Jump to content
lu cafone

Marcello Pardi

Recommended Posts

Daje!

Dio (o quello che c'è) te benedica. E benedica quelli che te devono cura' e quelli che te devono sta vicini.

A casa mia stamo 1-1 e stamo a fa' la bella queste settimane. Non si molla un centimetro. Mai.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dagli interventi che hai fatto mi hai sempre dato l'impressione di essere un gran combattente e uno che non molla mai ,con una gran fede rossoverde,questa è un altra battaglia che sono sicuro vincerai con la forza della fede,del tuo carattere e dell'affetto della tua famiglia

Se posso darti un consiglio sulla base di esperienza personale ,vai nelle migliori strutture ,in Italia ce ne sono diverse al top come Milano e Pisa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Forza marce'! Considera di giocare un derby al giorno e vedrai che quello vero lo vinci tu. Con la tua famiglia hai una grande squadra, e noi che di solito sparamo cazzate da una tastiera, in questa partita insieme ai tuoi amici saremo la tua curva. Forza cafo'!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

rispetto a quello che ho scritto ieri, posso aggiungere che - se purtroppo mio padre non ce l'ha fatta, ma come dicevo era una situazione già irrecuperabile sin dal momento della scoperta - lo zio di mia moglie, che ha scoperto la malattia in tempo, ne è uscito brillantemente.

oggi sta benissimo, ovviamente fa i dovuti controlli ma è in ottima salute.

è una battaglia difficile ma si può vincere, tanti ce l'hanno fatta e ce la farai anche tu.

un abbraccio di nuovo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti ragazzi.....faccio questo post post perchè sono fatto così....le cose mi piace dirle in faccia.

Oramai credo che anche tanti di voi lo sapranno, perchè ho voluto io dirlo a tutti i miei amici più cari alle mie 3 figlie, e quindi siccome ieri allo stadio lo sapevano tutti mi piace che lo sappiate anche voi....ma dalla bocca mia.

La polmonite non era polmonite....ecco perchè non passava....HO UN TUMORE AL POLMONE.

AL momento ancora non sò come potrò combatterlo, se con la chirurgia o con le terapie o prima una e poi l'altra, però la speranza di combatterlo me l'hanno data.

IL Marcello battagliero. ironico, e forte, è morto 4 giorni fà.....purtroppo mi ha sopraffatto il pianto e la disperazione, il solo pensiero di dover lasciare a 52 anni 3 figlie e la mia adorata moglie, mi uccide mentalmente.

Tutti mi dicono che devo essere forte come lo ero prima per vincere questa battaglia, ma io ora mi sento solo morire.

Spero che con l'aiuto di tutti possa tornare forte nel più breve tempo possibile per poter sconfiggere il "GRIFO" che è entrato in me. ( lo voglio chiamare GRIFO e non TUMORE, perchè lo odio come odio il GRIFO).

Spero che tutti voi pregate per me, e un giorno quando avrò sconfitto il GRIFO, potremmo andare a cena e festeggiare tutti insieme.

UN ABBRACCIO A TUTTI.

 

 

P.S Se non ce la dovessi fare.....ricordatemi così........

Ciao Marcè , ho saputo ieri sera della tua situazione dal nostro amico Alessandro e francamente sono rimasto senza parole .

Lui ti voleva contattare ( non so se l'ha fatto oggi ) , ma non sapeva come fare e questo tuo "outing" sicuramente gli renderà le cose più semplici .

In ogni caso , vai avanti con grinta e determinazione , che sono armi ancora più efficaci di qualsiasi terapia medica .

Il grifo non deve vincere

Share this post


Link to post
Share on other sites

rispetto a quello che ho scritto ieri, posso aggiungere che - se purtroppo mio padre non ce l'ha fatta, ma come dicevo era una situazione già irrecuperabile sin dal momento della scoperta - lo zio di mia moglie, che ha scoperto la malattia in tempo, ne è uscito brillantemente.

oggi sta benissimo, ovviamente fa i dovuti controlli ma è in ottima salute.

è una battaglia difficile ma si può vincere, tanti ce l'hanno fatta e ce la farai anche tu.

un abbraccio di nuovo.

GRAZIE....SPERO DI USCIRNE COME LO ZIO DI TUA MOGLIE.....ma adesso stò in condizioni pietose mentalmente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

GRAZIE....SPERO DI USCIRNE COME LO ZIO DI TUA MOGLIE.....ma adesso stò in condizioni pietose mentalmente.

lo immagino...è normale.

ma vedrai che ne uscirai.

Share this post


Link to post
Share on other sites

GRAZIE....SPERO DI USCIRNE COME LO ZIO DI TUA MOGLIE.....ma adesso stò in condizioni pietose mentalmente.

Marcè, ci mancherebbe che non sia così. Io ho avuto recenti esperienze con mia Madre prima e poi con mia moglie. In tutti i casi il momento della diagnosi è terribile per gli interessati e i familiari, ma poi esce naturalmente l'istinto alla sopravvivenza che ti fa trovare energie e forze impensabili...Vedrai che succederà anche a te che sei già come carattere uno che non si tira mai indietro. Paradossalmente nel mio caso erano più loro che davano ottimismo a me, che io a loro. Daje, daje, daje. So che fra i tuoi amici più cari ci sono anche tanti medici, quindi io non ti suggerisco niente. Affidati a loro, fatti consigliare. Un medico ha sempre relazioni con colleghi e per ogni tipologia di problema, sa sempre individuare la migliore soluzione per il tuo caso specifico. Non stare a sentire troppe campane, nella medicina vale la regola della "second opinion". Due consulti qualificati e poi la scelta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marcè, ci mancherebbe che non sia così. Io ho avuto recenti esperienze con mia Madre prima e poi con mia moglie. In tutti i casi il momento della diagnosi è terribile per gli interessati e i familiari, ma poi esce naturalmente l'istinto alla sopravvivenza che ti fa trovare energie e forze impensabili...Vedrai che succederà anche a te che sei già come carattere uno che non si tira mai indietro. Paradossalmente nel mio caso erano più loro che davano ottimismo a me, che io a loro. Daje, daje, daje. So che fra i tuoi amici più cari ci sono anche tanti medici, quindi io non ti suggerisco niente. Affidati a loro, fatti consigliare. Un medico ha sempre relazioni con colleghi e per ogni tipologia di problema, sa sempre individuare la migliore soluzione per il tuo caso specifico. Non stare a sentire troppe campane, nella medicina vale la regola della "second opinion". Due consulti qualificati e poi la scelta.

Ciao paolè...mi sono affidato ai miei 2 amici fraterni e medici LUCIANO FAUSTINI E FABIO BISCETTI e il mio fratellone SANDRO BONIFAZI....caposala della medicina interna....vanno loro con mia moglie e mia madre a parlare con i medici e mi stanno cercando la soluzione migliore.....domani vanno dal PROF. PUMA a perugia...speriamo in qualche buona notizia. Ciao grazie.

Edited by lu cafone

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche se non ci conosciamo, ti faccio un grosso in bocca al lupo per tutto.

 

Nei momenti di sconforto pensa a tua moglie, alle tue figlie e a tutti noi fratelli rossoverdi che non vediamo l'ora di ritrovarti al Liberati sugli spalti a tifare e a tribolare con noi.

 

FORZA!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.