha paura di essere arrestato» (il pm spiega che «la circostanza della cena era nota a Giampietro Ricci, primario di otorinolaringoiatria, che nulla faceva per impedire tale goliardica e insana iniziativa della Cristi, certamente contraria alla doverosa condotta di diligenza e anche a minime regole di prudenza»).

 

Nella stessa chat, compaiono poi in sequenza: foto dell’architetto a cena con i medici, foto al pub e, la mattina dopo, un selfie di due dottoresse che in sala operatoria fanno la «V» con le dita, davanti al paziente un po’ malconcio sul lettino. La cena rappresenta solo il primo passaggio (probabilmente il meno grave) nella serie di «negligenze, imperizie e imprudenze» che hanno portato a una gravissima emorragia. L’architetto è morto nello stesso ospedale da cui i medici l’avevano fatto scappare per la cena «cacio e pepe».

14 gennaio 2017 (modifica il 14 gennaio 2017 | 22:06)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

 

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

 

Commento mio: questi stanno veramente fori de capoccia...

Edited by Freak Brother 1973

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ste quattro ornitocarenziali so delle dementi

 

Ce sta pure da di che non credo sia morto dopo 13 giorni perche la sera prima aveva cenato co ste aviopeniche

Share this post


Link to post
Share on other sites

In questa vicenda ci vedo molte informazioni irrilevanti date in pasto ai giornalisti.

Ovvio che quando muore una persona si indaga su tutto, ma poi molti dettagli sono irrilevanti.

 

Dove sta il nesso tra la pasta cacio e pepe, la birra al pub con il decesso?

Chi lo dice che il secondo è conseguenza del primo?

 

E poi perché perché si era ricoverato il giorno prima?

Io tanti anni fa fui operato alle tonsille, mi ricoverai la mattina stessa dell'intervento, la sera prima mangiai pizza e gazzosa.

 

Eccomi qua...

Edited by callea
  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

In questa vicenda ci vedo molte informazioni irrilevanti date in pasto ai giornalisti.

Ovvio che quando muore una persona si indaga su tutto, ma poi molti dettagli sono irrilevanti.

Dove sta il nesso tra la pasta cacio e pepe, la birra al pub con il decesso?

Chi lo dice che il secondo è conseguenza del primo?

E poi perché perché si era ricoverato il giorno prima?

Io tanti anni fa fui operato alle tonsille, mi ricoverai la mattina stessa dell'intervento, la sera prima mangiai pizza e gazzosa.

Eccomi qua...

Ma nessuno lo dice infatti

 

E' morto per emorragia 13 giorni dopo

 

Non e' che l hanno operato e poi so annati a magna. Ha magnato prima, il digiuno in sala operatoria serve prevalentemente per avere lo stomaco vuoto se ci sono eventuali complicazioni anestesiologiche

E poi lui eventaulamente ha magnato? Quanto?

Che cazzo c entrano le chat? Poi se e' morto per un eventuale errore tecnico e' un onto, ma non e' morto per cacio e pepe o pe li selfie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io invece penso che hanno fatto bene a scrivere tutto. Ormai la gente con sti social network vuole osare sempre di più, c'è sempre bisogno di dimostrare, superare i limiti.

Servisse a qualche altro coglione per capire a che cazzo di punto siamo arrivati, male non farebbe

La negligenza di andare a cena e al pub una volta ricoverato con foto in bella evidenza del braccialetto dell'ospedale per dimostrare a tutti la loro "pazzia".

Ecco la loro pazzia ha fatto morire un amico perché invece di preoccuparsi di misurare e valutare l'alta pressione arteriosa, erano impegnati a fare un selfie in sala operatoria.

 

Coglioni

Edited by cesenticerqua
  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io invece penso che hanno fatto bene a scrivere tutto. Ormai la gente con sti social network vuole osare sempre di più, c'è sempre bisogno di dimostrare, superare i limiti.

Servisse a qualche altro coglione per capire a che cazzo di punto siamo arrivati, male non farebbe

La negligenza di andare a cena e al pub una volta ricoverato con foto in bella evidenza del braccialetto dell'ospedale per dimostrare a tutti la loro "pazzia".

Ecco la loro pazzia ha fatto morire un amico perché invece di preoccuparsi di misurare e valutare l'alta pressione arteriosa, erano impegnati a fare un selfie in sala operatoria.

 

Coglioni

 

 

è stato ricoverato di nuovo una settimana dopo dopo i selfie

 

cacio e pepe, le foto etc etc non c'entrano niente...poteva pure ave fatto una gang bang la sera prima

 

 

l'errore, se c'è stato, è stato in sala operatoria...e cmq l'emorragia è una delle possibili complicanze della rimozione delle tonsille

 

che poi magari le dottoresse non abbiano dato impressione de grande serietà bene, ma non è morto pe la cena

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io invece penso che hanno fatto bene a scrivere tutto. Ormai la gente con sti social network vuole osare sempre di più, c'è sempre bisogno di dimostrare, superare i limiti.

Servisse a qualche altro coglione per capire a che cazzo di punto siamo arrivati, male non farebbe

La negligenza di andare a cena e al pub una volta ricoverato con foto in bella evidenza del braccialetto dell'ospedale per dimostrare a tutti la loro "pazzia".

Ecco la loro pazzia ha fatto morire un amico perché invece di preoccuparsi di misurare e valutare l'alta pressione arteriosa, erano impegnati a fare un selfie in sala operatoria.

 

Coglioni

Guarda che i selfie, i social, le birre e gli spaghetti mangiati il giorno prima non hanno nulla a che vedere con l'emorragia avvenuta dopo l'intervento.

 

Come già detto è giusto indagare a 360 gradi, ma qui gli unici che hanno superato i limiti non sono i social ma i media tradizionali che non perdono occasione per montare cazzate sfruttando l'ignoranza della gente.

 

Ha fatto bene ad andarsi a divertire per l'ultima volta quel poretto, tanto sarebbe morto lo stesso anche senza selfie e senza spaghetti.

Edited by callea

Share this post


Link to post
Share on other sites

il digiuno serve solo per rischio di rigetto post-anestesia totale.

me so operato un po' de volte via, e bestemmiavo poco da fijo perche non potevo magna e passavo un paio di giorni col sondino naso-gastrico :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

il digiuno serve solo per rischio di rigetto post-anestesia totale.

me so operato un po' de volte via, e bestemmiavo poco da fijo perche non potevo magna e passavo un paio di giorni col sondino naso-gastrico :D

 

Ma non basta saltare la colazione?

Se mangio a cena un piatto di spaghetti per la mattina li avrò già belli che digeriti, no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

 

è stato ricoverato di nuovo una settimana dopo dopo i selfie

 

cacio e pepe, le foto etc etc non c'entrano niente...poteva pure ave fatto una gang bang la sera prima

 

 

l'errore, se c'è stato, è stato in sala operatoria...e cmq l'emorragia è una delle possibili complicanze della rimozione delle tonsille

 

che poi magari le dottoresse non abbiano dato impressione de grande serietà bene, ma non è morto pe la cena

 

 

Guarda che i selfie, i social, le birre e gli spaghetti mangiati il giorno prima non hanno nulla a che vedere con l'emorragia avvenuta dopo l'intervento.

 

Come già detto è giusto indagare a 360 gradi, ma qui gli unici che hanno superato i limiti non sono i social ma i media tradizionali che non perdono occasione per montare cazzate sfruttando l'ignoranza della gente.

 

Ha fatto bene ad andarsi a divertire per l'ultima volta quel poretto, tanto sarebbe morto lo stesso anche senza selfie e senza spaghetti.

se leggete tutto l'ho scritto il motivo per cui è morto

invece di fare i selfie e aggiornare il gruppo watsup con le tonsille sanguinanti appena recise, potevano misurargli la pressione arteriosa e potevano accorgersi che qualcosa poteva andare storto

invece di lavorare avevano da pavoneggiarsi

comandassi io, licenzierei in tronco chi si fa i selfie in sala operatoria per grave negligenza, visto che il telefono in mano non credo sia sterilizzato

Edited by cesenticerqua

Share this post


Link to post
Share on other sites

il digiuno serve solo per rischio di rigetto post-anestesia totale.

me so operato un po' de volte via, e bestemmiavo poco da fijo perche non potevo magna e passavo un paio di giorni col sondino naso-gastrico :D

 

 

Scusa ma sei sicuro che si digiuna solo per quello? Boh me pare strano...

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Scusa ma sei sicuro che si digiuna solo per quello? Boh me pare strano...

 

 

si, di solito si digiuna per avere lo stomaco vuoto durante l'anestesia, in particolare

 

 

poi dipende anche dal tipo di intervento che devi fare

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

se leggete tutto l'ho scritto il motivo per cui è morto

invece di fare i selfie e aggiornare il gruppo watsup con le tonsille sanguinanti appena recise, potevano misurargli la pressione arteriosa e potevano accorgersi che qualcosa poteva andare storto

invece di lavorare avevano da pavoneggiarsi

comandassi io, licenzierei in tronco chi si fa i selfie in sala operatoria per grave negligenza, visto che il telefono in mano non credo sia sterilizzato

 

 

è stato dimesso il giorno dopo mi pare, gliel'avranno misurata la pressione.

è stato male 1 settimana dopo , mica subito

 

più che altro non mi spiego sto rapporto che c'avevano co sto cristiano,boh

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io invece penso che hanno fatto bene a scrivere tutto. Ormai la gente con sti social network vuole osare sempre di più, c'è sempre bisogno di dimostrare, superare i limiti.

Servisse a qualche altro coglione per capire a che cazzo di punto siamo arrivati, male non farebbe

La negligenza di andare a cena e al pub una volta ricoverato con foto in bella evidenza del braccialetto dell'ospedale per dimostrare a tutti la loro "pazzia".

Ecco la loro pazzia ha fatto morire un amico perché invece di preoccuparsi di misurare e valutare l'alta pressione arteriosa, erano impegnati a fare un selfie in sala operatoria.

 

Coglioni

capisco infatti che per parecchi lavori la quotidianità ha bisogno di interruzioni anche esilaranti, ma stamo a parlà de una sala operatoria

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io invece penso che hanno fatto bene a scrivere tutto. Ormai la gente con sti social network vuole osare sempre di più, c'è sempre bisogno di dimostrare, superare i limiti.

Servisse a qualche altro coglione per capire a che cazzo di punto siamo arrivati, male non farebbe

La negligenza di andare a cena e al pub una volta ricoverato con foto in bella evidenza del braccialetto dell'ospedale per dimostrare a tutti la loro "pazzia".

Ecco la loro pazzia ha fatto morire un amico perché invece di preoccuparsi di misurare e valutare l'alta pressione arteriosa, erano impegnati a fare un selfie in sala operatoria.

 

Coglioni

:clap: :clap: :clap:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema è che di tutto sto casino ci rimette Il grandissimo Prof. Ricci che essendo direttore del reparto, doveva controllare.

Voi non lo conoscete, ma tra tutti i medici che conosco è il PIU' grande.

Grandissimo chirurgo, di livello internazionale, umanità e correttezza ai limiti del possibile, gentilezze e cortesia ai limiti dell'umano.

 

Tanto per dire, dopo aver operato 2 volte mio figlio benissimo nonostante alcune difficoltà tecniche (impianto cocleare, cosa che 5 anni fa in centro Italia era uno dei primi e unici), ha seguito passo passo PERSONALMNETE il decorso. Rispondendo ed informandosi anche quando era in vacanza all'estero, per email, whatsapp, telefono ecc...

Addirittura dopo il secondo intervento nonostante fosse in ferie è passato a controllare tutti i pazienti più problematici di domenica mattina in borghese anche solo per fare un saluto.

 

Mi dispiace da morire se ci dovesse rimettere lui per ste cazzate, anche perchè poi in Umbria perderemmo una professionalità, competenza e esperienza che sul territorio non esiste.

 

Resta inteso che dovrà essere valutata la causa della morte di sto tizio (che sicuramente niente avrà a che fare con le cazzate della cena).

Andranno poi presi di conseguenza i provvedimenti.

Edited by LuFranco
  • Upvote 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema è che di tutto sto casino ci rimette Il grandissimo Prof. Ricci che essendo direttore del reparto, doveva controllare.

Voi non lo conoscete, ma tra tutti i medici che conosco è il PIU' grande.

Grandissimo chirurgo, di livello internazionale, umanità e correttezza ai limiti del possibile, gentilezze e cortesia ai limiti dell'umano.

 

Tanto per dire, dopo aver operato 2 volte mio figlio benissimo nonostante alcune difficoltà tecniche (impianto cocleare, cosa che 5 anni fa in centro Italia era uno dei primi e unici), ha seguito passo passo PERSONALMNETE il decorso. Rispondendo ed informandosi anche quando era in vacanza all'estero, per email, whatsapp, telefono ecc...

Addirittura dopo il secondo intervento nonostante fosse in ferie è passato a controllare tutti i pazienti più problematici di domenica mattina in borghese anche solo per fare un saluto.

 

Mi dispiace da morire se ci dovesse rimettere lui per ste cazzate, anche perchè poi in Umbria perderemmo una professionalità, competenza e esperienza che sul territorio non esiste.

 

Resta inteso che dovrà essere valutata la causa della morte di sto tizio (che sicuramente niente avrà a che fare con le cazzate della cena).

Andranno poi presi di conseguenza i provvedimenti.

 

 

perfetto

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Scusa ma sei sicuro che si digiuna solo per quello? Boh me pare strano...

Si digiuna perché in qualche caso, per cause che non so spiegare tecnicamente, perché so archeologo non medico (me fido de quello che i medici dicono), l'anestesia totale (non la parziale ovviamente) può dare (se ho ben capito) reazioni di tipo allergico/intolleranza che fanno sì che soffri di spasmi e conseguenze di vomito.

Ecco il perché delle 12 ore minimo di digiuno post operatorio. Non è obbligatorio, è consigliato. Anche perché se stai in ospedale i medici e gli infermieri non ti portano il cibo, ma capita che stai a casa fino al giorno dell'Intervento e quindi c'è il consiglio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si digiuna perché in qualche caso, per cause che non so spiegare tecnicamente, perché so archeologo non medico (me fido de quello che i medici dicono), l'anestesia totale (non la parziale ovviamente) può dare (se ho ben capito) reazioni di tipo allergico/intolleranza che fanno sì che soffri di spasmi e conseguenze di vomito.

Ecco il perché delle 12 ore minimo di digiuno post operatorio. Non è obbligatorio, è consigliato. Anche perché se stai in ospedale i medici e gli infermieri non ti portano il cibo, ma capita che stai a casa fino al giorno dell'Intervento e quindi c'è il consiglio

 

 

Ah ok

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si digiuna perché in qualche caso, per cause che non so spiegare tecnicamente, perché so archeologo non medico (me fido de quello che i medici dicono), l'anestesia totale (non la parziale ovviamente) può dare (se ho ben capito) reazioni di tipo allergico/intolleranza che fanno sì che soffri di spasmi e conseguenze di vomito.

Ecco il perché delle 12 ore minimo di digiuno post operatorio. Non è obbligatorio, è consigliato. Anche perché se stai in ospedale i medici e gli infermieri non ti portano il cibo, ma capita che stai a casa fino al giorno dell'Intervento e quindi c'è il consiglio

Dipende dagli interventi. In ospedale non mangi. A casa se fai come te pare fondamentalmente sei un cretino visto che la pelle e' la tua

Il digiuno serve, come in parte ha detto giustamente ryoga, fondamentalmente perche chi e' anestetizzato non ha i riflessi come uno sveglio e, se dovesse vomitare, rischia che il contenuto dello stomaco, che e' acido, invece di uscire fuori possa andare nei polmoni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cmq la cretina che ha causato tutto (che ha studiato e s'è laureata a Terni) è proprio na deficiente.

Aveva creato un gruppo su WhatsApp dal nome Rapimento Gino. E scriveva frasi tipo quelle dei film polizieschi.

Se sarà divertita la cretina almeno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cmq la cretina che ha causato tutto (che ha studiato e s'è laureata a Terni) è proprio na deficiente.

Aveva creato un gruppo su WhatsApp dal nome Rapimento Gino. E scriveva frasi tipo quelle dei film polizieschi.

Se sarà divertita la cretina almeno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cmq la cretina che ha causato tutto (che ha studiato e s'è laureata a Terni) è proprio na deficiente.

Aveva creato un gruppo su WhatsApp dal nome Rapimento Gino. E scriveva frasi tipo quelle dei film polizieschi.

Se sarà divertita la cretina almeno.

 

 

ok cretina lo è stata

 

ma non c'è correlazione tra la cena ed il dopo

 

 

questa roba è stata messa in giro presumo dall'avvocato per screditare gli accusati..... il materiale processuale dovrebbe essere pubblicato dopo i gradi definitivi, non puoi sputtanare una persona cosi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra stigmatizzare dei comportamenti (e qui sono d'accordo con cesenti veramente stupidi ma tant'è...ormai il mondo va così) e trovarci delle rilevanze penali la differenza è bella grossa.

Purtroppo l'intervento alle tonsille è molto pericoloso e si cerca sempre di evitare...pensare che quando ero piccolo (io le ho fatte a 3 anni) i reparti erano pieni di bambini cui venivano tolte alle prime infiammazioni.

Onestamente se è un caso di malasanita non lo è certo per il gruppo whatsapp

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dipende dagli interventi. In ospedale non mangi. A casa se fai come te pare fondamentalmente sei un cretino visto che la pelle e' la tua

Il digiuno serve, come in parte ha detto giustamente ryoga, fondamentalmente perche chi e' anestetizzato non ha i riflessi come uno sveglio e, se dovesse vomitare, rischia che il contenuto dello stomaco, che e' acido, invece di uscire fuori possa andare nei polmoni

 

io dopo 4-5 operazioni, me so fermato all'ultima de 20 anni fa. vado a memoria, non so un medico. però me ricordo che biastimavo che non potevo magnà. quello si :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

io dopo 4-5 operazioni, me so fermato all'ultima de 20 anni fa. vado a memoria, non so un medico. però me ricordo che biastimavo che non potevo magnà. quello si :D

 

 

ma infatti mica hai sbagliato ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Semi OT:

 

Quand'ero piccolo le tonsille te le toglievano anche per un colpo di tosse.

Si affrontava come un intervento assolutamente banale e sicuro, non mi aspettavo potesse essere mortale.

 

Ho bellissimi ricordi.

Un po' di dolore alla gola ma tanti gelati, tanti regali, gli amichetti che mi venivano a trovare, un'infermierina di cui mi innamorai e dopo tanti anni ancora cel'ho in testa...

 

Quanta nostalgia per l'operazione alle tonsille, ci sono rimasto male a sentire che la gente ci può morire cribbio... :(

Edited by callea

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.