Jump to content

Recommended Posts

Tornato allo stadio dopo un paio di mesi, con uno dei ragazzini, cercavo un posto al coperto proprio per non fa bagnà il ragazzino, ma Nord ed Est erano già esauriti ("cavolo, ritorna il grande pubblico" me sò detto), macché erano pieni SOLO i posti coperti, cioè solo quelli copertissimi, 7-8 file in tutto.

Vabbè comunque sò dovuto andà alla Sud...

Che desolazione, che tristezza. C'era più gente in serie D, mi torna in mente un Ternana-Arezzo prima di serie D appunto, con quasi 5mila persone e tante altre partite di quel biennio passato a discute su Fiumicino (non aeroporto, ma la squadra), Monterotondo, Narnese, Bastia, Impruneta e compagnia cantando.

Ora, in serie B, lo stadio è un mortorio, non solo perché c'è pochissima gente, ma anche per la desolante curva Est. Ma dove è finito l'orgoglio di quella curva ? Abbiamo saltato una generazione grazie a Longarini e i suoi scagnozzi, una generazione che non si è appassionata, innamorata o almeno invaghita delle Fere.

Quando avevo 10 anni circa, ricordo la stagione di Marchesi, sì quella Ternana che arrivò infine quarta, quella di sileno Passalacqua, La Torre, Bagnato, ecc. Dopo una salvezza spericolata con 3 vittorie nelle ultime tre partite, la società ripartì da una squadra giovane ma straordinariamente ben costruita e ben diretta. A inizio stagione non si sapeva quello che sarebbe successo, ma allo stadio c'erano sempre quei 6-7 mila affezionati. La società aveva inventato una specie di mini-totocalcio a premi per i più giovani, tutti provavamo ad azzeccà qualche risultato pé scalà la classifica.

Ricordi, lampi, flash di un'epoca dove il responsabile marketing era una parolaccia incomprensibile, eppure le idee non mancavano. Cosa fanno adesso gli espertoni di marketing della Ternana per provare a riportare un pò di pubblico ? NIENTE!

E non diamo la colpa sempre a Sky, che in tutta Terni farà non più di 400 abbonati. La verità è che c'è molto da lavorare ma poche idee. E pensare che basterebbe fare un pò di benchmarking, sì praticamente l'americanizzazione del vecchio e sempre valido "copia quello che fanno l'altri" per mettere in piedi qualche iniziativa a costo 0.

Non so che ne pensate ?

-E' solo colpa di Longarini e dei Montemari sullo sfondo?

-E' colpa delle pay-Tv ?

-E' un effetto della crisi di immagine complessiva del calcio ?

-E' colpa dei tornelli e della tessera del tifoso?

-... del calo demografico e della "vecchiezza" della città ?

-... della crisi economica

- ...dei videogiochi ?

-... di Facebook, What's App, Instagram ?

-... troppa figa per tutti ? (se sì non me ne ero accorto, diteme 'do stà...)

-.. de Luca Giovannetti che cià fatto venì la nausea per overdose de tattiche ?

-... boh, mah!...

 

insomma, qualche analisi, idea, proposta...

 

comunque

Sempre FORZA FERE!

Edited by Tomas Milian
  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

oh finalmente un argomento nuovo per rivitalizzà il forum.

 

 

 

:lol:

 

 

comunque ti dò ragione.

di idee, dalle più semplici a quelle più elaborate, ce ne sarebbero da praticare per fidelizzare e/o riavvicinare il tifoso nuovo/giovane, 'vecchio'/abituale. ovviamente andando di pari passo con una programmazione chiara e competitiva a livello di risultati sportivi ed obiettivi da perseguire. tutto sta alla capacità/volontà di chi ha le redini in mano.

Edited by classe86_

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tornato allo stadio dopo un paio di mesi, con uno dei ragazzini, cercavo un posto al coperto proprio per non fa bagnà il ragazzino, ma Nord ed Est erano già esauriti ("cavolo, ritorna il grande pubblico" me sò detto), macché erano pieni SOLO i posti coperti, cioè solo quelli copertissimi, 7-8 file in tutto.

Vabbè comunque sò dovuto andà alla Sud...

Che desolazione, che tristezza. C'era più gente in serie D, mi torna in mente un Ternana-Arezzo prima di serie D appunto, con quasi 5mila persone e tante altre partite di quel biennio passato a discute su Fiumicino (non aeroporto, ma la squadra), Monterotondo, Narnese, Bastia, Impruneta e compagnia cantando.

Ora, in serie B, lo stadio è un mortorio, non solo perché c'è pochissima gente, ma anche per la desolante curva Est. Ma dove è finito l'orgoglio di quella curva ? Abbiamo saltato una generazione grazie a Longarini e i suoi scagnozzi, una generazione che non si è appassionata, innamorata o almeno invaghita delle Fere.

Quando avevo 10 anni circa, ricordo la stagione di Marchesi, sì quella Ternana che arrivò infine quarta, quella di sileno Passalacqua, La Torre, Bagnato, ecc. Dopo una salvezza spericolata con 3 vittorie nelle ultime tre partite, la società ripartì da una squadra giovane ma straordinariamente ben costruita e ben diretta. A inizio stagione non si sapeva quello che sarebbe successo, ma allo stadio c'erano sempre quei 6-7 mila affezionati. La società aveva inventato una specie di mini-totocalcio a premi per i più giovani, tutti provavamo ad azzeccà qualche risultato pé scalà la classifica.

Ricordi, lampi, flash di un'epoca dove il responsabile marketing era una parolaccia incomprensibile, eppure le idee non mancavano. Cosa fanno adesso gli espertoni di marketing della Ternana per provare a riportare un pò di pubblico ? NIENTE!

E non diamo la colpa sempre a Sky, che in tutta Terni farà non più di 400 abbonati. La verità è che c'è molto da lavorare ma poche idee. E pensare che basterebbe fare un pò di benchmarking, sì praticamente l'americanizzazione del vecchio e sempre valido "copia quello che fanno l'altri" per mettere in piedi qualche iniziativa a costo 0.

Non so che ne pensate ?

-E' solo colpa di Longarini e dei Montemari sullo sfondo?

-E' colpa delle pay-Tv ?

-E' un effetto della crisi di immagine complessiva del calcio ?

-E' colpa dei tornelli e della tessera del tifoso?

-... del calo demografico e della "vecchiezza" della città ?

-... della crisi economica

- ...dei videogiochi ?

-... di Facebook, What's App, Instagram ?

-... troppa figa per tutti ? (se sì non me ne ero accorto, diteme 'do stà...)

-.. de Luca Giovannetti che cià fatto venì la nausea per overdose de tattiche ?

-... boh, mah!...

 

insomma, qualche analisi, idea, proposta...

 

comunque

Sempre FORZA FERE!

per ricostruire un rapporto con la città e i tifosi ci vorrà tempo e buona volontà.

grande è stata la devastazione, grande per forza dovrà essere l'entità delle ricostruzione.

ogni componente dovrà fare la sua parte, portando un piccolo mattoncino.

una buona programmazione da parte della società, un minimo di ambizioni e qualche buona stagione (che non significa per forza la serie a) già sarebbero un buon viatico e aiuterebbero molto ad accorciare i tempi della ricostruzione.

sulle iniziative di marketing dici cose assolutamente pertinenti ed esatte, sarebbero un mattoncino importante.

le fanno un pò ovunque...qui siamo molto indietro, anche se mi pare facciano qualcosa con le scuole elementari...ma penso che siano iniziative promosse dalla lega di serie b.

ma potrei sbagliare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tornato allo stadio dopo un paio di mesi, con uno dei ragazzini, cercavo un posto al coperto proprio per non fa bagnà il ragazzino, ma Nord ed Est erano già esauriti ("cavolo, ritorna il grande pubblico" me sò detto), macché erano pieni SOLO i posti coperti, cioè solo quelli copertissimi, 7-8 file in tutto.

Vabbè comunque sò dovuto andà alla Sud...

Che desolazione, che tristezza. C'era più gente in serie D, mi torna in mente un Ternana-Arezzo prima di serie D appunto, con quasi 5mila persone e tante altre partite di quel biennio passato a discute su Fiumicino (non aeroporto, ma la squadra), Monterotondo, Narnese, Bastia, Impruneta e compagnia cantando.

Ora, in serie B, lo stadio è un mortorio, non solo perché c'è pochissima gente, ma anche per la desolante curva Est. Ma dove è finito l'orgoglio di quella curva ? Abbiamo saltato una generazione grazie a Longarini e i suoi scagnozzi, una generazione che non si è appassionata, innamorata o almeno invaghita delle Fere.

Quando avevo 10 anni circa, ricordo la stagione di Marchesi, sì quella Ternana che arrivò infine quarta, quella di sileno Passalacqua, La Torre, Bagnato, ecc. Dopo una salvezza spericolata con 3 vittorie nelle ultime tre partite, la società ripartì da una squadra giovane ma straordinariamente ben costruita e ben diretta. A inizio stagione non si sapeva quello che sarebbe successo, ma allo stadio c'erano sempre quei 6-7 mila affezionati. La società aveva inventato una specie di mini-totocalcio a premi per i più giovani, tutti provavamo ad azzeccà qualche risultato pé scalà la classifica.

Ricordi, lampi, flash di un'epoca dove il responsabile marketing era una parolaccia incomprensibile, eppure le idee non mancavano. Cosa fanno adesso gli espertoni di marketing della Ternana per provare a riportare un pò di pubblico ? NIENTE!

E non diamo la colpa sempre a Sky, che in tutta Terni farà non più di 400 abbonati. La verità è che c'è molto da lavorare ma poche idee. E pensare che basterebbe fare un pò di benchmarking, sì praticamente l'americanizzazione del vecchio e sempre valido "copia quello che fanno l'altri" per mettere in piedi qualche iniziativa a costo 0.

Non so che ne pensate ?

-E' solo colpa di Longarini e dei Montemari sullo sfondo?

-E' colpa delle pay-Tv ?

-E' un effetto della crisi di immagine complessiva del calcio ?

-E' colpa dei tornelli e della tessera del tifoso?

-... del calo demografico e della "vecchiezza" della città ?

-... della crisi economica

- ...dei videogiochi ?

-... di Facebook, What's App, Instagram ?

-... troppa figa per tutti ? (se sì non me ne ero accorto, diteme 'do stà...)

-.. de Luca Giovannetti che cià fatto venì la nausea per overdose de tattiche ?

-... boh, mah!...

 

insomma, qualche analisi, idea, proposta...

 

comunque

Sempre FORZA FERE!

Io la penso come te.

E credo che se la Società volesse dasse na svejata dovrebbe aprire un tavolo permanente di dialogo con Terni, tifosi, cittadini, istituzioni con tanto di brainstorming per cercare di capire se il calcio a Terni può essere salvato.

 

Lo dico perché non credo che una città non ricca di 110mila abitanti possa permettersi ancora a lungo di fare la B con 3mila spettatori e il deserto intorno.

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tornato allo stadio dopo un paio di mesi, con uno dei ragazzini, cercavo un posto al coperto proprio per non fa bagnà il ragazzino, ma Nord ed Est erano già esauriti ("cavolo, ritorna il grande pubblico" me sò detto), macché erano pieni SOLO i posti coperti, cioè solo quelli copertissimi, 7-8 file in tutto.

Vabbè comunque sò dovuto andà alla Sud...

Che desolazione, che tristezza. C'era più gente in serie D, mi torna in mente un Ternana-Arezzo prima di serie D appunto, con quasi 5mila persone e tante altre partite di quel biennio passato a discute su Fiumicino (non aeroporto, ma la squadra), Monterotondo, Narnese, Bastia, Impruneta e compagnia cantando.

Ora, in serie B, lo stadio è un mortorio, non solo perché c'è pochissima gente, ma anche per la desolante curva Est. Ma dove è finito l'orgoglio di quella curva ? Abbiamo saltato una generazione grazie a Longarini e i suoi scagnozzi, una generazione che non si è appassionata, innamorata o almeno invaghita delle Fere.

Quando avevo 10 anni circa, ricordo la stagione di Marchesi, sì quella Ternana che arrivò infine quarta, quella di sileno Passalacqua, La Torre, Bagnato, ecc. Dopo una salvezza spericolata con 3 vittorie nelle ultime tre partite, la società ripartì da una squadra giovane ma straordinariamente ben costruita e ben diretta. A inizio stagione non si sapeva quello che sarebbe successo, ma allo stadio c'erano sempre quei 6-7 mila affezionati. La società aveva inventato una specie di mini-totocalcio a premi per i più giovani, tutti provavamo ad azzeccà qualche risultato pé scalà la classifica.

Ricordi, lampi, flash di un'epoca dove il responsabile marketing era una parolaccia incomprensibile, eppure le idee non mancavano. Cosa fanno adesso gli espertoni di marketing della Ternana per provare a riportare un pò di pubblico ? NIENTE!

E non diamo la colpa sempre a Sky, che in tutta Terni farà non più di 400 abbonati. La verità è che c'è molto da lavorare ma poche idee. E pensare che basterebbe fare un pò di benchmarking, sì praticamente l'americanizzazione del vecchio e sempre valido "copia quello che fanno l'altri" per mettere in piedi qualche iniziativa a costo 0.

Non so che ne pensate ?

-E' solo colpa di Longarini e dei Montemari sullo sfondo?

-E' colpa delle pay-Tv ?

-E' un effetto della crisi di immagine complessiva del calcio ?

-E' colpa dei tornelli e della tessera del tifoso?

-... del calo demografico e della "vecchiezza" della città ?

-... della crisi economica

- ...dei videogiochi ?

-... di Facebook, What's App, Instagram ?

-... troppa figa per tutti ? (se sì non me ne ero accorto, diteme 'do stà...)

-.. de Luca Giovannetti che cià fatto venì la nausea per overdose de tattiche ?

-... boh, mah!...

 

insomma, qualche analisi, idea, proposta...

 

comunque

Sempre FORZA FERE!

prendiamo il lato positivo... almeno uno (due col ragazzino) è tornato! piano, piano...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tornato allo stadio dopo un paio di mesi, con uno dei ragazzini, cercavo un posto al coperto proprio per non fa bagnà il ragazzino, ma Nord ed Est erano già esauriti ("cavolo, ritorna il grande pubblico" me sò detto), macché erano pieni SOLO i posti coperti, cioè solo quelli copertissimi, 7-8 file in tutto.

Vabbè comunque sò dovuto andà alla Sud...

Che desolazione, che tristezza. C'era più gente in serie D, mi torna in mente un Ternana-Arezzo prima di serie D appunto, con quasi 5mila persone e tante altre partite di quel biennio passato a discute su Fiumicino (non aeroporto, ma la squadra), Monterotondo, Narnese, Bastia, Impruneta e compagnia cantando.

Ora, in serie B, lo stadio è un mortorio, non solo perché c'è pochissima gente, ma anche per la desolante curva Est. Ma dove è finito l'orgoglio di quella curva ? Abbiamo saltato una generazione grazie a Longarini e i suoi scagnozzi, una generazione che non si è appassionata, innamorata o almeno invaghita delle Fere.

Quando avevo 10 anni circa, ricordo la stagione di Marchesi, sì quella Ternana che arrivò infine quarta, quella di sileno Passalacqua, La Torre, Bagnato, ecc. Dopo una salvezza spericolata con 3 vittorie nelle ultime tre partite, la società ripartì da una squadra giovane ma straordinariamente ben costruita e ben diretta. A inizio stagione non si sapeva quello che sarebbe successo, ma allo stadio c'erano sempre quei 6-7 mila affezionati. La società aveva inventato una specie di mini-totocalcio a premi per i più giovani, tutti provavamo ad azzeccà qualche risultato pé scalà la classifica.

Ricordi, lampi, flash di un'epoca dove il responsabile marketing era una parolaccia incomprensibile, eppure le idee non mancavano. Cosa fanno adesso gli espertoni di marketing della Ternana per provare a riportare un pò di pubblico ? NIENTE!

E non diamo la colpa sempre a Sky, che in tutta Terni farà non più di 400 abbonati. La verità è che c'è molto da lavorare ma poche idee. E pensare che basterebbe fare un pò di benchmarking, sì praticamente l'americanizzazione del vecchio e sempre valido "copia quello che fanno l'altri" per mettere in piedi qualche iniziativa a costo 0.

Non so che ne pensate ?

-E' solo colpa di Longarini e dei Montemari sullo sfondo?

-E' colpa delle pay-Tv ?

-E' un effetto della crisi di immagine complessiva del calcio ?

-E' colpa dei tornelli e della tessera del tifoso?

-... del calo demografico e della "vecchiezza" della città ?

-... della crisi economica

- ...dei videogiochi ?

-... di Facebook, What's App, Instagram ?

-... troppa figa per tutti ? (se sì non me ne ero accorto, diteme 'do stà...)

-.. de Luca Giovannetti che cià fatto venì la nausea per overdose de tattiche ?

-... boh, mah!...

 

insomma, qualche analisi, idea, proposta...

 

comunque

Sempre FORZA FERE!

Purtroppo lo frattura che si è creata nel corso degli anni non è facile da sanare dalla sera alla mattina.

Edited by lupaster

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo lo frattura che si è creata nel corso degli non è facile da sanare dalla sera alla mattina.

è quello che dicevamo sul "dopo Longarini" che sarebbe stato difficile e lungo.

immagina provare a ricostruire un rapporto con la città "durante Longarini" cosa può essere....come scalare l'Everest e il K2 uno sopra all'altro.

Io comunque, in un modo e nell'altro, allo stadio ci sono tornato...ma la sensazione di desolazione la provo da anni (con l'eccezione dei due anni "buoni" di Toscano...promozione e salvezza in B...).

Edited by altoforno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Direi anche che forse non è utile continuare a discutere sulle COLPE.

 

Discuterne significa continuacce a incazza' e mannacce affanculo per altri 10 anni.

 

Tutto questo per poi, magari, conclude che la colpa è per il 25% di Longarini&Co., del 20% delle dirette televisive, del 15% dell' "imborghesimento" dei ternani, del 10% dei campionati non entusiasmanti, del 10% di uno stadio ormai obsoleto, e del restante 20% di varie ed eventuali. (Cambiate le % come cazzo ve pare, il risultato non cambia).

 

Il punto secondo me è cercare di capire come se ne esce cercando di ricostruire e non rompere più niente. Perché poi alla fine la Ternana è un bene sociale di tutti, anche di chi lo stadio non sa manco di sta.

 

.

Edited by Lu Cignale
  • Upvote 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Direi anche che forse non è utile continuare a discutere sulle COLPE.

 

Discuterne significa continuacce a incazza' e mannacce affanculo per altri 10 anni.

 

Tutto questo per poi, magari, conclude che la colpa è per il 25% di Longarini&Co., del 20% delle dirette televisive, del 15% dell' "imborghesimento" dei ternani, del 10% dei campionati non entusiasmanti, del 10% di uno stadio ormai obsoleto, e del restante 20% di varie ed eventuali. (Cambiate le % come cazzo ve pare, il risultato non cambia).

 

Il punto secondo me è cercare di capire come se ne esce cercando di ricostruire e non rompere più niente. Perché poi alla fine la Ternana è un bene sociale di tutti, anche di chi lo stadio non sa manco di sta.

 

.

io ho fatto l'abbonamento per la prima volta in 44 anni di vita.

Più di questo per la Ternana non posso fare.

Ci pensi chi di dovere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Direi anche che forse non è utile continuare a discutere sulle COLPE.

 

Discuterne significa continuacce a incazza' e mannacce affanculo per altri 10 anni.

 

Tutto questo per poi, magari, conclude che la colpa è per il 25% di Longarini&Co., del 20% delle dirette televisive, del 15% dell' "imborghesimento" dei ternani, del 10% dei campionati non entusiasmanti, del 10% di uno stadio ormai obsoleto, e del restante 20% di varie ed eventuali. (Cambiate le % come cazzo ve pare, il risultato non cambia).

 

Il punto secondo me è cercare di capire come se ne esce cercando di ricostruire e non rompere più niente. Perché poi alla fine la Ternana è un bene sociale di tutti, anche di chi lo stadio non sa manco di sta.

 

.

 

 

credo che cominci seriamente a mancare anche questo senso di appartenenza alla squadra

la Ternana attualmente non è più veicolo di aggregazione

 

fra le concause io ci metto anche la pesantissima situazione occupazionale

molti nostri concittadini campano di cassa integrazione e non so se andare alla partita sia ancora nei loro pensieri

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

credo che cominci seriamente a mancare anche questo senso di appartenenza alla squadra

la Ternana attualmente non è più veicolo di aggregazione

fra le concause io ci metto anche la pesantissima situazione occupazionale

molti nostri concittadini campano di cassa integrazione e non so se andare alla partita sia ancora nei loro pensieri

verissimo.

mettici pure il forte senso di impotenza provato da tutti noi di fronte agli scempi eroici...ricordate quante proteste, striscioni, manifestazioni, ecc... a cosa portarono?

a nulla! anzi, ci hanno fatto raschiare il fondo del barile. sempre più umiliazioni e vessazioni.

più protestavamo, più ne combinavano grosse.

a quel punto alzi le mani e te ne vai.

un po' come in politica, alla fine, dopo tante battaglie perse può arrivare il disincanto e l'allontanamento.

e finisce che a votare non ci vai più.

Share this post


Link to post
Share on other sites

verissimo.

mettici pure il forte senso di impotenza provato da tutti noi di fronte agli scempi eroici...ricordate quante proteste, striscioni, manifestazioni, ecc... a cosa portarono?

a nulla! anzi, ci hanno fatto raschiare il fondo del barile. sempre più umiliazioni e vessazioni.

più protestavamo, più ne combinavano grosse.

a quel punto alzi le mani e te ne vai.

un po' come in politica, alla fine, dopo tante battaglie perse può arrivare il disincanto e l'allontanamento.

e finisce che a votare non ci vai più.

si, questo è stato uno degli effetti più profondi e negativi degli eroi.

ascoli merda ora e sempre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I Bambini sono il futuro... Da li bisogna puntare per creare un futuro che sia futuro.

 

Biglietti Gratis alle scuole che aderiscono all'iniziativa che tanto non sono certo 100 Biglietti gratis (con tutti gli accrediti a cazzo di cane rilasciati) che ti fanno la differenza,ma possono tra un paio di anni fruttarti Tifosi allo stadio.

 

Ternana che torna nelle scuole per parlare di calcio,cosa vuol dire far parte di un gruppo,come si deve comportare un calciatore.

 

Ci saranno magazzini pieni di gadget,sciarpette invendute (Ternana Calcio) non ti comporta nulla regalarli perché abbiano un qualcosa sin da Piccoli di Rossoverde.

 

La Ternana va riportata in mezzo ai tifosi anche durante la settimana.

Anziani,disoccupati tutte categorie che hanno bisogno di vicinanza,se questa venisse dalla Ternana oltre a fare del bene sarebbe utile anche la domenica.

Nessuno ti vieta ti poter invitare la squadra a cena tra i tifosi nei club,ci vuol solo un po intelligenza da parte di alcune parti di tifosi per far si che non si trasformi in una gara al selfie,al dammi la maglietta o ad esempi del passato come Pisacane,ma se non ce' un briciolo di buon senso anche da parte nostra allora cosa andiamo cercando ...

 

Il tifoso deve capire che non c'e solo la pay tv,m c'e' una squadra che rappresenta la propia città da difendere.

 

Chiaro che uno stadio che sia accogliente per il tifoso possa aiutare ma purtroppo qui nel breve e penso lungo termine non ci sono possibilità ...

 

E SOPRATTUTTO CI VUOLE UNA SOCIETA' DI CALCIO !!!!!

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

credo che cominci seriamente a mancare anche questo senso di appartenenza alla squadra

la Ternana attualmente non è più veicolo di aggregazione

 

fra le concause io ci metto anche la pesantissima situazione occupazionale

molti nostri concittadini campano di cassa integrazione e non so se andare alla partita sia ancora nei loro pensieri

Prima proposta per l'anno venturo: abbonamento "sociale" a prezzo ridotto (60 euro?) per cassaintegrati e disoccupati.

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

P.S. TerreArnolfe, mi spiegheresti meglio quel "mini-totocalcio"?

L'iniziativa era dedicata a bambini e adolescenti non ricordo fino a quanti anni. Ognuno riceveva un blocchetto con le partite scelte per il concorso da lì a tutto il girne di andata (poi un altro libretto per il girone di ritorno, ma anche qui potrei non essere esatto, sono passati quasi 40 anni...). Ad ogni partita in casa dovevi compilare la scheda del giorno, nella quale c'erano 4 (?) partite mi sembra. Si doveva indovinare il risultato esatto. La scheda se depositava all'ingresso dello stadio, in urne dedicate. Poi la società esaminava le schede, dava i punti e pubblicava la classifica. Per i primi c'erano dei premi, ma non ricordo esattamente quali. Comunque erano bei premi, tutti eravamo attenti ad andare ogni domenica per avanzare in classifica...

Share this post


Link to post
Share on other sites

A mio giudizio una buona percentuale di assenze è data dal fatto che a Terni non ci stanno più soldi, ovvero molte famiglie campano con uno stipendio e i figli a carico perchè disoccupati, altre si fanno aiutare dai genitori per arrivare a fine mese.

Poi indubbiamente il disamore verso la ternana provocato dalle gestioni Montemari e "soci" vari aggiratisi per via Aleardi nell'arco di 7/8 anni hanno contribuito a lasciare a casa molte altre persone.

Forse un riavvicinamento di questa proprietà, oggi espressa un po' meglio del passato da Simone Longarini, con le istituzioni locali, sportive ed amministrative potrebbe provocare un beneficio anche in fatto di presenze allo stadio e di nuovo interesse... Che poi comunque non è mai scemato quest'ultimo verso le fere perchè i ternani si informano, chiedono, seguono e tifano sempre la ternana, ma senza andare allo stadio. Io sono uno di quest'ultimi! Spesso per questioni di lavoro essendo fuori Terni, ma anche quando posso spesso la seguo dalla TV, in streaming o addirittura per radio: mi incazzo, gioisco, esulto, commento e soffro proprio come quando sono allo stadio, perchè per molti ternani le fere sono parte di noi ma allo stadio in "queste condizioni" (virgolettato per intendere tutto quello che si sa e quello che si suppone dell'ambiente rossoverde-longariniano), non mi va di andare.

Poi, ancora, non ci dimentichiamo che molte delle partite e degli eventi a cui qui si fa riferimento qui, cadevano di domenica. Il sabato metti pure che tanta gente lavora e non riesce ad andare allo stadio!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prima proposta per l'anno venturo: abbonamento "sociale" a prezzo ridotto (60 euro?) per cassaintegrati e disoccupati.

Potrebbero fare abbonamenti in base anche all'attestazione Isee.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prima proposta per l'anno venturo: abbonamento "sociale" a prezzo ridotto (60 euro?) per cassaintegrati e disoccupati.

 

 

Potrebbero fare abbonamenti in base anche all'attestazione Isee.

 

infatti potrebbe essere un'idea

manca da tempo anche un campioncino locale con cui identificarsi..una "bandiera" che trascina la folla

Share this post


Link to post
Share on other sites

A mio giudizio una buona percentuale di assenze è data dal fatto che a Terni non ci stanno più soldi, ovvero molte famiglie campano con uno stipendio e i figli a carico perchè disoccupati, altre si fanno aiutare dai genitori per arrivare a fine mese.

Poi indubbiamente il disamore verso la ternana provocato dalle gestioni Montemari e "soci" vari aggiratisi per via Aleardi nell'arco di 7/8 anni hanno contribuito a lasciare a casa molte altre persone.

Forse un riavvicinamento di questa proprietà, oggi espressa un po' meglio del passato da Simone Longarini, con le istituzioni locali, sportive ed amministrative potrebbe provocare un beneficio anche in fatto di presenze allo stadio e di nuovo interesse... Che poi comunque non è mai scemato quest'ultimo verso le fere perchè i ternani si informano, chiedono, seguono e tifano sempre la ternana, ma senza andare allo stadio. Io sono uno di quest'ultimi! Spesso per questioni di lavoro essendo fuori Terni, ma anche quando posso spesso la seguo dalla TV, in streaming o addirittura per radio: mi incazzo, gioisco, esulto, commento e soffro proprio come quando sono allo stadio, perchè per molti ternani le fere sono parte di noi ma allo stadio in "queste condizioni" (virgolettato per intendere tutto quello che si sa e quello che si suppone dell'ambiente rossoverde-longariniano), non mi va di andare.

Poi, ancora, non ci dimentichiamo che molte delle partite e degli eventi a cui qui si fa riferimento qui, cadevano di domenica. Il sabato metti pure che tanta gente lavora e non riesce ad andare allo stadio!

aspetti reali ancorché importanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

 

manca da tempo anche un campioncino locale con cui identificarsi..una "bandiera" che trascina la folla

tra gli scempi eroici e post-eroici c'è anche quello di allontanare scientificamente e sistematicamente tutti i giocatori che potevano diventare bandiere o quasi...

non è un caso che non ci sia nessuno.

Oggi potrebbe essere sul punto di diventarlo Ceravolo...e infatti a fine campionato andrà via a parametro zero.

Share this post


Link to post
Share on other sites

credo che cominci seriamente a mancare anche questo senso di appartenenza alla squadra

la Ternana attualmente non è più veicolo di aggregazione

 

fra le concause io ci metto anche la pesantissima situazione occupazionale

molti nostri concittadini campano di cassa integrazione e non so se andare alla partita sia ancora nei loro pensieri

Sicuramente l'aspetto economico per molti, ma non per tutti può incidere, e in questo caso non possiamo farci nulla (se mancano i soldi per comprare il pane dove li trovi per andare a vedere la partita? Maledetto Maslow), ma per tutti gli altri è venuto meno il senso di appartenenza, se ce l'ho ce l'ho apparte tutte le nefandezze delle proprietà: che ci importa di chi è la Ternana? Il motto "la Ternana Siamo noi" fa il paio a quanto ho scritto, non c'entra la dignità o la non approvazione dei Longarini, io vado allo stadio per tifare quelle meravigliose maglie ROSSOVERDI e non me ne frega nulla del resto!

 

Mi sento TERNANO e se la TERNANA VINCE STO BENE, ALTRIMENTI NO!

 

A me della proprietà non me ne frega un bene amato, poi è chiaro che se dovesse comprare la società un munifico personaggio sarò più contento!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sicuramente l'aspetto economico per molti, ma non per tutti può incidere, e in questo caso non possiamo farci nulla (se mancano i soldi per comprare il pane dove li trovi per andare a vedere la partita? Maledetto Maslow), ma per tutti gli altri è venuto meno il senso di appartenenza, se ce l'ho ce l'ho apparte tutte le nefandezze delle proprietà: che ci importa di chi è la Ternana? Il motto "la Ternana Siamo noi" fa il paio a quanto ho scritto, non c'entra la dignità o la non approvazione dei Longarini, io vado allo stadio per tifare quelle meravigliose maglie ROSSOVERDI e non me ne frega nulla del resto!

 

Mi sento TERNANO e se la TERNANA VINCE STO BENE, ALTRIMENTI NO!

 

A me della proprietà non me ne frega un bene amato, poi è chiaro che se dovesse comprare la società un munifico personaggio sarò più contento!

il senso di appartenenza ce l'abbiamo noi che siamo ultraquarantenni.

Ai ragazzini devi inculcarlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

il senso di appartenenza ce l'abbiamo noi che siamo ultraquarantenni.

Ai ragazzini devi inculcarlo.

considera che m'ero sbagliato a leggere e t'avevo già dato del pedofilo :lol::lol::lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

io non credo che l'appartenenza dipenda più tanto dal pubblico. si dice imborghesimento, in realtà non siamo più padroni di un cazzo. l'appartenenza è diminuita non solo nei confronti della squadra, è diminuita anche nei confronti della città e di noi stessi (e ovviamente non parlo solo di terni). c'è distacco con la proprietà e allo stadio non siamo più padroni di un cazzo, che senso di appartenenza si vuol creare se anche lo stadio come tantissime cose è diventato una forma di intrattenimento "moderna"? pago, fammi divertire

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

 

infatti potrebbe essere un'idea

manca da tempo anche un campioncino locale con cui identificarsi..una "bandiera" che trascina la folla

● Abbonamento "sociale" a prezzo ridotto (60 euro?) per cassaintegrati e disoccupati.

● abbonamenti in base anche all'attestazione Isee.

 

Si potrebbe per una volta fare un "topic con le proposte" invece dei soliti topic delle proteste e paraculate? :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.