Jump to content

Recommended Posts

5 minuti fa, LUCACIARA85 ha scritto:

Non credo che il sindaco (visto che ci sta lavorando) faccia dichiarazioni errate. AnZi è una delle prime cose che ha messo in chiaro.

Anche io sono chiaramente un profano in materia , ma ieri ho ascoltato praticamente fa parte del bando dopo che la regione approverà il progetto definitivo. 

Diciamo che il timore del solito cavillo ce l'ho, per un mio essere pessimista e perché semo nati per tribolá. Tanto ora tocca aspettare il consiglio straordinario del comune e poi la regione, poi potremmo iniziare a farci un'idea più chiara, anche se alcune interpretazioni diverse de alcuni personaggi su sta legge per la costruzione degli stadi non aiuta, almeno a me.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, lugamba ha scritto:

Diciamo che il timore del solito cavillo ce l'ho, per un mio essere pessimista e perché semo nati per tribolá. Tanto ora tocca aspettare il consiglio straordinario del comune e poi la regione, poi potremmo iniziare a farci un'idea più chiara, anche se alcune interpretazioni diverse de alcuni personaggi su sta legge per la costruzione degli stadi non aiuta, almeno a me.

Ah guarda per questo anche io, ho il terrore!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, LUCACIARA85 ha scritto:

Ah guarda per questo anche io, ho il terrore!!

Se il problema fossero i cavilli, sarei abbastanza ottimista...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da leggere senza pregiudizi. Il problema non è tanto clinica si, clinica no, ma il fatto che oggi questa partita rappresenti ottusamente fattore assoluto per il destino di rinascita di Terni.

 

Il nuovo stadio, la clinica privata e la memoria corta che rischia di seppellire Terni

 
Uno dei murales sullo stadio Libero Liberati di Terni in solidarietà alle vittime del golpe del 1973 in Cile

di Fabrizio Marcucci

A Terni si sta srotolando una pellicola che ha il sapore della replica di un film di una ventina d’anni fa. Non fu una storia a lieto fine, e la città ne paga ancora il prezzo. Il copione a dire il vero è un classico: c’è il presidente di una squadra di calcio da sempre in grado di accendere entusiasmi forti, genuini e popolari il quale ha interessi in altri settori e utilizza il pallone come costruttore di una immagine positiva per accrescere il suo potere contrattuale nei confronti della politica, cioè della città. Venti e più anni fa c’erano Luigi Agarini (nel ruolo di presidente) e l’affare della realizzazione degli inceneritori di rifiuti, e sappiamo com’è andata. Oggi ci sono Stefano Bandecchi e l’affare della realizzazione di una clinica privata e di un nuovo stadio per ottenere i quali si fa leva sulla pressione di una tifoseria, e quindi di un’opinione pubblica, inebriata dal successo della squadra di Lucarelli.

Scrivere di queste cose non è facile, poiché in questa vicenda si mescolano elementi di varia natura che contribuiscono a renderla di difficile approccio in punta di logica. Solidissimi interessi economici di parte si impastano con proiezioni romantiche sui colori di una squadra; e di qui le fortune di un singolo o di un gruppo industriale vengono fatte coincidere artificiosamente con quelle di un’intera città che verrebbe riscattata grazie alle fortune della sua squadra di calcio. Si tratta di un gioco truccato, dove l’unica sicurezza è che se non ci sarà il via libera alla costruzione della clinica e dello stadio, ci sarà anche il disimpegno dell’uomo della provvidenza; viceversa, in caso del via libera alla realizzazione di stadio e clinica, ci saranno di sicuro profitti per uno, ma nessuno ha la certezza di investimenti che facciano della Ternana una nuova Atalanta, e meno che mai di Terni una città nuova.

Quello che stupisce, è che essendo una replica, per di più con forzature evidenti, gli spettatori si comportano esattamente allo stesso modo di vent’anni fa. La città cioè, sembrerebbe stare nella sua maggioranza col presidente, e come consentì e anzi “tifò” allora per la realizzazione di un inceneritore brucia-rifiuti che ha contribuito all’inquinamento di un’area già satura, parteggia oggi per il via libera alla realizzazione di stadio e clinica, progetti che lo stesso Bandecchi, dopo essersi definito un imprenditore di vaglia, definisce «abbinati». In che cosa consiste l’abbinamento? Nel fatto che i proventi derivanti dall’attività della clinica, che dovrebbe essere convenzionata col sistema sanitario pubblico, cioè essere finanziata con soldi pubblici, aiuterebbero la realizzazione dello stadio e, di qui, le buone sorti della Ternana. Quindi, di fatto, si ammette già in partenza da parte dello stesso interessato che le eventuali fortune della Ternana deriverebbero da soldi pubblici, salvo rivendicare il genio imprenditoriale del singolo. Ma allora, seguendo la logica dell’intervento pubblico, perché non fare della Ternana, da subito, una public company di proprietà della città?

 

Ora non staremo qui a sottilizzare sul fatto che un’imprenditoria capace non avrebbe bisogno di soldi pubblici per far funzionare una squadra di calcio, come insegnano i profeti del mercato e del profitto che tutto muove. Ci interessa sollevare altre questioni. Eccole.

Terni, e la sanità che più in generale ci si è rivelata nel corso di questa pandemia, hanno bisogno dell’entrata di privati sovvenzionati dal pubblico o di corposi investimenti e indirizzi pubblici che salvaguardino l’universalità del diritto alla salute a prescindere dal profitto privato? Nel remoto caso in cui la Ternana finisse anche in Champions League, quale sarebbe la ricaduta reale sulla città in termini di benessere collettivo, posti di lavoro, sicurezza sociale? Ed eventualmente, si può essere sicuri oggi che le eventuali fortune della Ternana non vengano pagate con un ulteriore impoverimento del territorio nel complesso? La vicenda degli inceneritori ci dice che quest’ultimo è stato lo scenario che si è verificato vent’anni fa. Cioè: quella è stata la realtà. Occorrerà tenerne minimamente conto.

E poi c’è un ultimo punto: Terni vive una crisi pluridecennale. Per uscirne occorrono competenze, tenacia e capacità di visione collettiva che sono oggi difficili da rinvenire nelle classi dirigenti cittadina e regionale nel loro complesso; figurarsi se le si può trovare in un uomo della provvidenza. Il quadrato che si sta erigendo intorno a lui fa pensare a una resa: Terni è finita, buttiamoci sulla Ternana

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 ore fa, LUCACIARA85 ha scritto:

No, non serve avere la struttura subito. L’ha più volte evidenziato il sindaco!!!

Il fatto è che uno dice una cosa ed un altro ne dice un altra...proprio perché (suppongo) che la legge non sia del tutto chiara e si presti facilmente alle varie interpretazioni...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcosa si sarà mosso se oggi il Messaggero titola che Bandecchi ha detto che resterà altri 3 anni?!?! 

Chissà poi perché 3 anni...?!?!? 😁 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Lu Generale ha scritto:

Qualcosa si sarà mosso se oggi il Messaggero titola che Bandecchi ha detto che resterà altri 3 anni?!?! 

Chissà poi perché 3 anni...?!?!? 😁 

ma perché infatti? che senso ha fare questi programmi a breve termine?

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, paolo65 ha scritto:

Da leggere senza pregiudizi. Il problema non è tanto clinica si, clinica no, ma il fatto che oggi questa partita rappresenti ottusamente fattore assoluto per il destino di rinascita di Terni.

 

Il nuovo stadio, la clinica privata e la memoria corta che rischia di seppellire Terni

 
Uno dei murales sullo stadio Libero Liberati di Terni in solidarietà alle vittime del golpe del 1973 in Cile

di Fabrizio Marcucci

A Terni si sta srotolando una pellicola che ha il sapore della replica di un film di una ventina d’anni fa. Non fu una storia a lieto fine, e la città ne paga ancora il prezzo. Il copione a dire il vero è un classico: c’è il presidente di una squadra di calcio da sempre in grado di accendere entusiasmi forti, genuini e popolari il quale ha interessi in altri settori e utilizza il pallone come costruttore di una immagine positiva per accrescere il suo potere contrattuale nei confronti della politica, cioè della città. Venti e più anni fa c’erano Luigi Agarini (nel ruolo di presidente) e l’affare della realizzazione degli inceneritori di rifiuti, e sappiamo com’è andata. Oggi ci sono Stefano Bandecchi e l’affare della realizzazione di una clinica privata e di un nuovo stadio per ottenere i quali si fa leva sulla pressione di una tifoseria, e quindi di un’opinione pubblica, inebriata dal successo della squadra di Lucarelli.

Scrivere di queste cose non è facile, poiché in questa vicenda si mescolano elementi di varia natura che contribuiscono a renderla di difficile approccio in punta di logica. Solidissimi interessi economici di parte si impastano con proiezioni romantiche sui colori di una squadra; e di qui le fortune di un singolo o di un gruppo industriale vengono fatte coincidere artificiosamente con quelle di un’intera città che verrebbe riscattata grazie alle fortune della sua squadra di calcio. Si tratta di un gioco truccato, dove l’unica sicurezza è che se non ci sarà il via libera alla costruzione della clinica e dello stadio, ci sarà anche il disimpegno dell’uomo della provvidenza; viceversa, in caso del via libera alla realizzazione di stadio e clinica, ci saranno di sicuro profitti per uno, ma nessuno ha la certezza di investimenti che facciano della Ternana una nuova Atalanta, e meno che mai di Terni una città nuova.

Quello che stupisce, è che essendo una replica, per di più con forzature evidenti, gli spettatori si comportano esattamente allo stesso modo di vent’anni fa. La città cioè, sembrerebbe stare nella sua maggioranza col presidente, e come consentì e anzi “tifò” allora per la realizzazione di un inceneritore brucia-rifiuti che ha contribuito all’inquinamento di un’area già satura, parteggia oggi per il via libera alla realizzazione di stadio e clinica, progetti che lo stesso Bandecchi, dopo essersi definito un imprenditore di vaglia, definisce «abbinati». In che cosa consiste l’abbinamento? Nel fatto che i proventi derivanti dall’attività della clinica, che dovrebbe essere convenzionata col sistema sanitario pubblico, cioè essere finanziata con soldi pubblici, aiuterebbero la realizzazione dello stadio e, di qui, le buone sorti della Ternana. Quindi, di fatto, si ammette già in partenza da parte dello stesso interessato che le eventuali fortune della Ternana deriverebbero da soldi pubblici, salvo rivendicare il genio imprenditoriale del singolo. Ma allora, seguendo la logica dell’intervento pubblico, perché non fare della Ternana, da subito, una public company di proprietà della città?

 

Ora non staremo qui a sottilizzare sul fatto che un’imprenditoria capace non avrebbe bisogno di soldi pubblici per far funzionare una squadra di calcio, come insegnano i profeti del mercato e del profitto che tutto muove. Ci interessa sollevare altre questioni. Eccole.

Terni, e la sanità che più in generale ci si è rivelata nel corso di questa pandemia, hanno bisogno dell’entrata di privati sovvenzionati dal pubblico o di corposi investimenti e indirizzi pubblici che salvaguardino l’universalità del diritto alla salute a prescindere dal profitto privato? Nel remoto caso in cui la Ternana finisse anche in Champions League, quale sarebbe la ricaduta reale sulla città in termini di benessere collettivo, posti di lavoro, sicurezza sociale? Ed eventualmente, si può essere sicuri oggi che le eventuali fortune della Ternana non vengano pagate con un ulteriore impoverimento del territorio nel complesso? La vicenda degli inceneritori ci dice che quest’ultimo è stato lo scenario che si è verificato vent’anni fa. Cioè: quella è stata la realtà. Occorrerà tenerne minimamente conto.

E poi c’è un ultimo punto: Terni vive una crisi pluridecennale. Per uscirne occorrono competenze, tenacia e capacità di visione collettiva che sono oggi difficili da rinvenire nelle classi dirigenti cittadina e regionale nel loro complesso; figurarsi se le si può trovare in un uomo della provvidenza. Il quadrato che si sta erigendo intorno a lui fa pensare a una resa: Terni è finita, buttiamoci sulla Ternana

 

Che macello... che tristezza questo articolo...

Basta una frase per smontarlo:

"Ora non staremo qui a sottilizzare sul fatto che un’imprenditoria capace non avrebbe bisogno di soldi pubblici per far funzionare una squadra di calcio"

TALE MARCUCCI... ANCORA NON HA CAPITO CHE LA CLINICA NON SERVE PER FAR FUNZIONARE LA TERNANA... MA PER ANTICIPARE AL COMUNE I SOLDI PER COSTRUIRE UNO STADIO PUBBLICO

E ancora...

"... un uomo della provvidenza"?

Che macello... che PENNE che ci stanno a Terni... che tristezza...

PS - per te che metti il -1... puoi infilartelo l'anculo con tutta la tastiera... e aggiungo SUCA!

 

Edited by il professore
  • Like 1
  • Thanks 1
  • Upvote 4
  • Downvote 5

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, paolo65 ha scritto:

Da leggere senza pregiudizi. Il problema non è tanto clinica si, clinica no, ma il fatto che oggi questa partita rappresenti ottusamente fattore assoluto per il destino di rinascita di Terni.

 

Il nuovo stadio, la clinica privata e la memoria corta che rischia di seppellire Terni

 
Uno dei murales sullo stadio Libero Liberati di Terni in solidarietà alle vittime del golpe del 1973 in Cile

di Fabrizio Marcucci

A Terni si sta srotolando una pellicola che ha il sapore della replica di un film di una ventina d’anni fa. Non fu una storia a lieto fine, e la città ne paga ancora il prezzo. Il copione a dire il vero è un classico: c’è il presidente di una squadra di calcio da sempre in grado di accendere entusiasmi forti, genuini e popolari il quale ha interessi in altri settori e utilizza il pallone come costruttore di una immagine positiva per accrescere il suo potere contrattuale nei confronti della politica, cioè della città. Venti e più anni fa c’erano Luigi Agarini (nel ruolo di presidente) e l’affare della realizzazione degli inceneritori di rifiuti, e sappiamo com’è andata. Oggi ci sono Stefano Bandecchi e l’affare della realizzazione di una clinica privata e di un nuovo stadio per ottenere i quali si fa leva sulla pressione di una tifoseria, e quindi di un’opinione pubblica, inebriata dal successo della squadra di Lucarelli.

Scrivere di queste cose non è facile, poiché in questa vicenda si mescolano elementi di varia natura che contribuiscono a renderla di difficile approccio in punta di logica. Solidissimi interessi economici di parte si impastano con proiezioni romantiche sui colori di una squadra; e di qui le fortune di un singolo o di un gruppo industriale vengono fatte coincidere artificiosamente con quelle di un’intera città che verrebbe riscattata grazie alle fortune della sua squadra di calcio. Si tratta di un gioco truccato, dove l’unica sicurezza è che se non ci sarà il via libera alla costruzione della clinica e dello stadio, ci sarà anche il disimpegno dell’uomo della provvidenza; viceversa, in caso del via libera alla realizzazione di stadio e clinica, ci saranno di sicuro profitti per uno, ma nessuno ha la certezza di investimenti che facciano della Ternana una nuova Atalanta, e meno che mai di Terni una città nuova.

Quello che stupisce, è che essendo una replica, per di più con forzature evidenti, gli spettatori si comportano esattamente allo stesso modo di vent’anni fa. La città cioè, sembrerebbe stare nella sua maggioranza col presidente, e come consentì e anzi “tifò” allora per la realizzazione di un inceneritore brucia-rifiuti che ha contribuito all’inquinamento di un’area già satura, parteggia oggi per il via libera alla realizzazione di stadio e clinica, progetti che lo stesso Bandecchi, dopo essersi definito un imprenditore di vaglia, definisce «abbinati». In che cosa consiste l’abbinamento? Nel fatto che i proventi derivanti dall’attività della clinica, che dovrebbe essere convenzionata col sistema sanitario pubblico, cioè essere finanziata con soldi pubblici, aiuterebbero la realizzazione dello stadio e, di qui, le buone sorti della Ternana. Quindi, di fatto, si ammette già in partenza da parte dello stesso interessato che le eventuali fortune della Ternana deriverebbero da soldi pubblici, salvo rivendicare il genio imprenditoriale del singolo. Ma allora, seguendo la logica dell’intervento pubblico, perché non fare della Ternana, da subito, una public company di proprietà della città?

 

Ora non staremo qui a sottilizzare sul fatto che un’imprenditoria capace non avrebbe bisogno di soldi pubblici per far funzionare una squadra di calcio, come insegnano i profeti del mercato e del profitto che tutto muove. Ci interessa sollevare altre questioni. Eccole.

Terni, e la sanità che più in generale ci si è rivelata nel corso di questa pandemia, hanno bisogno dell’entrata di privati sovvenzionati dal pubblico o di corposi investimenti e indirizzi pubblici che salvaguardino l’universalità del diritto alla salute a prescindere dal profitto privato? Nel remoto caso in cui la Ternana finisse anche in Champions League, quale sarebbe la ricaduta reale sulla città in termini di benessere collettivo, posti di lavoro, sicurezza sociale? Ed eventualmente, si può essere sicuri oggi che le eventuali fortune della Ternana non vengano pagate con un ulteriore impoverimento del territorio nel complesso? La vicenda degli inceneritori ci dice che quest’ultimo è stato lo scenario che si è verificato vent’anni fa. Cioè: quella è stata la realtà. Occorrerà tenerne minimamente conto.

E poi c’è un ultimo punto: Terni vive una crisi pluridecennale. Per uscirne occorrono competenze, tenacia e capacità di visione collettiva che sono oggi difficili da rinvenire nelle classi dirigenti cittadina e regionale nel loro complesso; figurarsi se le si può trovare in un uomo della provvidenza. Il quadrato che si sta erigendo intorno a lui fa pensare a una resa: Terni è finita, buttiamoci sulla Ternana

A mio avviso sterile retorica.

 

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, paolo65 ha scritto:

Da leggere senza pregiudizi. Il problema non è tanto clinica si, clinica no, ma il fatto che oggi questa partita rappresenti ottusamente fattore assoluto per il destino di rinascita di Terni.

 

Il nuovo stadio, la clinica privata e la memoria corta che rischia di seppellire Terni

 
Uno dei murales sullo stadio Libero Liberati di Terni in solidarietà alle vittime del golpe del 1973 in Cile

di Fabrizio Marcucci

A Terni si sta srotolando una pellicola che ha il sapore della replica di un film di una ventina d’anni fa. Non fu una storia a lieto fine, e la città ne paga ancora il prezzo. Il copione a dire il vero è un classico: c’è il presidente di una squadra di calcio da sempre in grado di accendere entusiasmi forti, genuini e popolari il quale ha interessi in altri settori e utilizza il pallone come costruttore di una immagine positiva per accrescere il suo potere contrattuale nei confronti della politica, cioè della città. Venti e più anni fa c’erano Luigi Agarini (nel ruolo di presidente) e l’affare della realizzazione degli inceneritori di rifiuti, e sappiamo com’è andata. Oggi ci sono Stefano Bandecchi e l’affare della realizzazione di una clinica privata e di un nuovo stadio per ottenere i quali si fa leva sulla pressione di una tifoseria, e quindi di un’opinione pubblica, inebriata dal successo della squadra di Lucarelli.

Scrivere di queste cose non è facile, poiché in questa vicenda si mescolano elementi di varia natura che contribuiscono a renderla di difficile approccio in punta di logica. Solidissimi interessi economici di parte si impastano con proiezioni romantiche sui colori di una squadra; e di qui le fortune di un singolo o di un gruppo industriale vengono fatte coincidere artificiosamente con quelle di un’intera città che verrebbe riscattata grazie alle fortune della sua squadra di calcio. Si tratta di un gioco truccato, dove l’unica sicurezza è che se non ci sarà il via libera alla costruzione della clinica e dello stadio, ci sarà anche il disimpegno dell’uomo della provvidenza; viceversa, in caso del via libera alla realizzazione di stadio e clinica, ci saranno di sicuro profitti per uno, ma nessuno ha la certezza di investimenti che facciano della Ternana una nuova Atalanta, e meno che mai di Terni una città nuova.

Quello che stupisce, è che essendo una replica, per di più con forzature evidenti, gli spettatori si comportano esattamente allo stesso modo di vent’anni fa. La città cioè, sembrerebbe stare nella sua maggioranza col presidente, e come consentì e anzi “tifò” allora per la realizzazione di un inceneritore brucia-rifiuti che ha contribuito all’inquinamento di un’area già satura, parteggia oggi per il via libera alla realizzazione di stadio e clinica, progetti che lo stesso Bandecchi, dopo essersi definito un imprenditore di vaglia, definisce «abbinati». In che cosa consiste l’abbinamento? Nel fatto che i proventi derivanti dall’attività della clinica, che dovrebbe essere convenzionata col sistema sanitario pubblico, cioè essere finanziata con soldi pubblici, aiuterebbero la realizzazione dello stadio e, di qui, le buone sorti della Ternana. Quindi, di fatto, si ammette già in partenza da parte dello stesso interessato che le eventuali fortune della Ternana deriverebbero da soldi pubblici, salvo rivendicare il genio imprenditoriale del singolo. Ma allora, seguendo la logica dell’intervento pubblico, perché non fare della Ternana, da subito, una public company di proprietà della città?

 

Ora non staremo qui a sottilizzare sul fatto che un’imprenditoria capace non avrebbe bisogno di soldi pubblici per far funzionare una squadra di calcio, come insegnano i profeti del mercato e del profitto che tutto muove. Ci interessa sollevare altre questioni. Eccole.

Terni, e la sanità che più in generale ci si è rivelata nel corso di questa pandemia, hanno bisogno dell’entrata di privati sovvenzionati dal pubblico o di corposi investimenti e indirizzi pubblici che salvaguardino l’universalità del diritto alla salute a prescindere dal profitto privato? Nel remoto caso in cui la Ternana finisse anche in Champions League, quale sarebbe la ricaduta reale sulla città in termini di benessere collettivo, posti di lavoro, sicurezza sociale? Ed eventualmente, si può essere sicuri oggi che le eventuali fortune della Ternana non vengano pagate con un ulteriore impoverimento del territorio nel complesso? La vicenda degli inceneritori ci dice che quest’ultimo è stato lo scenario che si è verificato vent’anni fa. Cioè: quella è stata la realtà. Occorrerà tenerne minimamente conto.

E poi c’è un ultimo punto: Terni vive una crisi pluridecennale. Per uscirne occorrono competenze, tenacia e capacità di visione collettiva che sono oggi difficili da rinvenire nelle classi dirigenti cittadina e regionale nel loro complesso; figurarsi se le si può trovare in un uomo della provvidenza. Il quadrato che si sta erigendo intorno a lui fa pensare a una resa: Terni è finita, buttiamoci sulla Ternana

Caro Marcucci allora muori te insieme noi!  Vedi altri sviluppi così importanti proposto per la nostra città?? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piuttosto,che altro ci sarebbe da depredare in questa città???nulla,chi doveva prendere lo ha già fatto negli scorsi anni e se ne è andato.

Ora chiunque arrivi,per forza di cosa può solo DARE.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pura retorica ultra conservatrice che non aggiunge nulla alla discussione....e anche falso visto che non parla  della cosa più importante ....il nuovo ospedale!

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, lu Fraportanu ha scritto:

Pura retorica ultra conservatrice che non aggiunge nulla alla discussione....e anche falso visto che non parla  della cosa più importante ....il nuovo ospedale!

retorico e palesemente in malafede.

abbiamo da fare noi che diamo visibilità a questo tipo di contenuti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, lu Fraportanu ha scritto:

Pura retorica ultra conservatrice che non aggiunge nulla alla discussione....e anche falso visto che non parla  della cosa più importante ....il nuovo ospedale!

Avremo un nuovo ospedale a Terni?

Quando? Dove? Come ho fatto a perdermi la notizia? 😮

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Lu Generale ha scritto:

Avremo un nuovo ospedale a Terni?

Quando? Dove? Come ho fatto a perdermi la notizia? 😮

Se avessi seguito le varie trasmissioni su Facebook degli esponenti politici di tutti gli schieramenti ...o anche la raccolta firme, anche quella è per il nuovo ospedale

Share this post


Link to post
Share on other sites
25 minuti fa, ZITTIMBò ha scritto:

A mio avviso sterile retorica.

 

Anche secondo me, mette a confronto poi situazioni diverse e contesti diversi (la Terni di oggi e quella di 20 anni fa sono molto diverse).

Non capisco questa paura (mal)celata verso l’uomo forte...ma uomo forte de che? Si parla di un progetto imprenditoriale e basta, non mi sembra che Bandecchi si sia candidato a dominus eterno della città, invece di tante chiacchiere e pippe mentali (di cui è pieno questo articolo) non si può una volta tanto parlare nel merito? Poi chi di dovere può benissimo decidere che un progetto come questo non sia utile, amen andremo avanti ma questo stillicidio di retorica ha francamente rotto il cazzo (almeno a me)

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 minuti fa, Lu Generale ha scritto:

Avremo un nuovo ospedale a Terni?

Quando? Dove? Come ho fatto a perdermi la notizia? 😮

La raccolta firme è per il nuovo ospedale, ascolta quello che ha precisato il sindaco 

Share this post


Link to post
Share on other sites
25 minuti fa, lu Fraportanu ha scritto:

Se avessi seguito le varie trasmissioni su Facebook degli esponenti politici di tutti gli schieramenti ...o anche la raccolta firme, anche quella è per il nuovo ospedale

Ah, si, verba volant. Le chiacchiere stanno a zero, così come le petizioni. Se a livello politico e istituzionale si muove qualcosa bene, altrimenti siamo alle chiacchiere. E' stato messo qualcosa nero su bianco?

Pensa al tema degli organici nell'ospedale di Terni: sono anni che parlano di potenziare l'organico.

Cosa hanno fatto? Quasi nulla. E' partito solo un concorso per 12 posti complessivi (infermieri e amministrativi). Invece per Perugia mi pare oltre 30 posti. 

Sarebbe opportuno vedere qualche fatto concreto. 

Edited by Lu Generale

Share this post


Link to post
Share on other sites
46 minuti fa, Giorgio Falletti ha scritto:

Anche secondo me, mette a confronto poi situazioni diverse e contesti diversi (la Terni di oggi e quella di 20 anni fa sono molto diverse).

Non capisco questa paura (mal)celata verso l’uomo forte...ma uomo forte de che? Si parla di un progetto imprenditoriale e basta, non mi sembra che Bandecchi si sia candidato a dominus eterno della città, invece di tante chiacchiere e pippe mentali (di cui è pieno questo articolo) non si può una volta tanto parlare nel merito? Poi chi di dovere può benissimo decidere che un progetto come questo non sia utile, amen andremo avanti ma questo stillicidio di retorica ha francamente rotto il cazzo (almeno a me)

Sono d'accordo, retorica ma non necessariamente sterile.

Riportare la questione a quello che è cioè un investimento di un privato in un contesto sensibile come la sanità, non credo sia sbagliatissimo.

Direi che, se vogliamo avere qualche speranza per capire se la questione possa o meno andare in porto, cominciare a togliere di mezzo la fuffa di contorno e puntare al merito non sarebbe una cattiva idea.

Diciamo che si tratta di retorica del tutto simile a quella di chi vuole lo stadio a prescindere (ce lo meritiamo, la rinascità della città, li communisti, ce l'hanno tutti co noi...).

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma da quand'è che il modello "raccolta firme" ha raggiunto questo ruolo determinante per la costruzione futura di infrastrutture in una città?

 

ci sono persone che sono state votate affinché amministrino per il bene futuro della città e di chi la abita.

sta cosa della raccolta firme sta raggiungendo livelli astratti.

 

 

Edited by Aghy
  • Thanks 2
  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
52 minutes ago, polentaccio said:

Sono d'accordo, retorica ma non necessariamente sterile.

Riportare la questione a quello che è cioè un investimento di un privato in un contesto sensibile come la sanità, non credo sia sbagliatissimo.

Direi che, se vogliamo avere qualche speranza per capire se la questione possa o meno andare in porto, cominciare a togliere di mezzo la fuffa di contorno e puntare al merito non sarebbe una cattiva idea.

Diciamo che si tratta di retorica del tutto simile a quella di chi vuole lo stadio a prescindere (ce lo meritiamo, la rinascità della città, li communisti, ce l'hanno tutti co noi...).

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, il professore ha scritto:

 

Che macello... che tristezza questo articolo...

Basta una frase per smontarlo:

"Ora non staremo qui a sottilizzare sul fatto che un’imprenditoria capace non avrebbe bisogno di soldi pubblici per far funzionare una squadra di calcio"

TALE MARCUCCI... ANCORA NON HA CAPITO CHE LA CLINICA NON SERVE PER FAR FUNZIONARE LA TERNANA... MA PER ANTICIPARE AL COMUNE I SOLDI PER COSTRUIRE UNO STADIO PUBBLICO

E ancora...

"... un uomo della provvidenza"?

Che macello... che PENNE che ci stanno a Terni... che tristezza...

PS - per te che metti il -1... puoi infilartelo l'anculo con tutta la tastiera... e aggiungo SUCA!

 

Ci siamo già confrontati sull'argomento, abbiamo piccole differenze di opinioni sulla clinica convenzionata ma, questa volta ti devo dare ragione al 100% per quanto corcerne la parte evidenziata in grassetto, che non si capisca che per il credito sportivo occorra una copertura finanziaria è sconcertante, articolo che non ha senso logico. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
47 minuti fa, Aghy ha scritto:

ma da quand'è che il modello "raccolta firme" ha raggiunto questo ruolo determinante per la costruzione futura di infrastrutture in una città?

ci sono persone che sono state votate affinché amministrino per il bene futuro della città e di chi la abita.

sta cosa della raccolta firme sta raggiungendo livelli astratti.

Ma io infatti sono choccato da questa cosa...che poi sta petizione sta diventando determinante (per alcuni) non solo "per un'infrastruttura" come dici te, ma proprio a livello politico! Perché tutta questa storia stadio-clinica è una questione politica di primo piano!   

E mi pare di capire che i politici di turno non facciano altro che fomentare questa visione, anziché agire nelle opportune sedi (consigli comunali rinviati, dibattiti in regione assenti, tranne che per l'iniziativa di De Luca). 

A voi piacerà tanto, ma a me non convince sta cosa: la politica deve assumersi le proprie responsabilità e non nascondersi dietro le petizioni, deve fare i propri passi nelle opportune sedi istituzionali e politiche, non fomentare petizioni o sollevazioni di popolo. 

Ci vedo tanto populismo, ma anche una certa dose di incapacità politica e immobilismo.

E sull'incapacità politica e l'immobilismo spero davvero di sbagliare, perché se così fosse il progetto stadio-clinica non si farà. Perché, ripeto, la decisione è (e sarà) politica!  

Spero di sbagliare, ma per ora vedo che continuano a mancare le risposte a domande chiave su questa vicenda, mentre a tanti troppi ternani piace fare come gli struzzi: capoccia sotto la sabbia, non fare domande, non volere risposte, basta che fanno lo stadio. Una visione miope e autolesionista.

Stadio e clinica vanno fatti, ma vanno fatti per bene, nell'interesse della Ternana, di Bandecchi, e della comunità ternana. 

Edited by Lu Generale
  • Thanks 2
  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, paolo65 ha scritto:

Da leggere senza pregiudizi. Il problema non è tanto clinica si, clinica no, ma il fatto che oggi questa partita rappresenti ottusamente fattore assoluto per il destino di rinascita di Terni.

 

Il nuovo stadio, la clinica privata e la memoria corta che rischia di seppellire Terni

 
Uno dei murales sullo stadio Libero Liberati di Terni in solidarietà alle vittime del golpe del 1973 in Cile

di Fabrizio Marcucci

A Terni si sta srotolando una pellicola che ha il sapore della replica di un film di una ventina d’anni fa. Non fu una storia a lieto fine, e la città ne paga ancora il prezzo. Il copione a dire il vero è un classico: c’è il presidente di una squadra di calcio da sempre in grado di accendere entusiasmi forti, genuini e popolari il quale ha interessi in altri settori e utilizza il pallone come costruttore di una immagine positiva per accrescere il suo potere contrattuale nei confronti della politica, cioè della città. Venti e più anni fa c’erano Luigi Agarini (nel ruolo di presidente) e l’affare della realizzazione degli inceneritori di rifiuti, e sappiamo com’è andata. Oggi ci sono Stefano Bandecchi e l’affare della realizzazione di una clinica privata e di un nuovo stadio per ottenere i quali si fa leva sulla pressione di una tifoseria, e quindi di un’opinione pubblica, inebriata dal successo della squadra di Lucarelli.

Scrivere di queste cose non è facile, poiché in questa vicenda si mescolano elementi di varia natura che contribuiscono a renderla di difficile approccio in punta di logica. Solidissimi interessi economici di parte si impastano con proiezioni romantiche sui colori di una squadra; e di qui le fortune di un singolo o di un gruppo industriale vengono fatte coincidere artificiosamente con quelle di un’intera città che verrebbe riscattata grazie alle fortune della sua squadra di calcio. Si tratta di un gioco truccato, dove l’unica sicurezza è che se non ci sarà il via libera alla costruzione della clinica e dello stadio, ci sarà anche il disimpegno dell’uomo della provvidenza; viceversa, in caso del via libera alla realizzazione di stadio e clinica, ci saranno di sicuro profitti per uno, ma nessuno ha la certezza di investimenti che facciano della Ternana una nuova Atalanta, e meno che mai di Terni una città nuova.

Quello che stupisce, è che essendo una replica, per di più con forzature evidenti, gli spettatori si comportano esattamente allo stesso modo di vent’anni fa. La città cioè, sembrerebbe stare nella sua maggioranza col presidente, e come consentì e anzi “tifò” allora per la realizzazione di un inceneritore brucia-rifiuti che ha contribuito all’inquinamento di un’area già satura, parteggia oggi per il via libera alla realizzazione di stadio e clinica, progetti che lo stesso Bandecchi, dopo essersi definito un imprenditore di vaglia, definisce «abbinati». In che cosa consiste l’abbinamento? Nel fatto che i proventi derivanti dall’attività della clinica, che dovrebbe essere convenzionata col sistema sanitario pubblico, cioè essere finanziata con soldi pubblici, aiuterebbero la realizzazione dello stadio e, di qui, le buone sorti della Ternana. Quindi, di fatto, si ammette già in partenza da parte dello stesso interessato che le eventuali fortune della Ternana deriverebbero da soldi pubblici, salvo rivendicare il genio imprenditoriale del singolo. Ma allora, seguendo la logica dell’intervento pubblico, perché non fare della Ternana, da subito, una public company di proprietà della città?

 

Ora non staremo qui a sottilizzare sul fatto che un’imprenditoria capace non avrebbe bisogno di soldi pubblici per far funzionare una squadra di calcio, come insegnano i profeti del mercato e del profitto che tutto muove. Ci interessa sollevare altre questioni. Eccole.

Terni, e la sanità che più in generale ci si è rivelata nel corso di questa pandemia, hanno bisogno dell’entrata di privati sovvenzionati dal pubblico o di corposi investimenti e indirizzi pubblici che salvaguardino l’universalità del diritto alla salute a prescindere dal profitto privato? Nel remoto caso in cui la Ternana finisse anche in Champions League, quale sarebbe la ricaduta reale sulla città in termini di benessere collettivo, posti di lavoro, sicurezza sociale? Ed eventualmente, si può essere sicuri oggi che le eventuali fortune della Ternana non vengano pagate con un ulteriore impoverimento del territorio nel complesso? La vicenda degli inceneritori ci dice che quest’ultimo è stato lo scenario che si è verificato vent’anni fa. Cioè: quella è stata la realtà. Occorrerà tenerne minimamente conto.

E poi c’è un ultimo punto: Terni vive una crisi pluridecennale. Per uscirne occorrono competenze, tenacia e capacità di visione collettiva che sono oggi difficili da rinvenire nelle classi dirigenti cittadina e regionale nel loro complesso; figurarsi se le si può trovare in un uomo della provvidenza. Il quadrato che si sta erigendo intorno a lui fa pensare a una resa: Terni è finita, buttiamoci sulla Ternana

Francamente a Marcucci posso solo rispondere solo come i vecchi davanti a Pazzaglia: allora fallo tu lo stadio...

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, altoforno ha scritto:

Francamente a Marcucci posso solo rispondere solo come i vecchi davanti a Pazzaglia: allora fallo tu lo stadio...

che tra l'altro scrive per tale giornale online "cronache umbre" che è politicamente schierato apertamente con la parte più estrema di chi oggi sta all'opposizione a Terni a in Umbria. solo per completezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
27 minuti fa, Lu Generale ha scritto:

Ma io infatti sono choccato da questa cosa...che poi sta petizione sta diventando determinante (per alcuni) non solo "per un'infrastruttura" come dici te, ma proprio a livello politico! Perché tutta questa storia stadio-clinica è una questione politica di primo piano!   

E mi pare di capire che i politici di turno non facciano altro che fomentare questa visione, anziché agire nelle opportune sedi (consigli comunali rinviati, dibattiti in regione assenti, tranne che per l'iniziativa di De Luca). 

A voi piacerà tanto, ma a me non convince sta cosa: la politica deve assumersi le proprie responsabilità e non nascondersi dietro le petizioni, deve fare i propri passi nelle opportune sedi istituzionali e politiche, non fomentare petizioni o sollevazioni di popolo. 

Ci vedo tanto populismo, ma anche una certa dose di incapacità politica e immobilismo.

E sull'incapacità politica e l'immobilismo spero davvero di sbagliare, perché se così fosse il progetto stadio-clinica non si farà. Perché, ripeto, la decisione è (e sarà) politica!  

Spero di sbagliare, ma per ora vedo che continuano a mancare le risposte a domande chiave su questa vicenda, mentre a tanti troppi ternani piace fare come gli struzzi: capoccia sotto la sabbia, non fare domande, non volere risposte, basta che fanno lo stadio. Una visione miope e autolesionista.

Stadio e clinica vanno fatti, ma vanno fatti per bene, nell'interesse della Ternana, di Bandecchi, e della comunità ternana. 

ma infatti, come scritto tempo fa su questo topic, il mio terrore futuro (non chiamiamolo presentimento) è leggere o ascoltare frasi da parte di autorità politiche ternane comunali o in regione che un progetto X non vedrà la luce per COLPA di "qualche intervista o qualche comunicato scritto da terzi che remano contro" o per colpa dei ternani che "non sono andati a mettere la propria firma alla raccolta firme".

 

 

 

 

 

 

 

Edited by Aghy

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, LUCACIARA85 ha scritto:

La raccolta firme è per il nuovo ospedale, ascolta quello che ha precisato il sindaco 

cioè, ha detto che tocca fare una petizione per farci fare un ospedale nuovo? Quando c'abbiamo un ospedale vetusto e in altre parti della regione da mo' che l'hanno rifatti?

Ah.

 

1) Ah. (ribadisco)

2) serve una petizione per sapere che ai ternani farebbe molto piacere avere un ospedale nuovo?

 

Lallo mio... non ho voglia di sentire che hai detto di preciso ma il sottotesto è abbastanza terrificante... mo' vedemo col badante nuovo...

Edited by wild.duck
  • Upvote 3
  • Downvote 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

tanto per dare un colpo al cerchio e uno alla botte, l'articolo di Marcucci non mi pare tanto sensato, comunque lo si guardi. Se uno mi apre un NaturaSì (per dire) e porta 10 posti di lavoro non vedo perché lamentarsi perché non è arrivato l'Uomo del Monte che porta 1000 posti di lavoro piantando gli ananas a maratta. Intanto sono posti di lavoro, e non è che se c'hai un Bandecchi che si lega a Terni allora dopo ci mette tre carrarmatini e non entra più nessun altro. Al limite può aiutare un po' in direzione contraria, direi.

Edited by wild.duck

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. This site uses cookies to enhance the users' browsing experience and collect infomation about the site utilization. We use both technical cookies and third party cookies. If you continue browsing the site you accept the use of cookies; otherwise you can just leave the site.