Jump to content

Recommended Posts

1 ora fa, Crikke ha scritto:

Forse non ho capito il senso del tuo post (problema mio), ma la clinica deve (obbligatoriamente mi pare) occuparsi di aspetti diversi o complementari a quelli dell'ospedale, quindi a mio modo divedere, il processo sarebbe inverso a quello che dici tu, diventando invece attrattivo, potenziandolo quindi anzichè depotenziarlo

fosse come scrivi tu, significherebbe comunque che la giunta rinuncia ad ampliare la propria offerta riguardo un determinato servizio per fare si che chi lo necessita debba rivolgersi ad un privato. se poi mi dici che è meglio di come sta messa la sanità adesso... senza dubbio, se non altro in quel modo hai un'alternativa che in città non c'era. ma chi governa l'umbria e la città ha un ruolo pubblico e in teoria sta li per far funzionare i servizi pubblici se non addirittura a migliorarli.

 

in ogni caso non è una mossa unica che poi si arresta li. quello che succede in realtà è un processo dinamico, la sanità passa sempre più in mano ai privati ed è un processo in atto già da tempo ovunque viene potenziata la sanità privata. una volta eletta inoltre, la tesei ha detto chiaramente di voler potenziare la sanità privata, quindi sicuramente non finirà li.

l'ospedale di terni è ancora uno dei migliori del centro italia, anche se negli ultimi anni è andato peggiorando. la flessione del servizio pubblico è costante e sembra pure calcolata: ripeto, non è stato ermete sciannaquaglia a dire che 18 ospedali in umbria sono troppi. non vorrei finire come negli stati uniti, in cui magari ti capita di morire di peritonite vicino ad una clinica ultramoderna e all'avanguardia. li, nei primi mesi della pandemia, era normale pagare 3.000 dollari un test per il covid, cosa a cui hanno rimediato successivamente solo grazie ad una "potenza di fuoco" che l'italia non ha. li, proprio li, da diversi anni si sta cercando di impostare un sistema sanitario che permetta di rendere la sanità accessibile a tutti, paradossalmente guardando anche l'italia come uno dei sistemi da prendere ad esempio.

 

se chi governa ora ha intenzione di fare la cresta sulla salute dei ternani, ci sono un po' di domande cui rispondere (le prime che mi vengono in mente e che ho già fatto prima): hanno intenzione di costruire un nuovo ospedale, sarà interamente pubblico? sarà mantenuto il numero di posti letto? saranno mantenute le specializzazioni? verranno migliorati servizi e competenze, sempre nel settore pubblico? mettessero per iscritto tutto ciò e vediamo magari intanto di fare chiarezza. se tutte le domande sopra avranno una risposta positiva e l'impegno verrà mantenuto almeno per i prossimi vent'anni, questi avranno fatto vent'anni in cui hanno meritato di avere in mano la sanità ternana.

torno a ripetere, le varie giunte (comunale e regionale) hanno un ruolo pubblico e sono tenuti in primis a far funzionare i servizi pubblici.

Edited by BuFERA

Share this post


Link to post
Share on other sites
45 minuti fa, paolo65 ha scritto:

 Rileggi il post di semprerossoverde. Il numero di posti convenzionati è bloccato. Semplificando ad oggi se ne volessi 100 di qua, devi toglierne 100 di là.

Ma infatti questo è il punto cardine, il vero nodo della "battaglia". Essendo la sanità regionale i posti sono limitati su quella base specifica, giustamente, proprio per evitare che uno con i soldi "qualsiasi" si svegli la mattina ed apra una clinica che possa "rubare" posti agli ospedali... Per questo Melasecca parlava di riequilibrio, proprio perché al momento è tutto sproporzionato verso nord.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, FURIOUS ha scritto:

Ma infatti questo è il punto cardine, il vero nodo della "battaglia". Essendo la sanità regionale i posti sono limitati su quella base specifica, giustamente, proprio per evitare che uno con i soldi "qualsiasi" si svegli la mattina ed apra una clinica che possa "rubare" posti agli ospedali... Per questo Melasecca parlava di riequilibrio, proprio perché al momento è tutto sproporzionato verso nord.

Sono 30 anni che melasecca parla di riequilibrio.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, Palmiro ha scritto:

Sono 30 anni che melasecca parla di riequilibrio.

 

1 minuto fa, paolo65 ha scritto:

Con accento perugino, tra l'altro

 

Ecco... quindi ora che finalmente possiamo provarci dopo 30 anni... lasciateci riequilibrare, please 

  • Upvote 2
  • Downvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, Palmiro ha scritto:

Sono 30 anni che melasecca parla di riequilibrio.

Quell’altri invece manco quello...silenzio assoluto...guai a parlarne.. tante vorde li padroncini dell’alta Umbria se stizzissero, hai visto mai?

  • Upvote 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, lu Fraportanu ha scritto:

Intanto ..grazie al tempestivo comunicato della CGIL ....il sentire comune a Terni e dindorni è che “so quelli della CGIL che no la vogliono!”...anche da parte di gente di sx....

COMPLIMENTISSIMI...!!!

bè via... se la clinica non se dovesse fa perché non vogliono rispettare i contratti nazionali, quelli che se incazzano se meritano un contratto de lavoro de merda e 50 euro de parcella ogni volta che se fanno misurà la febbre :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, il professore ha scritto:

 

 

Ecco... quindi ora che finalmente possiamo provarci dopo 30 anni... lasciateci riequilibrare, please 

Tu te piji per culo da solo🤣🤣🤣🤣🤣

  • Haha 1
  • Downvote 5

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 minuti fa, BuFERA ha scritto:

bè via... se la clinica non se dovesse fa perché non vogliono rispettare i contratti nazionali, quelli che se incazzano se meritano un contratto de lavoro de merda e 50 euro de parcella ogni volta che se fanno misurà la febbre :D

Ma chi ė quell’imprenditore che prima de fa/avviá/costruí qualcosa annuncia che “ i contratti nazionali non verranno rispettati?”.....come fai ad accusare una persona “a priori.”?...

politicamente se so tagliati le palle per i prossimi 50 anni, anche se la cosa per qualsiasi motivo ( qualche cavillo, qualche impedimento burocratico, lu consigliere perugino che s’è arzato male , la moje che gli ha messo le corna) non andra’ in porto.....quelli della lega e co. c’avranno sempre stu foglietto in mano da sventolá dicendo “ vedete ...ecco chi non la voleva fa e c’ha fatto saltá tutto”!!!

Edited by lu Fraportanu

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poi e chiudo. Quando si parla e si da giudizi su temi complessi, bisogna conoscere almeno l'alfabeto. Le cliniche erogano ESCLUSIVAMENTE prestazioni dove alto è il PROFITTO. Chiedete a Bandecchi se per caso intende mettere anche un confortevole e bellissimo pronto soccorso, se quello a Terni funziona male o c'è troppa attesa. Se e quando cassassero prestazioni ospedaliere a Terni per un cazzo di Clinica che tocca fa per lo Stadio novo (e perchè la ternana quest''anno va bene), mi girerebbero i coglioni dove andà a sbatte a Foligno o a Perugia. E non c'entra un cazzo l'ideologia politica, ma solo la politica (dx o sx che sia) del governo del territorio.

Partiamo da un assioma. Il totale dei posti è determinato dal numero di abitanti. Quest'anno, scadenza delle convenzioni, gli abitanti della Regione sono calati rispetto a diversi anni fa epoca della precedente convenzione, quindi teoricamente i posti complessivi già dovrebbero scendere.

Le probabilità che vengano tolti posti convenzionati è praticamente nulla (i privati hanno investito e se rispettano le regole e non intervengono fattori eccezionali non gli si può togliere alcunché) e non c'entra nulla il riequilibrio territoriale che invece può essere gestito "politicamente" solo per gli ospedali pubblici.

Quindi, ancora una volta, al momento, a meno che non chiudano altri ospedali vicino a Terni, se si vogliono 100 posti in più, ne dovresti togliere 100 al pubblico (ospedale di Terni) con molta probabilità. 

Ripeto, se una petizione pro clinica e stadio recita che nulla deve essere tolto all'Ospedale di Terni, io firmo con il sangue.

Edited by paolo65

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, il professore ha scritto:

 

 

Ecco... quindi ora che finalmente possiamo provarci dopo 30 anni... lasciateci riequilibrare, please 

lasciateci...fai parte del team?

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, lu Fraportanu ha scritto:

Ma chi ė quell’imprenditore che prima de fa/avviá/costruí qualcosa annuncia che “ i contratti nazionali non verranno rispettati?”.....come fai ad accusare una persona “a priori.”?...

politicamente se so tagliati le palle per i prossimi 50 anni, anche se la cosa per qualsiasi motivo ( qualche cavillo, qualche impedimento burocratico, lu consigliere perugino che s’è arzato male , la moje che gli ha messo le corna) non andra’ in porto.....quelli della lega e co. c’avranno sempre stu foglietto in mano da sventolá dicendo “ vedete ...ecco chi non la voleva fa e c’ha fatto saltá tutto”!!!

ma infatti non è stato accusato nessuno. nel volantino è stato scritto che le attività private sanitarie a terni raramente applicano i contratti specifici di settore e che quindi va chiarito prima quali contratti nazionali si intendono applicare. chiedere chiarezza invece di comprare a scatola chiusa è una cosa importante... si possono accusare i sindacati di tante cose, ma in questo caso se non altro stanno facendo il loro lavoro, nell'interesse di tutti.

ripeto, se veramente qualcuno butta la croce addosso alla cgil qualora non si dovessero fare clinica e stadio, veramente si merita un contratto di lavoro di merda e 50 euro di parcella per ogni sgrullata de termometro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 minuti fa, paolo65 ha scritto:

lasciateci...fai parte del team?

Del team de quelli che ce stanno co la capoccia sicuro 😁

Poi come si dice in questi casi... se vogliamo usare "i tecnici" laddove la politica fallisce... io so a disposizione 😂

Visto mai... pare che i Draghi vanno de moda... e io qui so Drago per "ius soli" ❤️💚

  • Upvote 1
  • Downvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
27 minuti fa, BuFERA ha scritto:

ma infatti non è stato accusato nessuno. nel volantino è stato scritto che le attività private sanitarie a terni raramente applicano i contratti specifici di settore e che quindi va chiarito prima quali contratti nazionali si intendono applicare. chiedere chiarezza invece di comprare a scatola chiusa è una cosa importante... si possono accusare i sindacati di tante cose, ma in questo caso se non altro stanno facendo il loro lavoro, nell'interesse di tutti.

ripeto, se veramente qualcuno butta la croce addosso alla cgil qualora non si dovessero fare clinica e stadio, veramente si merita un contratto di lavoro di merda e 50 euro di parcella per ogni sgrullata de termometro.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sogna' non costa niente ma pensa' e soprattutto discute de due cose in una (stadio+clinica) e pensa che possano andà a braccetto, la vedo dura!!! A meno che a Terni siamo diventati più paraculi del resto d'Italia... Dove, ripeto, iter poco lineari che chiedono qualcosa di diverso ed in più rispetto alla semplice costruzione de uno stadio nuovo al posto de uno esistente (e quindi senza tanti vincoli, varianti ecc...che hanno come unico litigio semmai sulla gestione della Convenzione tra privato e amministrazione x il rientro degli investimenti) 

Io penso che non ne usciremo nemmeno dallo studio di fattibilità con le varie varianti, prescrizioni e forzature varie. 

 

Eviterei de parlà o discute della clinica, la politica,i posti letto ecc....almeno fino a che il progetto (non lo studio di fattibilità) non è stato presentato... ALLORA LI SI CHE LA BATTAGLIA POTREBBE INIZIARE ED AVERE UN MINIMO DI POSSIBILITÀ DI RIUSCITA!!! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
38 minuti fa, BuFERA ha scritto:

ma infatti non è stato accusato nessuno. nel volantino è stato scritto che le attività private sanitarie a terni raramente applicano i contratti specifici di settore e che quindi va chiarito prima quali contratti nazionali si intendono applicare. chiedere chiarezza invece di comprare a scatola chiusa è una cosa importante... si possono accusare i sindacati di tante cose, ma in questo caso se non altro stanno facendo il loro lavoro, nell'interesse di tutti.

ripeto, se veramente qualcuno butta la croce addosso alla cgil qualora non si dovessero fare clinica e stadio, veramente si merita un contratto di lavoro di merda e 50 euro di parcella per ogni sgrullata de termometro.

....ma il sindacato sulla tipologia di contratto non può intervenire ...non funziona così....ovviamente quelli applicheranno i contratti che gli consente la legge..il sindacato interviene se quel tipo di contratto applicato non viene rispettato...Bandecchi po’ applica’ tutti i contratti consentiti dalla legge , anche quello che “non te pago anche se lavori 24 ore al giorno”...come in tutti posti... “prendere o lasciare...se te sta bene è cucì, sennò.....avanti il prossimo!”....eventualmente la causa o vertenza avviene quando quel tipo di contratto viene “violato”

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, lu Fraportanu ha scritto:

....ma il sindacato sulla tipologia di contratto non può intervenire ...non funziona così....ovviamente quelli applicheranno i contratti che gli consente la legge..il sindacato interviene se quel tipo di contratto applicato non viene rispettato...Bandecchi po’ applica’ tutti i contratti consentiti dalla legge , anche quello che “non te pago anche se lavori 24 ore al giorno”...come in tutti posti... “prendere o lasciare...se te sta bene è cucì, sennò.....avanti il prossimo!”....eventualmente la causa o vertenza avviene quando quel tipo di contratto viene “violato”

Esattamente. 
A riprova dell’inutilità del comunicato della Cgil il cui fine è esclusivamente politico.

Della serie: ricordatevi che su questa vicenda ci sto pure io (Bandecchi non se li cagherà di striscio e farà bene). 

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, paolo65 ha scritto:

Rileggi il post di semprerossoverde. Il numero di posti convenzionati è bloccato. Semplificando ad oggi se ne volessi 100 di qua, devi toglierne 100 di là.

Ma il riequilibro è su base regionale e non credo che quando hanno fatto le cliniche a Perugia i posti al Silvestrini siano calati (no lo so proprio ma non credo) e anche se fosse la partita politica è lì che te la giochi. Il resto del mio ragionamento rimane valido nel senso che non penso che una clinica sia negativa per la sanità ternana nè tantomeno per l'economia in generale

4 ore fa, BuFERA ha scritto:

fosse come scrivi tu, significherebbe comunque che la giunta rinuncia ad ampliare la propria offerta riguardo un determinato servizio per fare si che chi lo necessita debba rivolgersi ad un privato. se poi mi dici che è meglio di come sta messa la sanità adesso... senza dubbio, se non altro in quel modo hai un'alternativa che in città non c'era. ma chi governa l'umbria e la città ha un ruolo pubblico e in teoria sta li per far funzionare i servizi pubblici se non addirittura a migliorarli.

 

in ogni caso non è una mossa unica che poi si arresta li. quello che succede in realtà è un processo dinamico, la sanità passa sempre più in mano ai privati ed è un processo in atto già da tempo ovunque viene potenziata la sanità privata. una volta eletta inoltre, la tesei ha detto chiaramente di voler potenziare la sanità privata, quindi sicuramente non finirà li.

l'ospedale di terni è ancora uno dei migliori del centro italia, anche se negli ultimi anni è andato peggiorando. la flessione del servizio pubblico è costante e sembra pure calcolata: ripeto, non è stato ermete sciannaquaglia a dire che 18 ospedali in umbria sono troppi. non vorrei finire come negli stati uniti, in cui magari ti capita di morire di peritonite vicino ad una clinica ultramoderna e all'avanguardia. li, nei primi mesi della pandemia, era normale pagare 3.000 dollari un test per il covid, cosa a cui hanno rimediato successivamente solo grazie ad una "potenza di fuoco" che l'italia non ha. li, proprio li, da diversi anni si sta cercando di impostare un sistema sanitario che permetta di rendere la sanità accessibile a tutti, paradossalmente guardando anche l'italia come uno dei sistemi da prendere ad esempio.

 

se chi governa ora ha intenzione di fare la cresta sulla salute dei ternani, ci sono un po' di domande cui rispondere (le prime che mi vengono in mente e che ho già fatto prima): hanno intenzione di costruire un nuovo ospedale, sarà interamente pubblico? sarà mantenuto il numero di posti letto? saranno mantenute le specializzazioni? verranno migliorati servizi e competenze, sempre nel settore pubblico? mettessero per iscritto tutto ciò e vediamo magari intanto di fare chiarezza. se tutte le domande sopra avranno una risposta positiva e l'impegno verrà mantenuto almeno per i prossimi vent'anni, questi avranno fatto vent'anni in cui hanno meritato di avere in mano la sanità ternana.

torno a ripetere, le varie giunte (comunale e regionale) hanno un ruolo pubblico e sono tenuti in primis a far funzionare i servizi pubblici.

Tutto giusto e tutto condivisibile, ma esistono le cliniche private e se regolamentate non sono negative. Il nostro modello di sanità è comunque lontano anni luce da quello americano e noi non possiamo permetterci di fare la repubblica popolare ternana, prima dovremmo dichiararci indipendenti e creare uno stato a parte, ma dovremmo trovare comunque delle soluzione per garantire ricchezza e benessere della comunità

  • Upvote 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, wild.duck ha scritto:

Cardeto ci stanno lavorando in questi giorni. Tutto sommato, per me i tempi per quel lavoro sarebbero normali se non succede altro di nuovo. Voglio dire che se avessero riaperto entro i due anni di mandato avrei parlato di un miracolo, intorno ai 3-4 anni per quella situazione burocratica mi pare un tempo normale. Non so come si metterà la cosa per la palazzina (lo scheletro) in mezzo al parco.

Mi fa piacere che stiano lavorando, io l’ecomostro lo tirerei giù con le cattive.

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 ore fa, mdmterni ha scritto:

Lallo invece penso che manco sta a capì che succede.lui va giù alla presentazione perche ha capito che se magna e se beve,della questione stadio poi je faranno sape

La sensazione è esattamente quella che descrivi

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, longarinivattene! ha scritto:

Esattamente. 
A riprova dell’inutilità del comunicato della Cgil il cui fine è esclusivamente politico.

Della serie: ricordatevi che su questa vicenda ci sto pure io (Bandecchi non se li cagherà di striscio e farà bene). 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
39 minuti fa, Crikke ha scritto:

noi non possiamo permetterci di fare la repubblica popolare ternana, prima dovremmo dichiararci indipendenti e creare uno stato a parte, ma dovremmo trovare comunque delle soluzione per garantire ricchezza e benessere della comunità

Considera che ti sto facendo la ola 👍

è quello che sostengo 

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
47 minuti fa, Dado ha scritto:

Mi fa piacere che stiano lavorando, io l’ecomostro lo tirerei giù con le cattive.

Non sono sicuro che parliamo della stessa cosa, la copertura dei campi da tennis enorme vicino alla Repsol la finiscono. Credo che debbano fare un altro bando o qualcosa del genere per la struttura che va a sostituire i vecchi spogliatoi proprio in mezzo al parco. È un po' più grandina del passato ma che fastidio dà (se la finiscono, ovviamente)? O parlate della copertura dei campi da tennis?

Edited by wild.duck

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, lu Fraportanu ha scritto:

....ma il sindacato sulla tipologia di contratto non può intervenire ...non funziona così....ovviamente quelli applicheranno i contratti che gli consente la legge..il sindacato interviene se quel tipo di contratto applicato non viene rispettato...Bandecchi po’ applica’ tutti i contratti consentiti dalla legge , anche quello che “non te pago anche se lavori 24 ore al giorno”...come in tutti posti... “prendere o lasciare...se te sta bene è cucì, sennò.....avanti il prossimo!”....eventualmente la causa o vertenza avviene quando quel tipo di contratto viene “violato”

premetto che non facendo parte di un sindacato mi sto addentrando in un campo che conosco solo per quello che ho potuto leggere, quindi niente lapidazione per favore :D in tal caso non sarebbe male se intervenisse un sindacalista.

 

un datore di lavoro quindi non è tenuto ad applicare dei contratti di settore, con delle normative specifiche? è possibile (per assurdo) fare ad un infermiere un contratto co.co.co. a scadenza giornaliera, magari lasciarlo in mezzo alla strada senza paga se per quindici giorni uno vuole chiudere la clinica, o se gli chiede di lavorare 48 ore pagandogliene 16 come previsto da contratto, e l'infermiere dice che è un po' stanchino?

mi interessa di capire questo, perché il sindacalista che ha scritto il volantino chiede che vengano rispettati contratti specifici di settore, ma se un imprenditore può fare sostanzialmente il cazzo che vuole e quindi prendermi per fame... faccio ancora più fatica a capire perché qui la gente se la prende coi sindacalisti che chiedono di applicare contratti specifici piuttosto che con gli imprenditori.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Crikke ha scritto:

Tutto giusto e tutto condivisibile, ma esistono le cliniche private e se regolamentate non sono negative. Il nostro modello di sanità è comunque lontano anni luce da quello americano e noi non possiamo permetterci di fare la repubblica popolare ternana, prima dovremmo dichiararci indipendenti e creare uno stato a parte, ma dovremmo trovare comunque delle soluzione per garantire ricchezza e benessere della comunità

io infatti quelle domande non le faccio a chi vuole fare la clinica privata, le faccio a chi governa città e regione. l'imprenditore che si fa la sua clinica rappresenta se stesso, sindaco e governatrice rappresentano i cittadini. se quest'ultimi stanno mettendo in ginocchio la sanità pubblica, ne va della salute di tutti.

se domani in giunta si svegliano e dicono di sacrificare il primogenito al dio sole perché lo stanno facendo già in buona parte delle provincie italiane che facciamo? ce lo facciamo andare bene e diciamo al vicino che è anacronistico perché non gli sta bene?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.