Jump to content
Sign in to follow this  
Woodstock'73

Se facesse danterculo!

Recommended Posts

10 ore fa, alien ha scritto:

https://terninrete.it/notizie-di-terni-terni-umbria-libri-successo-oltre-ogni-aspettativa-evento-speciale-sullamore-il-14-febbraio-il-direttore-angelo-mellone-spegne-la-polemica-su-tozzi/

Anche se fosse andata così non cambierebbe il mio pensiero, ovvero che il tizio abbia sbagliato e che debba chiedere scusa ad un'intera città. 

E visto che la trova orrenda mi piacerebbe che non ci mettesse più piede. Stiamo bene anche senza di lui.

Due figure di merda. La prima del geologo che ha fatto il commento tipico dei miei amici superficiali che "passano" per Terni venendo in Umbria, dicono che et orribile e poi viene fuori la "lista" delle zone che hanno visto. Praticamente niente. Anche perché se vai all'obelisco e non ti sposti dieci metri per vedere la zona della passeggiata con l'anfiteatro o San Francesco, o se lo fai e no ti piacciono, fatico a capire come ti piaccia il resto dell'Umbria.

E il secondo il commento del direttore che secondo me non ha proprio capito il punto.

Belle teste arrivano a Terni, sci. L'iperbole, questo. Ha capito tutto. Bah... La riflessione... Ma che commento è?

Ci sono stato anni fa a Umbria libri ma mi sa che non mi ci rivedono sicuro, se non si scusano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per tacere del fatto che sto &$$£$, essendo geologo, saprà benissimo che Terni è la zona di gran lunga più interessante da un punto di vista di caverne & c. della regione. Abbiamo la grotta nettamente più bella di tutta la regione, ma proprio di anni luce. E non ho voglia di fare la lista del resto.

Ma questo parla di "stabilità", per prendere per il culo. Perché sono strasicuro che se non è l'ultimo degli ignoranti (avrà visto una mappa del carsismo italiano in vita sua...) lo sa benissimo.

Ma lui fa l'ulteriore commentino a presa per il culo. Ribadisco, ci stanno tante libreria, col cazzo che mi rivedono. 

Se pensano di stare a fare cabaret

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema è che qui si permette al primo che passa di sputare sulla nostra terra e nessuno dice nulla. Ci vuole orgoglio, appartenenza e dignità a partire dalle istituzioni. Questo tozzi non deve più mettere piede a Terni e provincia, deve essere boicottato in ogni modo (lecito) e deve essergli impedito di parlare ancora di Terni. Durante la presentazione era da cacciare via, non lo si doveva neanche far finire di parlare.

Mi ricorda quello che fecero quei poracci dei Negrita anni fa, mai più ascoltata una canzone da parte mia, quando li passano in radio cambio o spengo, eppure tanti Ternani ce vanno pure ai concerti ancora. Bha.

  • Upvote 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, SuLeMano ha scritto:

Il problema è che qui si permette al primo che passa di sputare sulla nostra terra e nessuno dice nulla. Ci vuole orgoglio, appartenenza e dignità a partire dalle istituzioni. Questo tozzi non deve più mettere piede a Terni e provincia, deve essere boicottato in ogni modo (lecito) e deve essergli impedito di parlare ancora di Terni. Durante la presentazione era da cacciare via, non lo si doveva neanche far finire di parlare.

Mi ricorda quello che fecero quei poracci dei Negrita anni fa, mai più ascoltata una canzone da parte mia, quando li passano in radio cambio o spengo, eppure tanti Ternani ce vanno pure ai concerti ancora. Bha.

Ahahahah, mi moglie se incazza sempre quando cambio stazione appena li sento. Non se capacita del motivo. Eppure è così semplice!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come dargli torto? Terni non è una bella città. Ma non ce la semo scelta, ce semo nati e ce abitamo. E ce la tenemo così, oggettivamente brutta

  • Thanks 1
  • Upvote 2
  • Downvote 6

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tozzi, vai a S. Salvatore e chiedi venia per le str…. che hai detto.

Solo questo “diamante” storico artistico della città vale un viaggio apposta.

P.S. non sono nato a Terni ma a Sesto San Giovanni, quindi di bruttezze industriali me ne intendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stupisce che un divulgatore scientifico abbia avuto questa caduta di stile, ma, c'è sempre un ma, è romano con tutti i pregi e difetti annessi, in questo specifico caso una certa superficialità, una semplice scusa avrebbe chiuso la polemica, detto questo, purtroppo anche molti nostri concittadini hanno questa brutta abitudine di denigrare la città frutto di scarsa conoscenza della stessa, io nel mio piccolo cerco sempre di correggere valutazioni superficiali al limite della sciatteria. 

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, tomasso ha scritto:

Come dargli torto? Terni non è una bella città. Ma non ce la semo scelta, ce semo nati e ce abitamo. E ce la tenemo così, oggettivamente brutta

Corretto 

annasse affanculo comunque. 

  • Downvote 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, tomasso ha scritto:

Come dargli torto? Terni non è una bella città. Ma non ce la semo scelta, ce semo nati e ce abitamo. E ce la tenemo così, oggettivamente brutta

Io sinceramente non capirò mai finché campo cos'è che rende Terni "oggettivamente brutta", e parlo del centro. È un centro di zone quattro-cinquecentesche, ottocentesche e zone con palazzi moderni perché c'erano rimasti dei buchi. Che i palazzi stile Ridolfi o altro poi siano tutti brutti è questione di gusti, si vede anche di peggio.

La zona del duomo mi piace moltissimo, la passeggiata e le mura, magari con una svecchiata, sono stupende.

In aggiunta è stracomodo per passeggiare e potenzialmente è un salottino incredibilmente vivibile e godibile.

Boh... Ma è perché c'abbiamo le case intonacate (come d'altra parte erano) invece che tenerle "nature" come fanno altrove?

Poi, se "nuovo" = "brutto" è un altro discorso. A me per dire l'angolo di piazza nuovo dietro piazza dell'olmo piace molto, anche esteticamente.

Poi che non c'abbiamo la cupola del Brunelleschi siamo tutti d'accordo.

  • Thanks 1
  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ieri sera stavo con amici ternani(che lavorano nel ramo horeca) a Foligno a spasso, e siamo stati a lamentarci di Terni per almeno un paio d'ore. Ma non della bruttezza, dello spreco di potenzialità soprattutto in centro.

Ma qui si andrebbe troppo fuori tema e troppo toccherebbe parla'... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Palmiro ha scritto:

Mi ricordo Federico Zeri, intervistato da Tele Galileo (se non ricordo male) dopo una conferenza che tenne a Terni fine anni ottanta o più probabilmente primi novanta, che parlò dell'importanza di questo affresco nella Cappella Paradisi a San Francesco. Mi ricorso che disse che questo affresco ha avuto una valenza fondamentale per ricostruire parte della pittura umbra del Quattrocento.

Mi ricordo che quasi incazzato disse, rispondendo alla domanda di un giornalista, che è falso sostenere che Terni sia una città moderna. Citò, se non ricordo male, anche alcuni affreschi nella chiesa di San Pietro.

Quindi TOZZI merda e ignorante. Vai dalle merde etrusche a fatte da in der culo, IDIOTA.

Hanno detto che tornerà per l'edizione di San Valentino, toccherebbe andallo a foderà de paraculate.

http://catalogo.fondazionezeri.unibo.it/scheda/opera/20164/Bartolomeo di Tommaso%2C Purgatorio

http://catalogo.fondazionezeri.unibo.it/entry/photo/44848/Alinari%2C Fratelli — Terni Umbria. - Chiesa di S. Francesco. Cappella Paradisi. Le pene del Purgatorio. (Affresco del 1350.)

Terni è antichissima e moderna. Purtroppo, dopo l'arrivo delle industrie e dal dopoguerra, l'antico passato è stato volutamente dimenticato.

Bisogna fare anche autocritica, affinché ciò non avvenga più. Non basta irritarsi una tantum.   

Siccome mi occupo molto di queste vicende, e mi ci avveleno anche il fegato, mi piacerebbe vedere le stesse levate di scudi contro Tozzi ogni qualvolta in città venga fatto qualcosa che la deturpi ulteriormente (e la lista degli scempi continua ad allungarsi). 

Non ho udito levate di scudi contro la palazzina accanto all'anfiteatro; per la definitiva distruzione del fu magnifico teatro Verdi; per l'orribile palazzo accanto alla medievale S. Francesco in luogo di quello delle orsoline; per la riduzione del chiostro trecentesco di S. Pietro ad appartamenti dell'Ater; per il parcheggio S. Francesco e la mortificazione delle antiche mura; per l'ignobile palazzina in fondo a Via Angeloni; per la torre della biblioteca (😁); per il mercato coperto arancione in Largo Manni; e attenzione per cosa stanno facendo in Via dell'Arringo, ecc, ecc. 

Se avessimo più cura della città, i vari Tozzi non avrebbero motivo di sparare minchiate. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, tomasso ha scritto:

Come dargli torto? Terni non è una bella città. Ma non ce la semo scelta, ce semo nati e ce abitamo. E ce la tenemo così, oggettivamente brutta

Vedi il mio msg, valutazione superficiale, ovviamente se paragonata ai centri medievali umbri è diversa, un grande geografo affermava che le città medievali umbre fossero come "congelate" dalla storia, ferme dopo il lungo mal governo pontificio, stasi economica e demografica, nel nostro paese si è ha lungo dibattuto sulla questione meridionale, mai si è entrato nel dettaglio della situazione dello stato pontificio, mi ricordo ancora dopo più di venti anni lo stupore mio e della direttrice dell'archivio di stato di Orvieto (che mi stava aiutando nella stesura della tesi di laurea) quando confrontammo i dati del catasto medievale con quello effettuato dopo la nascita dello stato unitario, c'era da mettersi le mani nei capelli, la nostra città ha avuto purtroppo una storia e un destino diverso rispetto alle altre città umbre( con eccezione di Foligno), però ricordiamoci che è l'unica che si può fregiare dell'aquila imperiale sul gonfalone cittadino, privilegio acquisito sul campo di battaglia, (su questo aspetto scrissi a suo tempo una richiesta di informazioni allo specifico ufficio comunale, per capire perché non sia più presente) senza ricevere nessuna risposta, esempio di sciatteria, potrei continuare, villaggio Matteotti nuovo è presente sui manuali di architettura, il complesso di via mola di bernardo è tuttora studiato, sono molteplici gli studenti universitari portati in visita da Roma; basta prendere una stampa antica per vedere le cento torri che si erigevano in città, orgoglio dei "banderari" sempre in guerra con il Papa, sempre in lotta per la propria indipendenza, Terni non è una citta brutta, è una citta rasa al suolo dalla guerra che ha saputo rinascere dalle proprie ceneri con una veste nuova. 

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Lu Generale ha scritto:

Terni è antichissima e moderna. Purtroppo, dopo l'arrivo delle industrie e dal dopoguerra, l'antico passato è stato volutamente dimenticato.

Bisogna fare anche autocritica, affinché ciò non avvenga più. Non basta irritarsi una tantum.   

Siccome mi occupo molto di queste vicende, e mi ci avveleno anche il fegato, mi piacerebbe vedere le stesse levate di scudi contro Tozzi ogni qualvolta in città venga fatto qualcosa che la deturpi ulteriormente (e la lista degli scempi continua ad allungarsi). 

Non ho udito levate di scudi contro la palazzina accanto all'anfiteatro; per la definitiva distruzione del fu magnifico teatro Verdi; per l'orribile palazzo accanto alla medievale S. Francesco in luogo di quello delle orsoline; per la riduzione del chiostro trecentesco di S. Pietro ad appartamenti dell'Ater; per il parcheggio S. Francesco e la mortificazione delle antiche mura; per l'ignobile palazzina in fondo a Via Angeloni; per la torre della biblioteca (😁); per il mercato coperto arancione in Largo Manni; e attenzione per cosa stanno facendo in Via dell'Arringo, ecc, ecc. 

Se avessimo più cura della città, i vari Tozzi non avrebbero motivo di sparare minchiate. 

Me sa che Tozzi la minchiata la sparava uguale, je piace solo l'obelisco e si è lamentato della perdita dell'identità operaia che è ottocentesca.

Io di un delirio simile non ci prenderei spunti proprio per niente...

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, wild.duck ha scritto:

Io sinceramente non capirò mai finché campo cos'è che rende Terni "oggettivamente brutta", e parlo del centro. È un centro di zone quattro-cinquecentesche, ottocentesche e zone con palazzi moderni perché c'erano rimasti dei buchi. Che i palazzi stile Ridolfi o altro poi siano tutti brutti è questione di gusti, si vede anche di peggio.

La zona del duomo mi piace moltissimo, la passeggiata e le mura, magari con una svecchiata, sono stupende.

In aggiunta è stracomodo per passeggiare e potenzialmente è un salottino incredibilmente vivibile e godibile.

Boh... Ma è perché c'abbiamo le case intonacate (come d'altra parte erano) invece che tenerle "nature" come fanno altrove?

Poi, se "nuovo" = "brutto" è un altro discorso. A me per dire l'angolo di piazza nuovo dietro piazza dell'olmo piace molto, anche esteticamente.

Poi che non c'abbiamo la cupola del Brunelleschi siamo tutti d'accordo.

I buchi del centro potevano essere colmati ricostruendo come era. Nel dopoguerra, mezza italia ha avuto questi problemi. Altrove lo hanno fatto. Basti pensare al Lungarno di Firenze. Oppure a Dresda in Germania: rasa al suolo, letteralmente...altro che Terni. 

Ridolfi, tanto decantato, a mio parere ha rovinato la nostra città, rialimentando un pensiero proiettato al futuro e al moderno.

Certo, è decantato dagli architetti che vogliono "lasciare il segno"...

Il centro storico di Terni ha dei punti bellissimi. Certo, anche nel centro in alcune zone sono stati compiuti scempi inaccettabili.   

L'angolo dietro Piazza dell'Olmo è indicativo di come andrebbero fatti i recuperi nei centri storici. Sono strutture nuove, ma che si armonizzano perfettamente col contesto. Conosco l'architetto che se ne è occupato, e infatti sposa le nostre posizioni. Non ha voluto fare il fenomeno "per lasciare il segno", ma ha rispettato l'esistente, valorizzandolo, richiamando negli interventi tutti gli elementi della città antica (archi, colonne, decori, colori, tonalità). 

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, wild.duck ha scritto:

Me sa che Tozzi la minchiata la sparava uguale, je piace solo l'obelisco e si è lamentato della perdita dell'identità operaia che è ottocentesca.

Io di un delirio simile non ci prenderei spunti proprio per niente...

Non so da dove venga il suo "orribile", e non so se l'avrebbe sparata lo stesso. 

Mi preme che le giuste levate di scudi contro Tozzi siano solo una tantum. 

Dove sono tutte queste voci quando palazzinari affaristi, con la compiacenza delle istituzioni pubbliche, continuano a deturpare la città? 

Edited by Lu Generale

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Lu Generale ha scritto:

I buchi del centro potevano essere colmati ricostruendo come era. Nel dopoguerra, mezza italia ha avuto questi problemi. Altrove lo hanno fatto. Basti pensare al Lungarno di Firenze. Oppure a Dresda in Germania: rasa al suolo, letteralmente...altro che Terni. 

Ridolfi, tanto decantato, a mio parere ha rovinato la nostra città, rialimentando un pensiero proiettato al futuro e al moderno.

Certo, è decantato dagli architetti che vogliono "lasciare il segno"...

Il centro storico di Terni ha dei punti bellissimi. Certo, anche nel centro in alcune zone sono stati compiuti scempi inaccettabili.   

L'angolo dietro Piazza dell'Olmo è indicativo di come andrebbero fatti i recuperi nei centri storici. Sono strutture nuove, ma che si armonizzano perfettamente col contesto. Conosco l'architetto che se ne è occupato, e infatti sposa le nostre posizioni. Non ha voluto fare il fenomeno "per lasciare il segno", ma ha rispettato l'esistente, valorizzandolo, richiamando negli interventi tutti gli elementi della città antica (archi, colonne, decori, colori, tonalità). 

Stiamo sempre lì però, costruire con un edificio "nuovo" in un buco sia intrinsecamente brutto e sbagliato. È opinabile. Così come è opinabile che la "dissonanza", o una certa dissonanza, sia intrinsecamente brutta e sbagliata in certi casi.

Oltre al fatto che tanto ormai è andata così e penso che le energie della cultura Ternana dovrebbero essere più proficuamente indirizzate per qualcosa di più utile (teatri, un vero museo, rivitalizzare il centro magari esplorando altre zone - ieri si parlava della zona dietro San Lorenzo -, potenzialità di una Terni sotterranea - tre giorni fa hanno presentato al caos l'embrione di un progettino del Colle delle Grotte etc.etc.).

Io ho la sensazione che ci si impegni più per i "no" (che ci stanno pure eh) piuttosto che per portare avanti roba nuova.

Cioè, per me se fanno la palazzina più o meno moderna dietro all'anfiteatro, giusto o sbagliato che sia, non porta un turista.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In altri termini, e sono per fare un esempio, mi piacerebbe vedere gente incazzata perché ci siamo sbattuti tanto per portare il telamone al caos e la cosa, invece che essere l'occasione per un rilancio del museo e dell'ingresso al centro storico in generale, con un oggetto "da cartellone", è rimasta essenzialmente un costo. Poi ci si può incazzare per qualsiasi cosa.

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

tozzi è venuto con l'intento di cercare visibilità e l'articolo gli ha dato una mano, soprattutto se è vero che il commento l'ha fatto a microfoni spenti. detto questo...

 

34 minuti fa, naharki numen ha scritto:

Vedi il mio msg, valutazione superficiale, ovviamente se paragonata ai centri medievali umbri è diversa, un grande geografo affermava che le città medievali umbre fossero come "congelate" dalla storia, ferme dopo il lungo mal governo pontificio, stasi economica e demografica, nel nostro paese si è ha lungo dibattuto sulla questione meridionale, mai si è entrato nel dettaglio della situazione dello stato pontificio, mi ricordo ancora dopo più di venti anni lo stupore mio e della direttrice dell'archivio di stato di Orvieto (che mi stava aiutando nella stesura della tesi di laurea) quando confrontammo i dati del catasto medievale con quello effettuato dopo la nascita dello stato unitario, c'era da mettersi le mani nei capelli, la nostra città ha avuto purtroppo una storia e un destino diverso rispetto alle altre città umbre( con eccezione di Foligno), però ricordiamoci che è l'unica che si può fregiare dell'aquila imperiale sul gonfalone cittadino, privilegio acquisito sul campo di battaglia, (su questo aspetto scrissi a suo tempo una richiesta di informazioni allo specifico ufficio comunale, per capire perché non sia più presente) senza ricevere nessuna risposta, esempio di sciatteria, potrei continuare, villaggio Matteotti nuovo è presente sui manuali di architettura, il complesso di via mola di bernardo è tuttora studiato, sono molteplici gli studenti universitari portati in visita da Roma; basta prendere una stampa antica per vedere le cento torri che si erigevano in città, orgoglio dei "banderari" sempre in guerra con il Papa, sempre in lotta per la propria indipendenza, Terni non è una citta brutta, è una citta rasa al suolo dalla guerra che ha saputo rinascere dalle proprie ceneri con una veste nuova. 

sottolineo il neretto perché l'umbria è effettivamente così, bella nella sua essenza ma condannata a non cambiare. è vero che il governo perugia-centrico non permette al resto della regione di progredire granché, ma è vero anche che con quello che si ha a disposizione non è semplicissimo fare interventi che non snaturino i borghi e le città.

terni, per forza di cose, è una delle città in cui è stato necessario intervenire di più.

 

se è vero che terni è portata da esempio dai professori di architettura delle università del controitalia, è vero anche che gli ultimi sindaci non sono stati nemmeno in grado di tappare le buche delle strade. ma non cadiamo nella provocazione di uno che s'è messo al livello di galliani. gli piacerebbe che terni fosse come san lorenzo... la realtà è che una volta visto un po' di mondo ti accorgi che terni non è affatto male.

Share this post


Link to post
Share on other sites
59 minuti fa, wild.duck ha scritto:

Io sinceramente non capirò mai finché campo cos'è che rende Terni "oggettivamente brutta", e parlo del centro. È un centro di zone quattro-cinquecentesche, ottocentesche e zone con palazzi moderni perché c'erano rimasti dei buchi. Che i palazzi stile Ridolfi o altro poi siano tutti brutti è questione di gusti, si vede anche di peggio.

La zona del duomo mi piace moltissimo, la passeggiata e le mura, magari con una svecchiata, sono stupende.

In aggiunta è stracomodo per passeggiare e potenzialmente è un salottino incredibilmente vivibile e godibile.

Boh... Ma è perché c'abbiamo le case intonacate (come d'altra parte erano) invece che tenerle "nature" come fanno altrove?

Poi, se "nuovo" = "brutto" è un altro discorso. A me per dire l'angolo di piazza nuovo dietro piazza dell'olmo piace molto, anche esteticamente.

Poi che non c'abbiamo la cupola del Brunelleschi siamo tutti d'accordo.

Perchè per l'italiano medio "bello" significa avere monumenti e chiese. Automaticamente una città è bella quando ha le chiese e i monumenti. Andare un pelino oltre questa banalità, soprattutto se si parla di architettura e storia delle città è troppo complicato...

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, BuFERA ha scritto:

.. la realtà è che una volta visto un po' di mondo ti accorgi che terni non è affatto male.

Bravo, hai centrato il punto, spesso chi denigra, non è andato oltre Piediluco, io personalmente ho svariati riscontri di persone anche extra europee cui Terni piace, ovviamente non potrà essere una Ville d'art, è una città moderna con una storia importante alle spalle, poi, si può dibattere se è opportuno ricostruire il nuovo copiando il vecchio o con uno stacco totalmente nuovo, ma qui si entra in un altro discorso. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minuti fa, doginho ha scritto:

Perchè per l'italiano medio "bello" significa avere monumenti e chiese. Automaticamente una città è bella quando ha le chiese e i monumenti. Andare un pelino oltre questa banalità, soprattutto se si parla di architettura e storia delle città è troppo complicato...

Saranno gusti? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
25 minuti fa, Porcino ha scritto:

Saranno gusti? 

il problema infatti è quando dicono "oggettivamente", "obiettivamente" e compagnia bella. Che cacchio ci sta di "oggettivo" nel dire che una palazzetto antico "normale" (intendo quelli senza particolari pregi artistici, magari con le finestre non allineate per motivi statici e così via) sia più bello di un palazzetto moderno "normale" lo sa il cielo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, paolo65 ha scritto:

Ahahahah, mi moglie se incazza sempre quando cambio stazione appena li sento. Non se capacita del motivo. Eppure è così semplice!

Che avevano fatto? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, adriatico ha scritto:

Che avevano fatto? 

da aretini si sono messi a leccare il culo ai perugini dando addosso ai ternani... tralaltro a gubbio, che non è proprio un feudo dei conigli

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque una volta ho sentito nicola Savino (per intenderci, quello che dice si a tutte le cose che dice Linus su radio Deejay e conduce una trasmissione insulsa su tv8) che parlando di Erevan e credendo di insultarla disse "è un po la Terni dell'Armenia".

Beh, mio figlio ci è stato un paio di mesi per lavoro e mi ha detto che è una città molto moderna, ma organizzata ed efficienza. 

Fatti danculo anche tu! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Lu Generale ha scritto:

I buchi del centro potevano essere colmati ricostruendo come era. Nel dopoguerra, mezza italia ha avuto questi problemi. Altrove lo hanno fatto. Basti pensare al Lungarno di Firenze. Oppure a Dresda in Germania: rasa al suolo, letteralmente...altro che Terni. 

Ridolfi, tanto decantato, a mio parere ha rovinato la nostra città, rialimentando un pensiero proiettato al futuro e al moderno.

Certo, è decantato dagli architetti che vogliono "lasciare il segno"...

Il centro storico di Terni ha dei punti bellissimi. Certo, anche nel centro in alcune zone sono stati compiuti scempi inaccettabili.   

L'angolo dietro Piazza dell'Olmo è indicativo di come andrebbero fatti i recuperi nei centri storici. Sono strutture nuove, ma che si armonizzano perfettamente col contesto. Conosco l'architetto che se ne è occupato, e infatti sposa le nostre posizioni. Non ha voluto fare il fenomeno "per lasciare il segno", ma ha rispettato l'esistente, valorizzandolo, richiamando negli interventi tutti gli elementi della città antica (archi, colonne, decori, colori, tonalità). 

Basta che ti fai un viaggetto a Varsavia, città rasa al suolo altro che Terni.....

Guarda come hanno ricostruito il centro storico,nemmeno riesci a capire che quello che vedi non è l'originale

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, BuFERA ha scritto:

da aretini si sono messi a leccare il culo ai perugini dando addosso ai ternani... tralaltro a gubbio, che non è proprio un feudo dei conigli

Ottimo. Depennati! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, wild.duck ha scritto:

Io sinceramente non capirò mai finché campo cos'è che rende Terni "oggettivamente brutta", e parlo del centro. È un centro di zone quattro-cinquecentesche, ottocentesche e zone con palazzi moderni perché c'erano rimasti dei buchi. Che i palazzi stile Ridolfi o altro poi siano tutti brutti è questione di gusti, si vede anche di peggio.

La zona del duomo mi piace moltissimo, la passeggiata e le mura, magari con una svecchiata, sono stupende.

In aggiunta è stracomodo per passeggiare e potenzialmente è un salottino incredibilmente vivibile e godibile.

Boh... Ma è perché c'abbiamo le case intonacate (come d'altra parte erano) invece che tenerle "nature" come fanno altrove?

Poi, se "nuovo" = "brutto" è un altro discorso. A me per dire l'angolo di piazza nuovo dietro piazza dell'olmo piace molto, anche esteticamente.

Poi che non c'abbiamo la cupola del Brunelleschi siamo tutti d'accordo.

Il problema è che in tutte le città i palazzi settecenteschi sono aperti al pubblico come fine di promozione turistica.

Anche a Terni ne abbiamo e molti,solo che i privati se li tengono per i caxxi loro per feste e festini privati.

So entrato una volta al palazzo dei circolo del drago,mi pareva un angolo di un palazzo di Vienna,solo preferiscono tenerselo per uso privato 

Share this post


Link to post
Share on other sites
59 minuti fa, doginho ha scritto:

Perchè per l'italiano medio "bello" significa avere monumenti e chiese. Automaticamente una città è bella quando ha le chiese e i monumenti. Andare un pelino oltre questa banalità, soprattutto se si parla di architettura e storia delle città è troppo complicato...

Ma guarda, non è solo per l'italiano medio. E' un discorso che vale per l'esteta medio, per il cultore, per il turista. 

Ci sarà un motivo se la torre della biblioteca non la fotografa nessuno e la maggior parte di chi la vede resta perplesso, per usare un eufemismo. 

Se poi finiamo nel discorso dell'oggettività e del gusto, allora non se ne esce più. Finiamo nel relativismo totale e non ha più senso parlare di nulla, perché è tutto opinabile e la verità non si capisce dove sia. Ma non si può ragionare in maniera così integralista (sebbene concettualmente accettabile).   

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.