Jump to content
Tomas Milian

IL NUOVO SIMBOLO DELLA TERNANA?

Recommended Posts

Che straccia de schifo più degli applausi, leccate varie e risate forzate, viste in tv, dell'altra sera al garden...la gente se venderebbe la madre per quattro chiacchiere.

 

Una pagina triste in tutti i sensi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Almeno voi abitate a Terni dio porco... pensate io che abito qua e lavoro a perugia. C'ho WhatsApp de prese per il culo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Almeno voi abitate a Terni dio porco... pensate io che abito qua e lavoro a perugia. C'ho WhatsApp de prese per il culo

come dargli torto...a parti invertite lo avremmo fatto anche noi! e di che tinta!

ma anche qui la parola passa al campo. se vinceremo i derby, vedrai come torneranno nella tana a mangiare carote.

se, appunto...

perché dopo tutte queste premesse orribili (solo parzialmente compensate dagli ammiccamenti e dalle positive dichiarazioni di intenti di ranucci), dovranno seguire NECESSARIAMENTE risultati sportivi non semplicemente buoni, ma più che buoni, o anche ottimi.

perché il credito che si sono presi questi signori è enorme, e solo dei risultati eccellenti potranno solo parzialmente compensare tutto questo e rendere sopportabile una pillola amarissima.

secondo me, si sono messi in una posizione molto scomoda...oppure davvero sanno quel che fanno, sono capaci, competenti e con grossi obiettivi.

in caso contrario, per davvero faranno peggio di longarini: ai risultati scadenti si aggiungeranno lo stupro di nome, simbolo e l'insensata autarchia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sachsen e Wimbledon. Due realtà che toccano da vicino. I primi hanno ripudiato la Red Bull e sono spariti due anni dopo (oggi sarebbero in Champions League). I secondi hanno visto la loro squadra deportata a cento chilometri con il cambio del nome, del logo e dei colori (ora Milton Keynes). I tifosi hanno allora fondato una propria squadra con il nome Wimbledon. La vera differenza è che qua Unicusano ha trovato terreno fertile in una città distrutta da una proprietà allucinante e quando lo pigli in culo ogni anno a secco, basta un po de vaselina per farti credere che è meno peggio di prima

  • Upvote 1
  • Downvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sachsen e Wimbledon. Due realtà che toccano da vicino. I primi hanno ripudiato la Red Bull e sono spariti due anni dopo (oggi sarebbero in Champions League). I secondi hanno visto la loro squadra deportata a cento chilometri con il cambio del nome, del logo e dei colori (ora Milton Keynes). I tifosi hanno allora fondato una propria squadra con il nome Wimbledon. La vera differenza è che qua Unicusano ha trovato terreno fertile in una città distrutta da una proprietà allucinante e quando lo pigli in culo ogni anno a secco, basta un po de vaselina per farti credere che è meno peggio di prima

riflettevo sul cambio nome. Quando riusciranno a mettere Unicusano ufficialmente nel nome, a quel punto il rischio di prendersi il titolo è portarlo dove gli farà più comodo è concreto. Se un giorno dovessero portare la Ternana in A, potrebbero emigrare, che ne so, a Cisterna o a Roccaraso, o Bolzano, togliendo il nome Ternana è lasciando solo UNICUSANO. Per loro significherebbe avere il loro nome in serie A, pubblicitàcmassima, contributi federali a iosa, anche se lo stadio fosse vuoto andrebbe bene ugualmente.

Mi aspetto questa minaccia alle prime diatribe con l'amministrazione comunale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Almeno voi abitate a Terni dio porco... pensate io che abito qua e lavoro a perugia. C'ho WhatsApp de prese per il culo

Invece negli ultimi 13 anni ad ogni sacrosanto derby non l'hai subite le prese per culo?

Girano file dooo l'ultimo derby umilianti.

Magari hai visto mai che se la prendono un culo stavolta?

Comunque detto questo il simbolo così storpiato naturalmente fa male anche a me è lo trovo molto brutto oltrechè difficile da digerire.

Speriamo che la federazione glielo vieti

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

È identico solo con lo sponsor sopra....penso che negli ultimi 13 anni abbiamo avuto problemi ben peggiori

 

Concordo.

Anzi per me la nuova proprieta’ fara’ bene.

Detto questo, per evitare continue (ed inutili) polemiche sul forum limitero’ al massimo gli interventi.

Viceversa, molto presto provero’ a contattare i colleghi di Unicusano per vedere se si puo’ collaborare su qualcosa per Terni, e la Ternana.

Ovviamente ve tengo aggiornati.

  • Downvote 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che scempio. A parte il nome Unicusano che è inguardabile accostato a "Ternana", un qualsiasi grafico freelance lo avrebbe fatto decisamente meglio.

 

Io spero sia solo lo stemma utilizzato loro sul giornale e non quello vero ufficiale della Ternana.

Share this post


Link to post
Share on other sites

riflettevo sul cambio nome. Quando riusciranno a mettere Unicusano ufficialmente nel nome, a quel punto il rischio di prendersi il titolo è portarlo dove gli farà più comodo è concreto. Se un giorno dovessero portare la Ternana in A, potrebbero emigrare, che ne so, a Cisterna o a Roccaraso, o Bolzano, togliendo il nome Ternana è lasciando solo UNICUSANO. Per loro significherebbe avere il loro nome in serie A, pubblicitàcmassima, contributi federali a iosa, anche se lo stadio fosse vuoto andrebbe bene ugualmente.

Mi aspetto questa minaccia alle prime diatribe con l'amministrazione comunale.

Ecco... questo scenario non lo avevo considerato... sarebbe legalmente possibile?

Share this post


Link to post
Share on other sites

VOMITEVOLE vedere tutto ciò...ma cerchiamo di comportarci nella maniera opposta: non pubblicizziamo il loro modo di imporre in maniera dittatoriale tutto ciò, non cadiamo nella loro trappola di criticare ma comunque mettere in risalto questo obbrobrio!!

LA TERNANA SIAMO NOI!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

La didattica a distanza, assieme a Pegaso, Cepu e altri.

Le eccellenze della ricerca scientifica italiana sono ben altre (però è vero che non acquistano squadre di calcio come tabelloni pubblicitari).

Al di la di tutte le polemiche, pro e contro, leggo da qualche giorno la similitudine tra CEPU, Pegaso e Unicusano, è sbagliata!

La merduggina CEPU è una società di disbrigo pratiche e di preparazione universitaria, mentre Pegaso, Unicisano, eCampus, Uninettuno, ... sono Università e sedi Accademiche riconosciute.

 

Ormai gira forte la voce, anche e soprattutto alimentata dai Baroni, che le Università sopra citate siano per lo piú un laureificio, ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

boo... a me piace.... e il loro nome prima di ternana lo vedo come una maggiore garanzia... nel senso che cercheranno di non fare male per non sputtanarsi.... poi vabbe' leggo certe cose di certa gente che augurerei altri 15 anni di gestione longarini con 15 anni di derby persi.. prese per il culo.. gestioni circensi....!!!! ecc ecc ecc

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

CHE COS'EIL TITOLO SPORTIVO? Per rispondere a questa domanda dobbiamo rifarci all'art. 52 delle Norme organizzative interne della federazione (“NOIF”): “Il titolo sportivo è il riconoscimento da parte della FIGC delle condizioni tecniche sportive che consentono, concorrendo gli altri requisiti delle norme federali, la partecipazione di una società ad un determinato Campionato.” Il comma 2 letto in combinato disposto con il già citato comma 1 del medesimo articolo è la parte operativa e di maggior interesse di questo argomento in quanto afferma: “In nessun caso il titolo sportivo può essere oggetto di valutazione economica o di cessione.”

ANALISI DELLA NORMATIVA – Come già detto: il titolo sportivo è il riconoscimento da parte della F.I.G.C. (uno dei compiti di questo organo è quella di organizzare i campionati) delle condizioni tecniche sportive della possibilità di partecipare ad un determinato campionato. Voglio soffermarmi su quello che è stato specificato dalla giurisprudenza sopratutto nella sentenza del Tar Lazio Sez. ter del 22 settembre 2004, n. 9668 (Napoli/ F.I.G.C.) in tema di definizione del titolo sportivo. Prima di tutto come si può definire il titolo sportivo: “il titolo sportivo è una qualità inerente alla posizione di status che questi riveste nei confronti e nell’ambito dell’organizzazione settoriale di cui fa parte”. Quindi possiamo capire come questo sia uno status della società sportiva nei confronti dell'ordinamento sportivo. Ed infatti la stessa sentenza affermava “il titolo sportivo, in altre e più semplici parole, inerisce al soggetto affiliato in sé, perché non solo ne descrive il merito e la capacità sportivi, ma soprattutto la sua partecipazione all’organizzazione e, quindi, è una delle qualità del rapporto associativo dell’affiliato con la F.I.G.C.” Mentre in seconda analisi si parla di “condizioni tecniche sportive” per definire “il risultato tecnico sportivo s’identifichi con le condizioni tecnico-sportive che determinano (…) il diritto al relativo riconoscimento è un bene immateriale appartenente, in modo personalissimo ed esclusivo, solo alla società sportiva che l’ha conquistato sul campo”. Così passa il concetto che il diritto di partecipare ad un campionato è possibile solo se conquistato sul campo. Il dato che afferma che il titolo sportivo è privo di valore economico è ribadito dal Comma 2 definendo che “il titolo sportivo è personalissimo nell’ambito dell’ordinamento sportivo”.

“CESSIONE DEL TITOLO SPORTIVO?” - Ma allora è così impossibile il “passaggio” del titolo sportivo? Perchè si parla di cessione del titolo sportivo? Diciamo subito che queste affermazioni sono sbagliate, e qualcosa del genere non può coesistere all'interno dell'ordinamento giuridico sportivo. Il titolo sportivo potrebbe passare da una società ad un altra secondo da quanto disposto dall'art. 52 comma 5 N.O.I.F. se vi fosse una fusione “alla nuova società o alla incorporante è attribuito il titolo superiore tra quelli riconosciuti alle società che hanno dato luogo alla fusione”. Anche la scissione puo' entrare in questo concetto: “il titolo sportivo della società scissa o della conferente è attribuito rispettivamente alla società derivante dalla scissione che prosegue l'attività sportiva ovvero alla conferitaria, fatto salvo quanto previsto in ambito dilettantistico dal comma 6 della medesima disposizione”. Anche un cambio di denominazione (art. 17 NOIF) insieme al mutamento della sede sociale (art. 18 NOIF) ed un cambiamento dell'impianto sportivo (art. 19 NOIF) possono essere un passaggio del titolo sportivo che scavalcano l'art. 52.

TRASFERIRE IL TITOLO SPORTIVO - Sicuramente si dovrebbe ritenere trasferibile il titolo sportivo nel caso di cessione dell’intera azienda sportiva, in quanto esso risulta essere il primo, e il più importante, elemento (l’avviamento) dell’azienda (come evidenziato dal TAR Lazio con la sentenza n. 9668/2004, riportata alla nota n. 30): ne consegue che non risulta certamente condivisibile l’impostazione assunta dal TAR Lazio, Sezione Terza, con la sentenza 12 agosto 2005, n. 6174 (questione Como/FIGC) in base alla quale il titolo sportivo non risulterebbe oggetto di trasferimento in caso di cessione d’azienda (“il trasferimento di azienda non comporta, di per sé, anche la cessione del titolo sportivo, in quanto non rientrante nel complesso dei beni organizzati per l’esercizio dell’impresa, ai sensi del 2555 c.c.: ciò perché il titolo sportivo, ai sensi dell’art. 52, I comma, della N.O.I.F., costituisce una posizione di status inerente al soggetto affiliato, rilevante all’interno dell’organizzazione sportiva, sicchè esso esiste solamente nella misura in cui è riconosciuto dalla F.I.G.C. nel cui contesto il relativo valore è destinato ad esprimersi e realizzarsi, onde la relativa disciplina rende inapplicabile la disciplina civilistica del trasferimento d’azienda”).

 

A cura di Francesco Rondini

 

Legale esperto in Diritto dello Sport.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Invece negli ultimi 13 anni ad ogni sacrosanto derby non l'hai subite le prese per culo?

Girano file dooo l'ultimo derby umilianti.

Magari hai visto mai che se la prendono un culo stavolta?

Comunque detto questo il simbolo così storpiato naturalmente fa male anche a me è lo trovo molto brutto oltrechè difficile da digerire.

Speriamo che la federazione glielo vieti

Appunto! Ma era per sconfitte sul campo e derby persi. Prese per il culo pe cose del genere non l'avrei mai messe in conto. Porca madonna

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Corriere dello Sport di oggi è solo l'inizio, nonché una fine meritatissima. Mettessero pure un gallinaccio al posto de lu drago, tanto l'appaludirebbero uguale!!!

 

Addio Ternana! Sono sopraffatto dalla disperazione, vomiterei pure l'occhi!!!

 

Grazie Terni che hai consentito questo scempio.

Purtroppo Riccà gli è stato anche permesso..... visto che nessuno, partendo da noi, con dei fatti ha dichiarato la propria contrarietà da quando hanno sbandierato la loro intenzione!!

Anzi il messaggio che è passato alla presentazione è quello di una grande accoglienza (parliamo di una 50 di tifosi pensa te) ma con tante mani che applaudivano!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vomitevole ovviamente a livello concettuale, ma anche di veste grafica, visto che pare fatto con paint da un figlio di 7 anni. Naturale continuazione di quello che hanno dimostrato in queste settimane in tutti gli ambiti. Dannosi e animati da un'idea di calcio distorta, irrispettosa e becera e per di piú inetti nella messa in pratica delle loro (infauste) strategie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il nome davanti a Ternana non mi piace e non mi piacerà mai , e nel mio piccolo mi sono ripromesso di non nominare MAI quel nome , nemmeno di sguincio , ma solo TERNANA .

Detto ciò , credo che la cosa fondamentale sia monitorare i loro movimenti e vedere se sono gente seria o sono la prosecuzione marchiciana .

E' chiaro che se sono venuti a Terni , non è certo per amore della città e dei Ternani , ma per affari ...

Speriamo solo che siano , oltre per espandere l'università telematica anche da noi , di natura compatibile con il territorio e che non ci siano interessi legati a monnezzari ed altre schifezze di questo tipo .

Staremo a vedere

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Concordo.

Anzi per me la nuova proprieta fara bene.

Tu e Large Freak ormai, da coerenti adoratori dei Longarini, siete la mia personale cartina di tornasole: se virate verso il blu mi convinco definitivamente che il colore giusto è il rosso, e viceversa.

 

Che il cielo vi conservi a lungo in questo forum! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

La bandiera, lo stemma sono simboli intoccabili perché sacri

Chiedete al parà bandecchi se fosse d'accordo alla modifica del loro simbolo

Share this post


Link to post
Share on other sites

La bandiera, lo stemma sono simboli intoccabili perché sacri

Chiedete al parà bandecchi se fosse d'accordo alla modifica del loro simbolo

il loro simbolo non è ideato da lui.... è imposto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.